Referendum: “Dico sì per aprire un tavolo, ma il voto certifica la sconfitta leghista”

In vista del voto del 22 ottobre sul referendum su maggiore autonomia in Lombardia, vi propongo la mia intervista al Giornale di Brescia: “Dico sì per aprire un tavolo, ma il voto certifica la sconfitta leghista“.

Spero possa essere un interessante spunto di riflessione del dibattito. Buona lettura.

girelli-referendum

 

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Lascia un commento

Caserma Serini, mozione strumentale: da vicesindaco di Brescia Rolfi era favorevole

caserma serini-2La caserma Serini era stata identificata dall’allora vicesindaco di Brescia Fabio Rolfi come luogo adatto per un Cie, il centro di identificazione ed espulsione degli immigrati irregolari. Oggi il  consigliere regionale Fabio Rolfi oggi la ritiene inadeguata per farci un CPR, ovvero un centro permanente per i rimpatri.

È una questione nominalistica o forse è solo furbizia politica? Sono colpito da tanta incoerenza e da tanto cinismo. È ormai evidente che la Lega non fa altro che dire di no a qualsiasi politica riguardante i migranti per pra speculazione politica e per trarre vantaggio dalle situazioni di incertezza. Più immigrati sono in strada e più la Lega trova terreno fertile per la sua propaganda. Noi abbiamo un’idea differente, perché per noi i problemi vanno governati e risolti.

Il Pd al momento del voto sulla mozione è uscito dall’Aula del Consiglio regionale per protestare contro la strumentalità della mozione.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato | Lascia un commento

Il mio intervento a “Bella Calabria”

Vi propongo il mio intervento a “Bella Calabria“, la prima festa contro la ‘ndrangheta che si è svolta a Milano il 30 settembre. Davvero complimenti agli organizzatori.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Lascia un commento

‘Ndrangheta in Lombardia, in gioco c’è la tenuta del nostro modello socioeconomico

mafiaGli ultimi accadimenti, con gli arresti del 26 settembre in varie province, ci rimettono di fronte all’urgenza di affrontare il tema della penetrazione della ‘Ndrangheta sul territorio lombardo.

Dobbiamo uscire dalla fase della semplice consapevolezza, che ha sostituito quella della negazione, per entrare nella fase della ferma risposta. Agire in maniera preventiva da parte della politica e delle istituzioni diventa una necessità, tanto più che la Lombardia è diventata luogo d’azione di nuovi modelli mafiosi.

In gioco c’è la tenuta del nostro modello socioeconomico in termini di competitività, trasparenza e rispetto delle regole, ma anche la credibilità del nostro sistema istituzionale e politico che non può subire ulteriori delegittimazioni. Non spetta a noi giudicare, lo faranno le autorità deputate, ma spetta alla politica e alle istituzioni agire con fermezza.

 

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Lascia un commento

Sares Green, ho chiesto chiarimenti e aggiornamenti all’assessore Terzi

terziL’assessore regionale all’Ambiente Terzi ha risposto alla mia interrogazione sulla procedura di Valutazione di impatto ambientale per la realizzazione di un impianto di conversione catalitica di sostanze polimeriche da rifiuti speciali della ditta Sares Green srl.

Abbiamo chiesto all’assessore “qual è lo stato di avanzamento della procedura di Via e se vi siano delle novità in merito”, ma anche “se corrisponde al vero quanto riportato dagli organi di stampa in merito alle dichiarazioni dell’assessore Terzi stesso rispetto a un disimpegno delle amministrazioni locali su tutta la vicenda e come può eventualmente spiegarle tenuto conto della mole di documentazione puntuale predisposta dal Comune di Sarezzo”.

Volevamo sapere se la ditta ha presentato una nuova istanza, ma l’assessore ha confermato che a oggi non risulta a Regione Lombardia che la Sares Green ne abbia depositata un’altra.

La giustificazione della Terzi a proposito delle dichiarazioni, riportate dalla stampa, sul ruolo del Comune di Sarezzo è stata politicamente poco convincente. L’assessore ha genericamente riferito di non aver incontrato di persona l’amministrazione comunale, dimenticando quanto fatto da sindaco e giunta di Sarezzo, che hanno prodotto l’effetto desiderato di impedire l’apertura di un impianto particolarmente impattante sul territorio.

