Archivi del mese: novembre 2011

Formigoni spiegaci!

Si lavora in un clima orribile. Troppi sono i sospetti, i dubbi le vicende poco chiare che si susseguono. Fatti estremamente preoccupanti dal San Raffaele agli arresti eccellenti scuotono la vita politica e amministrativa della nostra Regione. Detto che spetta alla magistratura giudicare, credo tocchi alla politica fare qualcosa. Trasparenza negli atti, comunicazione completa su quanto avvenuto, sono gesti che il Presidente Formigoni “deve” al Consiglio e a tutti i Lombardi. Uno sforzo in più per porre termine ad una gestione che ha perso ogni capacità innovativa e sta mostrando il peggio di sé va fatto. A condizione di essere veramente “diversi” però!

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | 1 commento

A proposito di Grenn Hill e ricerca scientifica

E’ ovvio che su Green Hill siamo tutti, o quasi, dell’idea che sia una situazione da risolvere in fretta, con chiarezza e assunzione di responsabilità, evitando l’imbarazzante rimpallo di responsabilità di questi mesi.
Non è però giustificata una confusione tra quanto sta avvenendo a Montichiari e la ricerca con uso di cavie in generale. Premetto che sull’argomento, come molti, ho parecchio da approfondire, però…
Da quanto ho riscontrato esistono settori di ricerca che al momento non possono fare a meno dell’utilizzo di cavie. Su questo illustri studiosi sono chiari. Ora sono convinto che le Regione Lombardia debba approfondire il tema e assumere decisioni.

Mi permetto di suggerire alcune proposte:

  • L’utilizzo di cavie solo in casi indispensabili e non evitabili
  • Cercare il più possibile di rispettare le cavie stesse
  • Consentire l’allevamento di cavie solo in collaborazione e previo diretto controllo dei centri di ricerca, evitando la “commercializzazione” delle stesse facendone un’attività economica, come per Green Hill
  • Vietare l’utilizzo di cavie nella ricerca cosmetica; la nostra “bellezza” non può essere perpetuato sull’ingiustificato utilizzo di altri esseri viventi
  • Incrementare la ricerca tesa a poter il più presto superare artificialmente l’utilizzo di cavie nella ricerca.

Proposte che mi piacerebbe poter confrontare in sede istituzionale e, perché no, trovare superata da dati scientificamente reali.
Voglio infatti fin da ora sottolineare che il giorno che potrà essere con chiarezza affermato che la medicina e la salvezza di alcune vite potrà fare a meno di cavie, sarà un bel giorno che va ritenuto e “ricercato” come obiettivo.

    Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

    Inaugurata la nuova PET

    Questa mattina all’ospedale civile di Brescia è stata inaugurata la nuova PET donata dalla fondazione Berlucchi.

    Molti e autorevoli gli interventi, dal Direttore Generale dell’ Azienda, alla Presidente della Commissione III Sanità regionale, ad alcune già ministro al Magnifico Rettore dell’ Università.

    Peccato che nell’ entusiasmo diffuso, del resto più che giustificato vista l’importanza della donazione, nessuno, dico nessuno, si sia preoccupato di ricordare i tagli subiti dall’ ospedale stesso sulla struttura pari a quasi 60 milioni di euro. Meglio parlare della sensibilità privata che del disastro pubblico che per quanto riguarda Brescia e la Lombardia ci sta consegnando solo tagli e mortificazioni.

    Ora il Governo è cambiato, speriamo anche la capacità di fare risparmi intelligenti che certo dovranno incontrare anche un governo regionale un po’ più attento e capace di rappresentere i bisogni dei lombardi. Sono convinto che su queste questioni pur mantenendo un corretto profilo istituzionale sia ora di alzare i toni e far conoscere a tutti che sotto un paludato “va tutto bene” esiste un serio problema di tenuta di un sistema sanitario di qualità e garantito a tutti.

    Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

    Auguri governo Monti!

    E’ nato il nuovo governo! I commenti più frequenti che si sentono, anche fra gli addetti ai lavori, sono del tipo “…non conosco nessuno…” oppure “…ne conosco solo uno o due …”. Forse siamo sulla strada giusta!
    Intanto auguri al ministro Cancellieri che abbiamo avuto modo di apprezzare in qualita’ di prefetto di Brescia. Unire competenza, capacita’ di decidere e profondo senso delle istituzioni ad una profonda umanita’ e capacita’ di ascolto e’ cosa rara! Buon lavoro caro prefetto, buon lavoro Presidente Monti. Buon lavoro democratici e . . . Auguri Italia!

    Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , | 1 commento

    Responsabilità Responsabilità Responsabilità

    Ci eravamo forse illusi che il senso del dovere di dare urgenti risposte ad emergenze drammatiche fosse diffusa nella classe politica. Così non è.

