LA GESTIONE DELL’ACQUA RIMANGA AI COMUNI

Un progetto di legge al Parlamento che chiede di abrogare il comma della legge Finanziaria 2010 che sopprime le Aatoacqua pubblica (Autorità d’ambito territoriale ottimale), e toglie quindi ai sindaci la titolarità della gestione dell’acqua. E un progetto di legge regionale che mette al centro i Comuni, affinché l’acqua rimanga davvero pubblica. Sono le due mosse che il Gruppo del Partito democratico in Consiglio regionale sta facendo per evitare che la gestione del servizio idrico integrato passi esclusivamente in mano ai privati con tutto ciò che ne consegue per il bene pubblico.

Abbiamo presentato le iniziative oggi durante una conferenza stampa, in cui abbiamo ribadito che l’acqua è un bene pubblico da tutelare e gestire con logiche pubbliche. Ma questo ci viene garantito solo se a gestire il servizio saranno i Comuni, di cui va riaffermato il protagonismo decisionale per ridare centralità alle comunità locali nel tutelare e preservare un bene che incide sull’alimentazione, l’igiene e la salute dei propri cittadini.

Fatta salva la logica dei due progetti di legge (già presentato quello al Parlamento che dovrà passare in Commissione, Consiglio regionale e poi approdare a Roma; in definizione il progetto di legge regionale che contemporaneamente andrà al confronto assieme a quello della maggioranza), i punti chiave sono due: primo punto, la titolarità del servizio idrico integrato spetta al Comune. Secondo aspetto, l’azienda speciale, costituita dalle Province in ciascun Ato (Ambito territoriale ottimale) e denominata Ufficio d’ambito, prevede un consiglio di amministrazione in cui i sindaci, oltre a essere maggioritari, scelgono autonomamente i propri rappresentanti, mentre i Comuni, convocati in Conferenza di servizi dalle rispettive Province, adottano i provvedimenti principali: scelgono la forma di gestione del servizio idrico integrato e le modalità di scelta del gestore del servizio, approvano il Piano d’ambito (che comprende la programmazione degli investimenti) e determinano la tariffa di base. Terzo punto è necessario salvaguardare gli affidamenti già in essere che cessano alla naturale scadenza del contratto. Infine, vogliamo tutelare il principio dell’unitarietà della gestione, relativamente all’affidamento del servizio idrico integrato, che prevede la possibilità di più gestori coordinati da un gestore responsabile”.

Questo poi è un governo antifederalista , perché ha calato dall’alto la decisione di sopprimere le Aato, che in Lombardia rappresentavano un’esperienza importante e soprattutto funzionavano. Ma anche il Governo regionale si è comportato da antifederalista perché nella sua proposta toglie forza ai Comuni, concentrando il potere nelle mani delle Province. Tant’è che grosse perplessità sono state sollevate prima di tutto dall’Anci.

Articolo scritto in Ambiente e agricoltura e con i tag , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>