Gli esponenti politici della Lega confondono l’interlocuzione personale con i doveri e i compiti della pubblica amministrazione che sono di produrre atti, assumere delibere e agire formalmente nell’affrontare le varie situazioni. Di fatto, l’amministrazione di Sarezzo ha affrontato e governato tutto il processo, attuando azioni che vanno addirittura al di là del mero rapporto istituzionale, come ad esempio l’incarico dato all’Università di Brescia di valutare i dati oggettivi in merito al progetto presentato dalla ditta.

Rimane una forte perplessità nell’osservare come rappresentanze istituzionali si prestino a speculazioni politiche di parte su temi che, come l’ambiente, hanno necessità della massima sinergia e unità d’intenti e non certo di strumentalizzazioni politiche.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Lascia un commento

“Sono morti per tutti noi”

borsellino_falcone“La lotta alla mafia non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolgesse tutti, che tutti abituasse a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità, e quindi della complicità”.

Palermo 23 Giugno 1992, Chiesa di San Domenico.  Il discorso di Paolo Borsellino:

“Giovanni Falcone lavorava con perfetta coscienza che la forza del male, la mafia, lo avrebbe un giorno ucciso. Francesca Morvillo stava accanto al suo uomo con perfetta coscienza che avrebbe condiviso la sua sorte. Gli uomini della scorta proteggevano Falcone con perfetta coscienza che sarebbero stati partecipi della sua sorte. Non poteva ignorare, e non ignorava, Giovanni Falcone, l’estremo pericolo che correva, perché troppe vite di suoi compagni di lavoro e di suoi amici sono state stroncate sullo stesso percorso che egli si imponeva. Perché non è fuggito, perché ha accettato questa tremenda situazione, perché non si è turbato, perché è stato sempre pronto a rispondere a chiunque della speranza che era in lui? Per amore! La sua vita è stata un atto d’amore verso questa sua città, verso questa terra che lo ha generato. Perché se l’amore è soprattutto ed essenzialmente dare, per lui, e per coloro che gli sono stati accanto in questa meravigliosa avventura, amare Palermo e la sua gente ha avuto e ha il significato di dare a questa terra qualcosa, tutto ciò che era ed è possibile dare delle nostre forze morali, intellettuali e professionali per rendere migliore questa città e la patria cui appartiene. Qui Falcone cominciò a lavorare in modo nuovo.

E non solo nelle tecniche di indagine. Ma anche consapevole che il lavoro dei magistrati e degli inquirenti doveva porsi sulla stessa lunghezza d’onda del sentire di ognuno. La lotta alla mafia (…) non doveva essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale, anche religioso, che coinvolgesse tutti, che tutti abituasse a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità, e quindi della complicità.

Ricordo la felicità di Falcone, quando in un breve periodo d’entusiasmo, conseguente ai dirompenti successi originati dalle dichiarazioni di Buscetta, mi disse: la gente fa il tifo per noi. E con ciò non intendeva riferirsi soltanto al conforto che l’appoggio morale della popolazione dà al lavoro del giudice. Significava soprattutto che il nostro lavoro, il suo lavoro, stava anche sommovendo le coscienze, rompendo i sentimenti di accettazione della convivenza con la mafia, che costituiscono la sua vera forza. Questa stagione del “tifo per noi” sembrò durare poco, perché ben presto sopravvennero il fastidio e l’insofferenza per il prezzo che la lotta alla mafia, la lotta al male, costringeva la cittadinanza a pagare. Insofferenza alle scorte, insofferenza alle sirene, insofferenza alle indagini, insofferenza a una lotta d’amore che costava però a ciascuno non certo i terribili sacrifici di Falcone, ma la rinuncia a tanti piccoli o grandi vantaggi, a tante piccole o grandi comode abitudini, a tante minime o consistenti situazioni fondate sull’indifferenza, sull’omertà o sulla complicità. Insofferenza che finì per provocare e ottenere, purtroppo, provvedimenti legislativi che, fondati su un’ubriacatura di garantismo, ostacolarono gravemente la repressione di Cosa nostra e fornirono un alibi a chi, dolorosamente o colposamente, di lotta alla mafia non ha mai voluto occuparsi. In questa situazione Falcone andò via da Palermo. Non fuggì. Tentò di ricreare altrove, da più vasta prospettiva, le condizioni ottimali per il suo lavoro. Per poter continuare a dare. Per poter continuare ad amare.