    E’ infatti evidente che i berlusconiani in ritirata cercano in tutti i modi di avvelenare i pozzi, spostare l’attenzione dal “disastro” da loro generato all’ennesimo scontro politico.  Come delegittimare Monti e l’eventuale suo governo agli occhi degli italiani? Questa la domanda che molti nel PDL si stanno ponendo.

    Come impedire, invece,  ai padani di capire come in tutti questi anni la Lega pur governando a tutti i livelli non è riuscita a portare quel grande cambiamento promesso, dimostrando  tutta la sua demagogia e incapacità politica ? Questo si staranno chiedendo i padani chiusi nel fortino mantovano nel parlamento del nord!

    Noi del PD? Credo che Bersani abbia dimostrato sinceramente di aver fatto suo il richiamo del Presidente Napolitano ad avere a cuore il bene dell’Italia e d tutti gli italiani più che quello della “propria” parte. Bisogna proseguire così proponendo cose concrete e tese a ricreare coesione, sacrificio e sviluppo. Facendolo con facce credibili, capaci di interpretare affidabilità e novità, portatrici di quella voglia di innovazione di cui il Paese ha bisogno.

    Lasciamo a casa certi “innovatori” da sempre e certi giovani avanguardie del…. passato che vedendosi già Ministri rischiano di consegnarci  nuovamente l’opposizione.

    Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

    Riflettendo sul convegno sull’autismo

    Stefania che ci ha parlato di Andrea, Giovanna che ci ha parlato di Albero e Cinzia che ci ha parlato di Alice hanno dato il senso al convegno di sabato sull’autismo. Voleva essere una ulteriore presa di coscienza e un’assunzione di responsabilità. Certo, sentire parlare i genitori è un colpo allo stomaco non indifferente, comprendere come ha fatto capire la dottoressa Francesca degli Espinosa che si può fare molto dal punto di vista scientifico, prendere atto del poco e disorganico che è stato fatto dalle istituzioni…. persino imbarazzante. Penso sia stato un punto di partenza importante su cui “presto” lavorare.

    P.s. Grazie a Mario Barboni e Francesco Bova per aver fortemente voluto che il tema autismo fosse un tema da trattare con la giusta rilevanza e impegno. Ottima poi l’intera organizzazione

    Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

    Il Pd tra responsabilità e verita

    Cos’altro deve capitare perché i Silvio, gli Ignazio, gli Angiolino, gli Umberto e i Roberto, capiscano di smettere di voler dettar tempi, modi e nomi!
    Invocando la democrazia(leggiamo i numeri che li hanno eletti, sono molto meno plebiscitari di quanto ostentano).
    Dimenticando che molto semplicemente hanno fallito non come progetto politico, magari fosse solo quello, ma anche come “paese” il che è imperdonabile. Sono ancora li a difendere interessi personali, in cerca di salvacondotti e nomi di garanzia, Dini? Nella sua vita politica ha cambiato più schieramenti che camice!
    Tuteliamo l’interesse nazionale, mostriamoci capaci di dialogare con chiunque in questo momento voglia farlo, ma… chiari nella denuncia verso chi ci ha portato nel barato.

    P.s. Per cortesia caro PD nei dibattiti televisivi di questi giorni, perché ci ostiniamo a mandare i soliti noti che da 20 e più anni rappresentano il “nuovo” o in alternativa giovani, si fa per dire, cavie di laboratorio, tronfie, piene di se, che già si vedono ministro e che onestamente hanno idee molto “loro” che mi auguro non siano quelle del PD.
    Bene Bersani, ma attento a vecchi e nuovi “rovina” consenso!

    Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , , | 2 commenti

    AUTISMO

    L’autismo è una sindrome di natura neuro-biologica che implica disabilità complesse, nei vari livelli di gravità. È identificabile sin dalla prima infanzia sulla base di difficoltà nella comunicazione, nella interazione sociale e nelle modalità comportamentali, che compromettono lo sviluppo delle facoltà di apprendimento e le conseguenti relazioni sociali.

    Si manifesta nei primi 3 anni di vita e colpisce 6 persone su 1000 (3-4 maschi ogni femmina). Un bambino su 125 (dati OMS) è affetto da autismo. In Lombardia si stimano circa 150.000 persone affette da una sindrome da spettro autistico, compresa la Sindrome di Asperger.

    Nel merito, come membri della Commissione sanità del Consiglio Regionale, abbiamo voluto e organizzato il convegno “Autismo: il ruolo e le responsabilità delle Istituzioni, tra visibilità e invisibilità” che si terrà a Milano, presso il palazzo Pirelli (sede del Consiglio Regionale), sabato 12 novembre dalle ore 9.00.

