Rinnovamento, il PD non può mancare all’appuntamento

primarieQuanto si temeva non è avvenuto. Anche gli iscritti hanno scelto, in modo piuttosto deciso,  di indicare Renzi quale potenziale Segretario Nazionale del Partito Democratico. Si è evitato che il risultato di questa fase di “convenzioni” segnasse un risultato  diverso da quello prevedibile delle  primarie previste per l’ 8 dicembre. Penso sia un fatto importante, che debba far riflettere  sia chi difendeva con Cuperlo l’idea del Partito degli iscritti, da contrapporre al Partito aperto, sia chi ha caldeggiato – a onor del vero assieme all’amico  Civati al quale va riconosciuto un risultato tutt’altro che banale che dovrà a mio giudizio trovare un’adeguata valorizzazione – con Renzi la tesi opposta. Se infatti sono gli stessi iscritti ad essersi espressi al riguardo, ponendo fine mi auguro in modo definitivo ad una inutile discussione, rimane il tema di come attrezzare il Pd a partire dalle primarie prossime. La scommessa per il nuovo Segretario, che più che mai auspico sia Matteo Renzi, sarà quella di tenere assieme la passione, l’impegno, l’organizzazione di una “militanza” fortemente delusa che non ha ancora superato la “discarica dei 101″ e  che rischiamo un po’ alla volta di disaffezionare. Bisogna aprire le porte, e anche le finestre, delle nostre sedi ad energie, contributi, partecipazioni fresche e competenti, capaci di rimetterci in dialogo con la società italiana, da troppo tempo distante dalla politica e dal centrosinistra in particolare. Più che mai emerge in questi momenti l’inadeguatezza di certa classe parlamentare e politica che cerca di decifrare con codici antichi il momento attuale, che cercando spiegazioni si rifugia nella difesa di un passato, sia pur glorioso. Non può più essere così, ce lo dice la base del nostro partito, dagli iscritti, ai cooordinatori di circolo, ai volontari “delle salamine”.
Ma più che mai anche per i sostenitori della linea vincente si manifesta la necessità di essere all’altezza del compito ricevuto. Cominciando dalla capacità  di mettersi in discussione non chiudendosi a riccio, ma aprendosi, vivendo questo momento nel modo più inclusivo possibile. Non è l’indicazione di una nuova classe dirigente, che poi così nuova non è mai, che è stata data, quanto piuttosto l’indicazione di un metodo di individuazione delle persone, donne e uomini, giovani e meno giovani, alle quali vogliamo affidare ruoli di responsabilità. Premiando, questo si è manifestato in modo chiaro, la spinta al rinnovamento, accompagnato però da qualità e competenza. Nella politica italiana, in ogni “casa”,  sono aperti cantieri di rinnovamento, più o meno desiderati, ma comunque aperti. Sarebbe perlomeno strano, per noi imperdonabile, che proprio il Pd che per primo ha saputo mettere in discussione importanti appartenenze per sfidare con coraggio il futuro con una proposta fortemente innovativa mancasse l’appuntamento!

Articolo scritto in Blog Dem, Idee e politica e con i tag , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>