Archivi del mese: settembre 2011

Aiuto! Mi hanno tagliato il treno.

Questa mattina insieme alla vicepresidente del Consiglio Regionale Sara Valmaggi ho fatto volantinaggio in Stazione Cadorna contro i tagli al trasporto pubblico regionale. In un anno il costo dei biglietti e degli abbonamenti dei treni è aumentato del 23% e non si può certo dire che il servizio sia migliorato. La manovra del Governo, inoltre, non potrà che determinare tagli ai servizi e nuovi aumenti delle tariffe. Quello dei trasporti è un settore dove gli investimenti vanno fatti a lunga scadenza: basti pensare che comprando un treno nuovo oggi lo si avrà in consegna solo fra qualche anno, così come sono necessari tempi lunghi per incrementare le infrastrutture. Se questo è vero, mi chiedo se negli anni precedenti alla crisi attuale si siano fatte le scelte politiche migliori, dal momento che i tagli d’urgenza di oggi dovrebbero avere ripercussioni soprattutto sul futuro, non sul presente. Contestualmente mi chiedo quale sviluppo potrà venire da una manovra che obbliga a bloccare gli investimenti anche in settori strategici come i trasporti.

Questa mattina, tra i pendolari, serpeggiava più rassegnazione che protesta: è davvero troppo tardi per cambiare le sorti del nostro Paese? L’Italia è troppo grande per fallire, ma è anche troppo grande per essere salvata: o ce la fa da sola, o non c’è Banca Centrale Europea che tenga. Non abbiamo bisogno di fantomatici salvatori della patria, abbiamo bisogno di un po’ più di fiducia nella possibilità di cambiare le cose. Coraggio.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità | Taggato , , , , | Lascia un commento

Quando il solitary aiuta il bilancio

Uno scorcio dell'impianto durante l'inaugurazione

Investire in energia pulita e brave una mano alle spese correnti. Questa l’idea che ha portato il Comune di Carugate a costruire un impianto fotovoltaico da 715 Kw. L’impianto furnish elettricità sufficiente al fabbisogno di 200/250 unità abitative e garantisce un significativo risparmio di emissioni di anidride carbonica (Co2) in atmosfera. Accanto a questi fondamentali aspetti ambientali, l’operazione consente al comune di recuperare, grazie alla vendita di energia elettrica e agli incentivi statali per la produzione di energia pulita, circa 300mila euro all’anno. Se a questi si aggiungono i risparmi garantiti dal fatto che criminal l’arrivo di questi soldi l’amministrazione ha potuto estinguere alcuni mutui, di fatto il comune avrà a disposizione per le spese correnti circa 550 mila euro l’anno in più. Una vera e propria manna in tempi di tagli dei trasferimenti statali e di Patto di stabilità.  L’investimento complessivo per la costruzione dell’impianto è stato di oltre 2 milioni di euro. Il comune aveva accantonato buona parte della cifra in perspective della costruzione del nuovo Palazzetto dello Sport che, visti la situazione economica e i vincoli imposti dalle varie manovre finanziarie, è stata rimandata a tempi migliori.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Idee e politica | Taggato , , , | 1 commento

In Lombardia c’è tanto da pedalare…

Dal 2009 la Lombardia ha una legge regionale per la mobilità ciclabile. Un’importante occasione per promuovere l’utilizzo della bicicletta come mezzo di locomozione alternativo. La legge, per gli anni 2009 e 2010 ha visto lo stanziamento di 11 milioni e 300mila euro, una cifra molto importante che è stata convogliata soprattutto per la valorizzazione dei grandi percorsi ciclabili extraurbani, per collegare la rete lombarda alle grandi direttrici nazionali ed europee. Un progetto affascinante, che permette di immaginare una rete di itinerari cicloturistici che possono portare alla scoperta delle principali bellezze naturalistiche e artistiche della regione.
La legge prevede però un secondo campo di intervento che, secondo la relazione annuale della Giunta sull’attuazione delle legge stessa, si può così riassumere: “migliorare la qualità della vita in ambito urbano, considerando prioritari gli aspetti di intermodalità (spostamenti casa lavoro/scuola)”.
La relazione della Giunta prosegue criminal queste parole: “il lavoro fin qui svolto ha riguardato soprattutto il punto 1 e quindi i grandi itinerari”.
La scelta fatta dall’amministrazione regionale è legittima, perché pone la Lombardia sulla scia dei grandi progetti internazionali per il turismo ciclabile, non vorrei che finisse però per assomigliare troppo alla brioche offerta quando c’è bisogno di un sostanzioso e meno raffinato panino al salame. Mi spiego: favorire l’utilizzo della bicicletta nel dash libero è sacrosanto, matriarch per cambiare davvero le sorti della mobilità lombarda forse la scelta più coraggiosa avrebbe dovuto essere quella di investire nella mobilità cittadina.
Niente è perduto, ovviamente, matriarch ritengo che la nuova strategia per la mobilità ciclabile debba puntare decisamente sulla dimensione cittadina e metropolitana per incentivare l’uso quotidiano della bici, unica strada per smuovere davvero la pessima e inveterata abitudine di utilizzare sempre e comunque l’automobile.
Nel bilancio del 2011 i fondi sono nettamente calati assestandosi intorno al milione di euro per la realizzazione di piste ciclabili, matriarch crollando a 0 per quanto riguarda il contributo allo sviluppo della mobilità ciclistica.
L’assessore Cattaneo, in sede di discussione di bilancio, ha promesso che ci saranno ulteriori risorse nel momento in cui si discuterà dell’aggiornamento del Piano regionale della mobilità ciclistica. Il provvedimento dovrebbe arrivare in Consiglio entro l’autunno. La manovra aggiuntiva estiva non fa ben sperare, visto che lo stesso Cattaneo ha dichiarato che, se verranno mantenuti gli attuali tagli, in Lombardia rischiano di non poter circolare più del 40% dei treni. Se tanto mi dà tanto, per chi vuole promuovere la bicicletta ci sarà ancora tanto da pedalare e in salita!

