Milano, una città dal terreno buono

Primi Vespri di Sant’Ambrogio questa sera a Milano, con il tradizionale discorso alla città dell’Arcivescovo. Di seguito l’invito rivolto dal Cardinale Tettamanzi agli amministratori presenti, il mio video commento e il link per leggere il discorso integrale.

Foto: Marco Chiappa

Sua Eminenza il Card. Tettamanzi

«Cari amministratori, vorrei che tutte le componenti della nostra città si sentissero con voi responsabili di Milano così che possiate essere sempre meno “gestori” della cosa pubblica, meno sorveglianti dello status quo, meno rappresentanti di una parte e non di altre, ma sempre più strateghi del futuro della nostra città e del suo benessere complessivo. Nessun amministratore si consideri solo in questa missione: chi si occupa disinteressatamente del bene degli altri sappia che gode della stima mia personale, della comunità cristiana e di tutti i cittadini.Fare della nostra città un luogo coeso, solidale, comunicativo, aperto a tutti, dove il terreno è liberato dalle aridità, dai sassi e dai rovi che ne soffocano la fertilità, dove poter realizzare i progetti di vita più veri credo sia non un’utopia, ma un’impresa possibile e affascinante. Con la collaborazione di tutti, però. Nessuno escluso»

il mio video commento e il link per leggere il discorso integrale.

Foto: Marco Chiappa

Sua Eminenza il Card. Tettamanzi

«Cari amministratori, vorrei che tutte le componenti della nostra città si sentissero con voi responsabili di Milano così che possiate essere sempre meno “gestori” della cosa pubblica, meno sorveglianti dello status quo, meno rappresentanti di una parte e non di altre, ma sempre più strateghi del futuro della nostra città e del suo benessere complessivo. Nessun amministratore si consideri solo in questa missione: chi si occupa disinteressatamente del bene degli altri sappia che gode della stima mia personale, della comunità cristiana e di tutti i cittadini.Fare della nostra città un luogo coeso, solidale, comunicativo, aperto a tutti, dove il terreno è liberato dalle aridità, dai sassi e dai rovi che ne soffocano la fertilità, dove poter realizzare i progetti di vita più veri credo sia non un’utopia, ma un’impresa possibile e affascinante. Con la collaborazione di tutti, però. Nessuno escluso»

amp;oid=2651461">Articolo riassuntivo dell’intervento sul portale della Diocesi

Articolo scritto in Blog Dem, Idee e politica e con i tag , , , , , , , , , , , , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>