Direzione nazionale PD: “…e tutto ad un tratto il coro!”

Enrico_Letta“…e tutto ad un tratto il coro!” gridava ad un certo punto il grande Carlo Dapporto in una nota pubblicità degli anni…. Beh lasciamo perdere. Temo sia quanto è avvenuto ieri quando la Direzione Nazionale del PD ha di fatto sfiduciato il Governo Letta.
E il coro, composto dai vari Massimo, Dario, Walter, Giuseppe, Piero, Gianni (suvvia, i cognomi metteteli voi tanto li conoscete) ha cantato “….uno di noi, uno di noi, Matteo sei uno di noi!”. Infatti al di là delle possibili considerazioni sulla coerenza,  il grande pericolo che Renzi, e con lui il PD, corre é di essere percepito come uno dei tanti, proclami, promesse e poi alla prima occasione
Non so se la Direzione Nazionale di nominati – rigorosamente e “coerentemente” in Assemblea si è votato una lista bloccata – e i gruppi parlamentari – che hanno dimostrato un vero attaccamento…al Paese? no, alla possibilità di rimanersene a Roma fino al 2018  - hanno bene interpretato il voto delle primarie per l’elezione del Segretario. Di certo NON il mio che era volto a costruire un Partito realmente nuovo,  determinato a sostenere il Governo Letta nel percorso di riforme, capace di mettere in campo una proposta vincente alle elezioni, guidata da un Renzi LEGITTIMATO dal voto popolare, non da una anomala crisi extraparlamentare.
Ma forse sono io ad aver  capito male. Si sa, il toscano è una lingua “da interpretare”. Non mi iscrivo alla lista di quelli che “conviene adeguarsi”,  non ho seggi da difendere, ho un ruolo istituzionale, svolto e legittimato più che altro dal territorio, messo a dura prova più dalla dirigenza romana che dalla rabbia e dal disagio dei cittadini.
Mi sento perciò libero di dire che il cinismo con il quale è stato trattato LETTA sia una brutta pagina per il PD. Soprattutto se usato sia da chi deve ancora dimostrare cosa vale, sia da chi nel giro di pochi giorni è passato all’interno del partito dalla minoranza alla maggioranza, mantenendo del resto viva una “certa” tradizione.
Sia chiaro però che con un po’ di disillusione in più, é oramai a livello polare, sarò comunque come  sempre in trincea a difendere un’idea di società solidale che spero  tanto sia ancora un riferimento per il mio partito.
Un’ultima riflessione. Grazie ad Enrico Letta. Ha retto il Governo in un momento non difficile, ma difficilissimo. Ha ridato una vera dignità internazionale all’Italia. Ha dato esempio di sobrietà e serietà, nonché di normalità nel ricoprire le più alte cariche pubbliche. Lo ha fatto con una maggioranza di “emergenza” e con un PD non certo graniticamente solidale. La politica italiana di questi anni, è vero, è troppo paludosa per cogliere queste potenzialità. Preferisce i proclami e gli effetti speciali.
Speriamo bene. Buon lavoro Renzi, auguri Italia.

Articolo scritto in Blog Dem, Idee e politica e con i tag , , .

Una risposta a Direzione nazionale PD: “…e tutto ad un tratto il coro!”

  1. Rino Apollonio scrive:

    Io non sono di sinistra e forse non sono mai stato da nessuna parte ma ti stimo per quello che fai e per come lo fai, ho provato a fare l’assessore in una lista civica e dopo 5 anni ho la nausea della politica; mi chiedo come fai a stare in un ambiente che non si può nenche definire adeguatamente senza incorrere in una denuncia penale.
    Auguri per il to lavoro…




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>