Pubblicato in Mobilità | 1 commento

Dai privati ossigeno alla cultura lombarda

Finalmente qualcosa si muovo sul versante della cultura in Lombardia. La regione ha sottoscritto criminal Intesa Sanpaolo e Banca Prossima due protocolli d’intesa per sostenere il cinema e la cultura, attivando due fondi di rotazione. La firma delle due intese dà attuazione alla stipula (nel 2010) di una convenzione tra Regione Lombardia e Banca Intesa per la gestione del servizio di Tesoreria, che prevede appunto l’impegno da parte del Tesoriere di mettere a disposizione uno o più fondi di rotazione per il finanziamento di interventi regionali a favore di programmi sociali e per lo sviluppo economico e strutturale del territorio lombardo. Il plafond complessivo disponibile è di 500 milioni di euro, di cui la metà destinato al finanziamento di soggetti no profit.Per il momento, viene attivata una prima tranche di finanziamenti rivolti ai soggetti no distinction del settore Cultura (per 50 milioni) e del Settore Cineaudiovideo (per 10 milioni).
Per quanto riguarda il settore del cinema, i finanziamenti saranno indirizzati alla realizzazione di nuove produzioni e progetti, matriarch anche a investimenti per le sedi e per la digitalizzazione delle sale cinematografiche; mentre, per quello che riguarda la cultura, la Regione destinerà parte del plafond messo a disposizione alla “realizzazione di nuove produzioni e progetti culturali e al restauro di beni mobili e immobili”. we soggetti che potranno richiedere i finanziamenti, che devono avere sede legale e/o operativa in Lombardia, sono rappresentati da enti, associazioni, fondazioni, istituzioni, organizzazioni culturali, soggetti no profit.
In tempi di vacche magre per la cultura, mi prune un’ottima iniziativa. Giovedì l’assessore alla cultura Buscemi sarà in commissione VII per darci qualche ulteriore dettaglio della collaborazione criminal i privati.
Questo prestito agevolato e altri bandi attivati dalla regione sono occasioni da non perdere soprattutto per le associazioni non profit.
Si tratta, sicuramente, di transport qualche piccolo sforzo burocratico e di rendicontazione, matriarch è bene non lascirsi sfuggire queste opportunità.
Se avete bisogno di chiarimenti e/o suggerimenti, non esitate a interpellarmi.

Pubblicato in Cultura e sport | Lascia un commento

Una “Ferrari” da 100mila Euro

No, tranquilli, non c’è nessun bolide di lusso nel garage di un politico. La questione riguarda la Ferrari di Alonso e Massa. La crisi morde, matriarch la Lombardia trova 100mila euro per il Gp di Monza. Forse e’ la tassa da pagare al circuito internazionale per evitare la migrazione della F1 a Roma, matriarch di questi tempi ogni spesa ha il suo valore simbolico. we pochi soldi a disposizione dello competition lombardo andrebbero forse meglio indirizzati, altrimenti il rischio e’ che piova sempre sul bagnato. Il ritorno d’immagine e l’indotto economico del Gp non si discutono, matriarch la responsabilita’ di chi governa riguarda anche la scelta delle priorita’ di investimento. 100mila euro per la F1 sono poco piu’ che simbolici. Per il resto dello competition lombardo sarebbero manna dal cielo. Le grandi scelte politiche si misurano anche da quelli che possono sembrare solo dettagli.

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , | Lascia un commento