Venne accusato di essersi avvicinato troppo al potere politico. Menzogna! Qualche mese di lavoro in un ministero non può far dimenticare il lavoro di dieci anni. E Falcone lavorò incessantemente per rientrare in magistratura. Per fare il magistrato, indipendente come lo era sempre stato, mentre si parlava male di lui, con vegogna di quelli che hanno malignato sulla sua buona condotta. Muore, e tutti si accorgono di quali dimensione ha questa perdita. Anche che per averlo denigrato, ostacolato, talora odiato e perseguitato hanno perso il diritto di parlare. Nessuno tuttavia ha perso il diritto, e anzi il dovere sacrosanto, di continuare questa lotta. Se egli è morto nella carne, è vivo nello spirito, come la fede ci insegna; le nostre coscienze, se non si sono svegliate, devono svegliarsi! La speranza è stata vivificata dal suo sacrificio, dal sacrificio della sua donna, dal Sacrificio della sua scorta. Molti cittadini, è vero, ed è la prima volta, collaborano con la giustizia nelle indagini concernenti la morte di Falcone. Il potere politico trova, incredibilmente, il coraggio di ammettere i suoi sbagli e cerca di correggerli, almeno in parte, restituendo ai magistrati gli strumenti loro tolti con stupidi pretesti accademici. Occorre evitare che si ritorni di nuovo indietro, occorre dare un senso alla morte di Giovanni, alla morte della dolcissima Francesca, alla morte dei valorosi uomini della sua scorta.

Sono morti per tutti noi, per gli ingiusti, abbiamo un grande debito verso di loro e dobbiamo pagarlo gioiosamente, continuando la loro opera; facendo il nostro dovere, rispettando le leggi, anche quelle che ci impongono sacrifici, rifiutando di trarre dal sistema mafioso i benefici che potremmo trarre ( anche gli aiuti, le raccomandazioni, i posti di lavoro); collaborando con la giustizia, testimoniando i valori in cui crediamo, in cui dobbiamo credere, anche dentro le aule di giustizia: troncando immediatamente ogni legame di interesse, anche quelli che ci sembrano più innocui, con qualsiasi persona portatrice di interessi mafiosi, grossi o piccoli; accettando in pieno questa gravosa e bellissima eredità di spirito. Dimostrando a noi stessi e al mondo che Falcone è vivo“.

Pubblicato in Blog Dem | Taggato , | Lascia un commento

Metro Brescia, Regione mantenga gli impegni. No allo slittamento al 2018

metro_bresciaSulla Metropolitana presenterò un emendamento per eliminare l’ulteriore proroga di un diritto che Brescia attende da anni. L’emendamento che ho presentato a dicembre 21016, insieme al collega Rolfi con l’ok di suo pugno dell’assessore Garavaglia, andava a sancire un diritto che anche il presidente Maroni riconobbe alla nostra città. Ora, con un colpo di mano degli uffici regionali, si intende rimandare di nuovo la soluzione a una stortura che già da tempo doveva aver essere sanata.

Proprio in questi giorni, infatti, sta molto facendo discutere la marcia indietro della Regione, che nell’assestamento al bilancio appena presentato ha spostato di un anno, cioè a fine 2018, la data di entrata in vigore del contributo chilometrico per Brescia.

Non è possibile, come afferma il collega Rolfi, ritirare il ricorso al TAR proprio per l’innafidabilità mostrata dalla Regione. Se a luglio, quando verrà approvato l’assestamento di bilancio, ci saranno le risorse promesse – come tra l’altro detto da Maroni a Brescia – allora si potrà anche valutare di ritirare il ricorso. Ricordo che l’emendamento sul quale ci eravamo impegnati a dicembre imponeva una scadenza oltre la quale non si poteva andare: fine 2017. Il minimo che possiamo fare è ripristinare quella formula, andando incontro a quanto affermato dal presidente della Regione.

Infine, permettetemi un’amara costatazione. Ancora una volta alcune posizioni personali dei tecnici della Regione sembrano sovrastare l’indirizzo dato dalla politica. Mai come in questa circostanza la volontà, più volte dichiarata dal Presidente di Regione, si scontra con logiche che nulla hanno a che fare con il buon senso, ma solo con rendite di posizione acquisite e con logiche di favoritismi territoriali che dovrebbero rimanere estranee alla progammazione Regionale.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità | Taggato , | Lascia un commento

Il PD deve tornare ad essere il partito del coinvolgimento e del coraggio di cambiare

elezioni_comunali-442x200Legge elettorale che “salta” sulla buccia di banana volontariamente gettata da Grillo, elezioni qua e là per l’Europa di cui molti, disperatamente, cercano di appropriarsi o allontanarsi a secondo della convenienza, rinnovo amministrativo che al primo turno offre non pochi motivi di seria e profonda analisi.