    Le famiglie e le associazioni da anni sono impegnate nella richiesta di un piano operativo di intervento per l’autismo volto anche al perseguimentodi una legislazione regionale specifica, in coerenza con la Carta dei diritti delle persone con autismo (approvata dalla CEE nel 1996), le linee guida internazionali e le indicazioni del Tavolo nazionale di lavoro sull’autismo (Ministero della Salute – 2008) e della Convenzione ONU. Tutto ciòal fine di garantire interventi psicoeducativi precoci, intensivi, pluridisciplinari ed altamente personalizzati, finalizzati all’integrazione, all’inserimento nella scuola, nel lavoro e nella società.

    Il convegno di sabato sarà l’occasione per discuterne insieme e per sollecitare Regione Lombardia a stanziare i fondi necessari per la piena attuazione del Piano decennale sulla disabilità. Un piano purtroppo non ancora operativo in quanto non sufficientemente finanziato e mancante di una declinazione delle priorità.

    Qui trovate il programma completo: convegno

    Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

    Il Pd che vogliamo

    Consiglio la lettura del post dell’amico Giuseppe Adamoli (Con Bersani, non contro Renzi). Come sempre arguto e lucido. Quale Pd pensiamo di costruire se non siamo capaci di “associarci”? Con quali voti pensiamo di vincere le elezioni se oltre che “scaldare” i nostri non “parliamo” agli altri?

    Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , | Lascia un commento

    Tra correnti, spifferi e…

    In questi giorni molto si è scritto sulla stampa locale riguardo la versione “bresciana” dell’effetto Renzi. Non è mancato un certo scimmiottamento del livello nazionale; anche qui c’è stato chi si è schierato nettamente contro il sindaco di Firenze, chi mostra interesse ma… per ora manca, che sia questione di qualche giorno?, chi è convintamente a sostegno. Varie sono state le presenze “nostrane” alla Leopolda: osservatori speciali, esterni interessati, i “soliti” noti che fin dal primo Ulivo si sforzano di rappresentare l’avanguardia dei processi in atto, considerando la fortuna che fino ad ora hanno portato alle iniziative sponsorizzate fossi in Renzi toccherei… ferro!

    Qualche autorevole giornale si è pure spinto a rappresentare il PD bresciano attraverso i “capi-corrente”. Al di la’ della considerazione che forse assieme ad una certa politica andrebbe rottamato anche un certo modo di “raccontarla” vorrei fare una riflessione.

    Tra bersaniani, bersaniani più bersaniani di Bersani, franceschiniani, lettiani, bindiani,  mariniani, autoreferenziati, giovani vecchi e vecchi che si credono sempre giovani, esiste qualcuno al quale sta a cuore il PD e che in questo momento di tragica difficoltà si rende conto che la nostra priorità deve essere la costruzione di un progetto per il paese e non il bilanciamento tra correnti?

    Per quanto mi riguarda voglio lavorare per un PD senza padroni nè nazionali nè locali, fatto di persone che credono nella possibilità di cambiare il modo di governare le nostre comunità cominciando a modificare il modo in cui si opera all’interno del nostro partito.

    Basta con capi-corrente che rappresentano solo loro stessi, che da vent’anni vogliono rappresentare il passato, il presente e il futuro e intanto si è persa la provincia, la città capoluogo, non si tocca palla in regione e quando c’è il voto politico….

    Basta con una sovrapposizione della città, 200.000 persone, rispetto al resto della provincia, più di 1.200.000 persone, quasi che questione come A2A, aeroporto, infrastrutture, sanità, servizi in genere non riguardino tutti gli abitanti della provincia che non devono essere chiamati solo a “pagare”, ma anche a “decidere”. Diamo spazio ai tanti che ogni giorno nelle amministrazioni locali e nel partito territoriale si impegnano, dopo aver fatto il “loro” lavoro, con dedizione e generosità e che “sono” il Partito Democratico. Basta con funzionari cresciuti in provetta, con confusione tra struttura del partito e rappresentanza politica, con i soliti del “so tutto io”, con chi intende giocare ogni ruolo in partita, con chi rischia di avere a cuore solo se stesso. Non so se dire questo significa essere di Bersani, di Renzi o non so di chi. So che per quanto mi riguarda, all’interno del partito, non sono più disponibile a riconoscere in modo acritico autorevolezze non sempre acritiche, ma a lavorare per quel rinnovamento che il PD, alla sua nascita, aveva individuato come sua missione, rinnovamento che per essere fatto non ha bisogno di continui pulpiti, ma di impegno costante, anche nelle piccole cose.

    Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento