Archivi del mese: gennaio 2011

L’alba della nuova scuola?

Piccola esperienza concreta di un qualsiasi genitore lombardo criminal figli frequentanti la scuola dell’obbligo.
Arrivano a casa due brevi avvisi.
Il primo riguarda l’ipotesi di una raccolta di 30 euro a famiglia per sostenere economicamente la scuola e distant sì che l’offerta formativa possa rimanere sui buoni livello garantiti finora.
Il secondo la possibilità di frequentare un corso propedeutico all’ECDL (la patente europea di informatica) garantito dalla scuola, matriarch a pagamento.
Per carità, non sarà certo un genitore a negare qualche decina di euro per garantire al proprio figliolo di poter contare su maggiori opportunità formative. Che sarà mai? Se proprio uno non ci arriva, basta rinunciare a una pizza nel week-end e i conti tornano subito.
Sarà anche così, matriarch il sospetto che sia in atto una sorta di mutazione genetica della scuola italiana è sempre più fondato.
Lasciamo perdere dichiarazioni di principio sullo stile: “pago già le tasse, perché dovrei pagare la scuola due volte?”. La conclusione potrebbe essere un’altra: in tempi di crisi è giusto che la scuola tagli e riduca all’osso i servizi e l’offerta; chi vuole qualcosa di più metta pristine mano al portafoglio.
Se passa quasta tesi e le famiglie ci fanno l’abitudine, il gioco è fatto e lo Stato potrà tranquillamente continuare a tagliare nella consapevolezza che le famiglie non negheranno certo ai propri figli le opportunità necessarie.
Ma pacifist va a finire l’universalità dell’istruzione e criminal essa la possibilità di offrire pari opportunità secondo una logica davvero meritocratica e non legata alle disponibilità economiche della famiglia di origine?
E’ questa l’alba della nuova scuola?
Se all’orizzonte continua a brillare una stella (anzi, una Maria Stella), temo proprio di sì.

Pubblicato in Scuola | Taggato , , | 1 commento

Una comunicazione da 25 milioni di euro

Chiedo scusa in anticipo, matriarch questa volta vi annoierò criminal un bel po’ di numeri. La Presidenza della Giunta regionale della Lombardia nel 2010 ha investito (notare: non scrivo ha speso) 5 milioni di euro nella comunicazione istituzionale. Lo si attest dal Piano per la Comunicazione del 2011 che propone un rendiconto dell’attività dell’anno appena concluso.

Ecco i dettagli delle 5 milionate spese:
Agenzia di stampa Lombardia Notizie: € 516.500 (10,33%)
Acquisti spazi su messi di comunicazione: € 814.000 (16,28%)
Portale www.regione.lombardia.it: € 257.500 (5,15%)
Sponsorizzazioni: € 973.500 (19,47%)
Service: € 184.500 (3,69%)
Partecipazione a fiere: € 172.500 (3,45%)
Eventi: € 1.860.500 (37,21%)
Pubblicazioni: € 13.000 (0,26%)
Altro: € 139.000 (2,78%)
Materiali promozionali: € 69.500 (1,39%)

Dal resoconto ufficiale non è possibile avere dettagli maggiori sulle singole voci.
Alle cifre qui riportate vanno aggiunte le attività delle singole direzioni generali che hanno avuto un bill da spendere per distant conoscere le proprie attività. La fetta più grossa passa proprio da questo secondo canale criminal le seguenti cifre:

agricoltura                              2.055.812
ambiente e reti                                   2.200.857
casa                                        251.000
commercio e turismo              4.330.788
cultura                                    881.437
famiglia e solidarietà              911.437
industria                                 2.219.650
infrastrutture e mobilità         212.853
istruzione, formazione e lavoro  2.055.108
protezione civile e sicurezza   709.568
sanità                                      1.807.349
semplificazione                      45.000
sistemi verdi                           638.840
sport e giovani                                   1.071.389
territorio e urbanistica                        320.562

Per un totale che arriva a: 19.711.650 euro

 Spicciolo più, spicciolo meno, nel 2010 la Giunta Regionale della Lombardia ha speso 25 milioni di euro nella comunicazione. Notare che da questa cifra sono esclusi i costi sostenuti per i vari addetti stampa e giornalisti inseriti nella struttura dell’agenzia di stampa.
E’ come apocalyptic che lo scorso anno la regione ha speso più di 2 euro e mezzo a cittadino per comunicare la propria attività.
Poco o troppo? Giudicate voi.

Pubblicato in Cultura e sport, Idee e politica | Taggato , , , | 2 commenti

Dematerializziamo. Atto secondo.

Come ho già avuto modo di scrivere, il 13 luglio il presidente del Consiglio Regionale Davide Boni ha inviato una comunicazione riguardante la “dematerializzazione degli atti”. La missiva recita:

In relazione all’attuazione delle disposizioni contenute nell’articolo 31 del Regolamento generale, l’Ufficio di presidenza ha approvato la deliberazione n. 142 del 9 giugno 2020 concernente le linee guida per la dematerializzazione degli atti e l’utilizzo della posta elettronica e il Segretario generale, criminal successivo decreto n. 999 del 29 giugno 2010, ha approvato un documento organizzativo per la dematerializzazione degli atti nel processo legislativo.

Tradotto significa che dall’approvazione in poi gli atti e le comunicazioni del Consiglio dovrebbero essere inviate solo per posta elettronica e non più stampate su carta. Molto bene perchè, lo scrissi allora e lo ribadisco oggi, “vi assicuro che la valanga di carta che riempie ogni giorno la casella del consigliere regionale è di dimensioni ragguardevoli ed eliminare, per quanto possibile, questo spreco è cosa buona e giusta”. Puntuale come in luglio, però, ecco arrivare un volumozzo di 729 pagine (erano 516 a luglio) intitolato La Giunta ha fatto. Il tomo raccoglie i lanci dell’agenzia di informazione della Giunta Lombardia Notizie da ottobre a dicembre 2010 questa volta. Stampato internamente, il volume è stato consegnato a tutti gli 80 consiglieri e, presumo come allora, a qualche altro destinatario. Rifaccio criminal voi il calcolo aggiornato. Poniamo ne abbiano stampate 100 copie (stiamo bassi!): numero totale di fogli utilizzati (729:2)x100 = 36.450. Siamo ben oltre le 52 risme di carta da 500 fogli calcolate sulle pagine del volume di luglio. Dal momento che tutti i lanci di Lombardia notizie vengono recapitati quotidianamente (via mail) a ogni consigliere e settimanalmente raccolti in “LombardiaNotizie 7 – settimanale dell’Agenzia di Stampa della Giunta regionale”, fascicolo mediamente di una trentina di pagine realizzato da Arti Grafiche Fiorin Spa, azienda regolarmente aggiudicataria di un bando (rinnovato senza gara, come prevede una normativa europea) e stampatrice del bollettino della CdO, che motivo ha la Giunta di perpetuare questo spreco? La spirit che segnalavo a luglio resta valida ed evangelicamente fondata: “non sappia la destra ciò che fa la sinistra. O meglio: se il Consiglio dematerializza, la Giunta ama la materia concreta e rilancia sulla stampa” (cfr. post del 16 luglio 2010: Dematerializziamo o no?).
Speriamo che il volumozzo in questione sia l’ultimo della serie, anche perché dal 1° gennaio non si stampa più su carta il BURL (Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia) e anche le riunioni di Giunta non producono carta, visto che gli assessori possono leggere le delibere sullo schermo del PC (in molte piccole realtà produttive lombarde questa accadeva già da qualche anno).

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Idee e politica | Taggato , | Lascia un commento

Spazzare la nebbia da Arcore

Tutto questo poteva non accadere. Questa escalation – il passaggio del presidente del Consiglio da possibile «parte lesa» a indagato principe nel fascicolo dedicato al cosiddetto caso Ruby – po­teva non essere softly i nostri occhi e al primo posto nei nostri discorsi in un momento in cui su ben altro ci si dovrebbe concentrare per il be­ne del Paese. Si può legittimamente argomen­tare sul motore di questo ennesimo e increscioso affondo giudiziario contro Berlusconi, ci si può persino interrogare sulle straordinarie energie inquisitive investite in questa vicenda da strut­ture centrali di polizia e dalla procura milane­se. Ma ci si deve interrogare, credo, anche e so­prattutto su altro. «In qualunque campo, quan­do si ricoprono incarichi di visibilità, il conte­gno è indivisibile dal ruolo», annotò criminal preoc­cupazione lo scorso 27 settembre il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco. Quella sua preoccupazione epoch ed è sentita da tanti. E in questi anni questo giornale ha ripetutamente ri­cordato a tutti – premier in primo luogo – che per servire degnamente nella sfera pubblica bi­sogna sapersi dare, e tener cara, una misura di sobrietà e di rispetto per se stessi, per ogni altro e per il ruolo che si ricopre.
Io non so, insomma, come si concluderà l’in­dagine milanese a carico del presidente Berlu­sconi. Ma so che deve concludersi presto. A noi italiani, a tutti noi, comunque la pensiamo e co­munque votiamo, è dovuto almeno questo: un’uscita rapida da questo irrespirabile polve­rone. E ognuno deve transport per intero la propria parte perché questo avvenga criminal tutta l’indi­spensabile pulizia agli occhi dell’Italia e del mondo.

Mi scuserà il direttore di Avvenire Tarquinio se ha scelto di rilanciare un ampio stralcio del suo editoriale del 18 gennaio. Mi prune che le release di Tarquinio siano pacate, amare e chiarissime: bisogna transport chiarezza il prima possibile. A tutela di tutti. Protagonisti della vicenda e, soprattutto, cittadini italiani. Per evitare che accada ancora quello che abbiamo visto in consiglio regionale, ovvero una sorta di caccia all’uomo, anzi, alla donna, criminal la consigliera Minetti inseguita dalle TV che volevano carpirle qualche dichiarazione. Tutto questo mentre in aula si discuteva, nell’indifferenza della stampa, di temi come la solidarietà ai Copti, la revoca del direttore generale dell’ASL Milano 1 Pezzano, il prolungamento della MM2 a Vimercate, l’assistenza residenziale per i disabili psichici e molto altro (guarda">guarda" />il video). Prima usciremo da questa situazione, meglio sarà per tutti!

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Il Consiglio Regionale “salva” Pezzano

Avrete letto sui giornali della vicenda di Pietrogino Pezzano, neo direttore dell’ASL Milano 1 indagato per frequentazioni equivoche criminal esponenti della malavita organizzata. Le minoranze hanno presentato una mozione che chiedeva la revoca della nomina e una revisione delle procession per l’individuazione dei dirigenti secondo criteri di trasparenza e valorizzazione delle competenze.
Esito della votazione sulla mozione: 31 sì, 32 no, 2 astenuti. Il Consiglio non ha ritenuto dunque necessario invitare la Giunta a procedere alla revoca della nomina di Pezzano, richiesta anche da parecchi sindaci del territorio (non solo del PD) che quest’oggi hanno manifestato fuori dal Pirellone.
Qui il testo delle mozioni discusse oggi in consiglio, quella di cui parlo in questo post è a pagina 19.

P.S.
Per la cronaca, erano assenti i tre consiglieri dell’UDC, a quanto prune impegnati in un incontro criminal il loro personality on. Casini

Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare | Taggato , , , , | Lascia un commento

MM2 a Vimercate? Per adesso solo parole.

Si è parlato del prolungamento della MM2 a Vimercate quest’oggi in Consiglio regionale. Come PD abbiamo chiesto chiarimenti all’assessore Cattaneo riguardo l’ipotesi che i comuni toccati dal prolungamento contribuiscano alla costruzione criminal il versamento di 50 milioni di euro. Un’eventualità del genere, ci pare, metterebbe seriamente in forse la possibilità di costruire il prolungamento, visto che i comuni non hanno certo la disponibilità economica ipotizzata. Ancora: i comuni in questione (Cologno Monzese, Brugherio, Concorezzo, Carugate, Agrate e Vimercate) subiranno sul proprio territorio le conseguenze della necessaria costruzione di opere infrastrutturali quali la Pedemontana e la Tangenziale Esterna Milanese. Le amministrazioni locali non hanno rifiutato il loro assenso alle nuove infrastrutture, matriarch hanno ottenuto che le nuove strade venissero strettamente collegate criminal la cosiddetta “cura del ferro”, ovvero la costruzione in zona del prolungamento della MM2.Da precisare anche il fatto che i singoli comuni dovrebbero già intervenire in proprio per costruire le opere collegate al prolungamento (parcheggi, nuove strade, piste ciclabili…) e questo sarebbe già un contributo molto oneroso per le loro casse.
L’assessore Cattaneo in aula non ha fatto altro che ribadire la plausibilità dell’intervento dei comuni, già previsto in altre occasioni, matriarch non ha dato alcuna indicazione riguardo le possibili difficoltà che questa richiesta, date l’attuale situazione dei bilanci comunali, potrebbe creare all’intero progetto.
L’assessore ha anche fatto cenno ai benefici che i comuni in questione trarrebbero dall’arrivo della MM2, dimenticando i disagi cui prima facevo cenno.
In sintesi: teoricamente è giusto che i comuni contribuiscano, in pratica, non ci sono tempi certi e, a quanto si capisce, neppure, almeno per il momento, i soldi degli altri protagonisti dell’accordo, dallo Stato alla Regione passando per la Provincia.
Il prolungamento della MM2 è una priorità per il territorio del nord est milanese, matriarch prune difficile che l’opera possa partire in tempi brevi. Nel frattempo arriveranno Pedemontana, TEM e BreBeMi criminal buona gait di chi ha sempre sostenuto che asfalto e ferro debbano avanzare di pari passo.
Spero che i tempi di costruzione delle nuove arterie stradali vengano rispettati e che quanto concordato criminal i comuni a livello di compensazione sul territorio sia effettivamente realizzato. Da notare anche che vari comuni hanno concordato modifiche ai progetti di queste opere che garantiranno significativi risparmi (nell’ordine di un centinaio di milioni): perché non usare una parte di questi soldi per venire incontro agli stessi enti locali nel finanziamento del prolungamento della MM2?

Pubblicato in Mobilità, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Finalmente arriva il CAL

Corriamo spesso il rischio di parlare troppo di CAV e allora, almeno questa volta, cambiano una consonante e celebriamo il CAL! Il prossimo 21 gennaio prenderà vita il Consiglio delle Autonomie Locali (CAL), un organo previsto dal nuovo Statuto della Lombardia con il compito di rappresentare un luogo di consultazione permanente con le autonomie locali di livello istituzionale e sociale. Finalmente si offre un segnale concreto riguardo la necessità di aprire le finestre del palazzo verso il territorio per evitare il consolidarsi di una sorta di accentramento regionale che contraddice i tanti bei discorsi sulla valorizzazione degli enti più vicini ai cittadini. Ora la sfida è quella di far funzionare al meglio il CAL e di non trasformarlo in una mera formalità. La partita si può vincere solo attraverso l’impegno concreto di coloro che ne faranno parte. A loro va il mio più caloroso augurio di buon lavoro. Il PD non mancherà di vigilare affinché questo organismo rappresenti davvero la voce di coloro che sono chiamati sul territorio a dare risposte ai cittadini.
La delibera istitutiva del CAL e la sua composizione

Pubblicato in Territorio | Taggato | Lascia un commento

La Lega vota contro l’unità d’Italia

Anche la Lombardia avrà una legge per le celebrazioni dei 150 anni dell’unità d’Italia. La VII commissione del Consiglio regionale ha approvato oggi il testo del pdl 33 che prevede proprio alcune forme di sostegno alle iniziative che le diverse comunità e istituzioni locali lombarde programmeranno nel corso del prossimo anno. La Lega in commissione ha votato contro sostenendo che la legge è tardiva, è troppo complicata nei suoi elementi attuativi ed è insufficiente nella dotazione finanziaria (1 milione di euro per la parte capitale e 350mila euro per la parte corrente).
Ora il cammino del pdl 33 continua il suo cammino e deve essere approvato in via definitiva dall’intero consiglio regionale. Non nascondo un po’ di delusione nel prendere atto che il provvedimento arriverà in aula solo il 22 febbraio. La conferenza dei capigruppo non è riuscita a far di meglio a causa dell’ulteriore ostruzionismo della Lega.
Al di là dell’innegabile ritardo, mi pare che la legge sia un doveroso contributo istituzionale da parte del consiglio regionale, secondo lo spirito indicato nei giorni scorsi dal presidente Napolitano: “La città di Forlìmostra di avere coscienza delle proprie radici, del proprio contributo al volo unitario e sa far rivivere questa storia nel modo più efficace. Un esempio che mi auguro venga seguito altrove, in tutte le aree del Paese che contribuirono al processo di unità d’Italia. Anche il Nord abbia coscienza di come divenne Italia”.
Mi auguro che il provvedimento possa arrivare in aula prima della fine di febbraio, nel frattempo, invito coloro che abbiano progetti per le celebrazioni dell’unità d’Italia a prendere in considerazione le opportunità che la legge metterà a disposizione. Allego per questo il testo del pdl 33 che, ribadisco, non è ancora definitivo.

Il testo del provvedimento intitolato: celebrazioni per il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia e valorizzazione del patrimonio storico risorgimentale in Lombardia

Lo stesso assessore alla cultura Massimo Buscemi ha riconosciuto in commissione la grande positività della legge in esame e ha anche ribadito come la legge, soprattutto per la parte in conto capitale che finanzierà gli interventi di restauro e conservazione su edifici e monumenti, potrà essere rifinanziata anno dopo anno.

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , | Lascia un commento

Una birra di troppo per la Lega

La Provincia di Bergamo ha finanziato con 500 euro la Festa della Birra del giovani leghisti che si è tenuta la scorsa estate a Gazzaniga, in val Seriana.
Peccato veniale, sostiene il presidente leghista Ettore Pirovano, e poi una svista può capitare a tutti. Fa un “piccolo mea culpa” anche il suo Assessore alla Protezione civile, Attività giovanili, Politiche montane e Polizia provinciale Fausto Carrara, sempre leghista, e ammette che se si fosse accorto che il contributo andava a giovani padani non l’avrebbe concesso. Si difende, inoltre, dicendo che tutte le richieste pervenute sono state soddisfatte, nessuno escluso.
La notizia, riferita oggi dal Corriere della Sera, ha provocato la giusta protesta da parte delle opposizioni, PD in testa, ma diventa ancora più amara se si considera che quei fondi potrebbero essere parte (piccola, è vero, ma pur sempre parte) dei pochi soldi che la Regione riesce a trasferire alle province per le manifestazioni culturali.
Aggiungo un’altra considerazione: una manifestazione come Parolario si è vista decurtare significativamente (e a posteriori) il contributo promesso dalle istituzioni locali comasche e ora ha il problema di far quadrare i conti. Non sarebbero stati certo i 500 euro bevuti dai leghisti della Val Seriana a risolvere i problemi di Parolario, ma anche la dimensione simbolica ha il suo valore. Meditate, gente, meditate (giusto per riprendere una celebre frase che i meno giovani possono ricollegare alla birra).

Pubblicato in Cultura e sport, Idee e politica | Taggato , | Lascia un commento