Mi permetto di premettere due considerazioni e aggiungere qualche riflessione di prospettiva. Il cosiddetto “populismo”, termine che probabilmente sarebbe meglio eliminare dal nostro linguaggio politico, vive un momento di stallo, anzi sembra perdere quota in parte per la delusione dei cittadini verso chi se ne fa interprete, in parte perché la protesta torna a scegliere l’astensionismo. Ne sono dimostrazione le elezioni francesi, in parte quelle britanniche, certamente le nostre amministrative. Con la consapevolezza però che ogni riferimento diretto tra il voto di altri Paesi, Olanda un po’ di tempo fa, Francia ed Inghilterra in questi giorni, e la situazione italiana è perlomeno forzato. Come catalogare Macron, Corbyn o altri nei nostri contenitori? Come parametrare categorie come destra, sinistra, conservatori, progressisti, in culture politiche tanto diverse per origine, carta dei valori, storia?

Forse, più semplicemente, può essere utile cogliere alcuni messaggi provenienti dall’Europa e coniugarli in chiave italiana. La crisi del M5S alle amministrative, oltretutto il più delle volte in territori per loro non facili, non possiamo definirla come la crisi, o addirittura la fine, di quel movimento. In passato più volte si è commesso questo errore, pensiamo ai primi anni della Lega.

Saranno le future elezioni politiche a farci comprendere la loro tenuta e prospettiva di medio e lungo termine, la loro capacità di superare l’evidente e a tratti imbarazzante incapacità di dare rappresentanza in termini di persone e proposte, ad un sentire comunque ancora, se non ancor di più, presente nei cittadini. Non è attaccandoli che si risolve il problema, ma dando risposta alle domande di chi li vota.

Il centro destra dà prova di capacità e di ripresa. Dove si presenta unito, nascondendo sotto il tappeto tutte le tensioni e macroevidenti diversità di opinioni, raccoglie un inaspettato consenso. Questo lo porterà presto a riflettere su come dare consistenza a questa potenzialità, su quale leader, diverso dal passato – oramai superato – di Arcore e dallo scalmanato estremismo di Salvini. Di certo non ci si può continuamente cullare sulla mancanza di un loro leader davvero carismatico per pensare di sconfiggerli elettoralmente. La sinistra, o meglio il variegato mondo della sinistra italiana, dovrà pur uscire dal tentativo di appropriarsi di perlomeno stiracchiati riferimenti Esteri e costruire una proposta italiana, fondata su alcuni temi portanti che non siano il rancore, il risentimento e la voglia di “punire” il PD.

Già il PD, perché rimane questo il tema che più mi appassiona. Ha superato il profilo_pdmomento di disorientamento del risultato referendario con un congresso in due fasi che, al di là di ogni possibile sottolineatura critica, ha restituito in termini di partecipazione un risultato inaspettato, in termini di consenso al Matteo Renzi un poco più previsto, ma non scontato. Si trova di fronte all’impossibilità di aprire in Parlamento un confronto perlomeno rispettoso, se non condiviso, su riforme necessarie, come quella della Legge elettorale. Deve comprendere come costruire una proposta di Governo e verificare le possibili alleanze per le imminenti elezioni politiche.

Cosa fare. Smettere di farsi dettare l’agenda politica dagli altri. A volte si ha l’impressione che chi ha responsabilità il mattino legga la rassegna stampa e poi prenda posizione. Mi piacerebbe si iniziasse a prendere posizione e determinare la rassegna stampa del giorno dopo, non come controllo, ma come temi affrontati.

Tornare ad essere il partito che sa trasmettere coinvolgimento e coraggio di cambiare. Tra tutte le possibili analisi di quanto avvenuto nel nostro Paese negli ultimi anni, un dato emerge in modo evidente: come la conservazione si sia manifestata in modo forte, e in alcuni casi determinante, sotto varie forme e abbia saputo bloccare ogni vero tentativo di innovazione. A volte travestita della più dirompente delle novità. Tornare, o iniziare in modo diverso, ad affrontare la necessità di alcuni cambiamenti strutturali è fondamentale anche rispetto l’assetto istituzionale, bocciato dal referendum, ma non per questo meno bisognoso di essere rivisto. Farlo tenendo conto dell’esperienza, e degli errori commessi, è indispensabile.

Non possiamo permettere ad altri di interpretare il ruolo del Partito inclusivo, non possiamo rassegnarci a non riuscire a far sentire ai giovani – non solo quelli “dell’Università” -, ma anche quelli senza lavoro o che lavorano in fabbrica (si esistono ancora!) che ci occupiamo di loro, non possiamo non parlare al mondo produttivo parlando di innovazione, difesa della competitività, recupero delle tante peculiarità italiane che hanno determinato il nostro storico successo economico. Farlo significa selezionare una classe dirigente capace, propositiva, non semplicemente accondiscendente. Significa saper trasmettere la forza di una ritrovata unità interna, dove il dialogo dialettico si esaurisce in una proposta di sintesi, significa costruire alleanze. La prima con i cittadini, poi con le forze politiche che hanno l’ambizione di rappresentarli, ricordandoci e conservando quelle che sono le nostre idealità, le nostre linee guida, i nostri obiettivi.

Con questo spirito dobbiamo vivere i passaggi che abbiamo davanti, la scelta dei candidati, la stesura dei programmi, dal livello nazionale a quello regionale. Avendo a cuore il bene complessivo, la qualità della proposta, non certo il destino di questo o quel candidato.

Infine, se proprio si deve mutuare qualcosa dall’estero, mi permetto di suggerire al PD di appropriarsi del motto dei Labour inglesi, avere l’obiettivo di far diventare l’Italia “A country for the many, not the few”, un Paese per la gran parte, non per pochi (fortunati). Perché questa sì dovrebbe essere la visione del mondo che accumula tutte le forze popolari e progressiste d’Europa e del Mondo.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato , | Lascia un commento

Danni dopo la tromba d’aria, presentata una mozione urgente in Consiglio regionale

brescia-tromba-ariaDopo la tromba d’aria che si è abbattuta l’altro giorno su una parte del territorio bresciano, ho presentato una mozione urgente da discutere nella seduta del Consiglio regionale di martedì 13 giugno.

L’atto impegna la Giunta a richiedere al Governo, una volta ultimata la stima dei danni subiti dal settore agricolo (dalle infrastrutture pubbliche e dalle abitazioni civili), la dichiarazione dello stato di calamità naturale, oltre all’impegno a finanziare adeguatamente tutti gli interventi utili necessari. Inoltre, si chiede di verificare la possibilità di individuare, anche in occasione dell’assestamento di bilancio, eventuali risorse regionali aggiuntive da rendere disponibili per le province più colpite, allo scopo di sostenere gli interventi previsti dal Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura per tutte le aziende agricole che hanno subito danni irreversibili.

Nella mozione si spiega, infatti, chiaramente quanto successo solo poche ore fa in una zona della provincia di Brescia. Il territorio della Pianura padana, con particolare riferimento ai comuni di Leno e Montichiari, sono stati colpiti da eccezionali fenomeni temporaleschi, con trombe d’aria che hanno provocato gravi danni alle infrastrutture pubbliche e private, alle attività agricole e anche alle strutture religiose come nel caso di Milzanello. Ingenti danni si segnalano alle stalle e ai fabbricati a uso zootecnico per il ricovero per il fieno, ai campi di mais e orzo. Solo nel comune di Leno la prima conta, per il solo settore agricolo, ammonta a circa 2 milioni di euro.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica | Taggato | Lascia un commento

Il referendum di Maroni? Interessi personali e della Lega

maroni-firmaMaroni alla fine ha indetto un costoso referendum consultivo sul nulla. Nessuno infatti sa ancora su quali materie il governatore intenda chiedere maggiore autonomia.

Sta chiedendo ai lombardi un voto alla cieca, mentre parla solo di soldi, di fantomatici miliardi di euro che ogni giorno peraltro aumentano, nonostante il referendum non parli di risorse ma solo di competenze.

La novità è però che Maroni ha annunciato di voler fare l’election day con politiche e regionali. Ciò significa che intende dimettersi a breve, entro la pausa estiva, se vuole avere chances concrete di ottenere l’abbinamento tra il voto regionale e quello per le politiche. Si parla degli interessi dei cittadini? Io credo si parli soprattutto degli interessi di Maroni e della Lega.

Pubblicato in Blog Dem | Taggato | Lascia un commento