Archivi tag: brianza

La settimana in Regione: Ilva, Province, Pedemontana

Il tema dominante è stato il caso Ilva-Riva, con le ripercussioni sugli stabilimenti lombardi di Caronno Perusella, Annone Brianza, Cerveno, della decisione unilaterale della proprietà di sospendere la produzione. Abbiamo impedito alla maggioranza di far passare, nella mozione approvata dal Consiglio, lo scarico sulla magistratura delle responsabilità. Il sequestro dei beni della famiglia Riva non impedisce il proseguio delle attività produttive, unico vero obiettivo al quale dobbiamo lavorare.
Altra discussione accesa c’è stata sul tema province. Pdl e Lega hanno approvato una loro mozione contraria all’abolizione. Intervenendo a nome del Pd ho sostenuto la necessità di lavorare al miglioramento del disegno di legge Del Rio, in discussione in Parlamento, ma senza stravolgerne l’impianto, che prevede la trasformazione in enti di secondo livello, con competenze più limitate e con una forte valorizzazione del ruolo dei comuni. Il Pd inoltre sostiene l’opportunità che ogni Regione all’interno di questo quadro possa poi dotarsi di un proprio modello secondo le condizioni specifiche.
Infine, interessante audizione di Sindaci e comitati ambientalisti della Brianza ovest sul tema di Pedemontana. Torneremo a parlarne presto.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Distretti produttivi: l’assessore Garavaglia si è impegnato in Aula a sostenerli investendo le risorse necessarie per rilanciare il comparto

Martedì il Consiglio regionale, in occasione della votazione dell’assestamento di bilancio 2013, ha bocciato un ordine del giorno presentato dal consigliere regionale del Pd Enrico Brambilla con il quale si chiedeva alla Giunta di sostenere economicamente i distretti produttivi lombardi rifinanziando con ulteriori 3 milioni di euro lo specifico capitolo di bilancio. L’assessore regionale al Bilancio Massimo Garavaglia nel suo intervenuto in Aula, riconoscendo l’importanza del tema, si è impegnato, nel corso dell’anno, di reperire le risorse necessarie per rilanciare il comparto.
Enrico Brambilla è cautamente soddisfatto: “Accogliamo positivamente l’impegno preso dall’assessore Garavaglia in Aula – dichiara – vigileremo nei prossimi mesi affinché venga mantenuta la parola data. E’ necessario sostenere, in questa fase acuta di crisi economica, i soggetti che possono contribuire alla reindustrializzazione dei territori. in particolare in Brianza la crisi del polo tecnologico del vimercatese può essere affrontata puntando sul Distretto green ed high tech cui affidare un ruolo di regia nella ricerca di nuovi investitori.”

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , | Lascia un commento

SS 36: l’apertura della galleria una conquista ambientale e infrastrutturale. Ora si sblocchino al più presto i pagamenti per le imprese appaltatrici

L’apertura al traffico della galleria di Monza rappresenta una grande conquista per il tutto nostro territorio sotto una doppia veste ambientale e infrastrutturale. Un plauso va all’amministrazione comunale per come ha condotto egregiamente le relazioni con gli enti locali e con i comitati di quartiere. E’ la mia riflessione nel giorno dell’inaugurazione del tunnel che collega Milano con la Brianza. In questa gioia collettiva il mio pensiero va a coloro che hanno permesso tutto ciò e ai quali ancora oggi non è stato riconosciuto il lavoro ovvero le imprese appaltatrici che da più di otto mesi attendono di essere pagati. Ci auguriamo che anche dalla Regione Lombardia ci sia una spinta affinché si sblocchi al più presto questa situazione.

Pubblicato in Economia e lavoro, Mobilità, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Federalismo: per i comuni brianzoli meno risorse nel 2011. Smentito chi diceva che sarebbero arrivati più soldi.

Con  la prima applicazione del federalismo municipale i comuni di Monza e Brianza perdono risorse, e si tratta di tagli, ancorché di ridotta entità, che si aggiungono a quelli più pesanti degli ultimi anni, compresi quelli introdotti dalla pesante manovra dell’anno scorso che stanno mettendo in grave difficoltà gli enti locali che hanno meno risorse per i servizi ai cittadini. Per gli 11 principali comuni brianzoli si tratta complessivamente di 200 mila euro in meno solo per il 2011.

Dai dati diffusi settimana scorsa dal Ministero dell’Interno relativi all’attribuzione delle risorse finanziarie per il 2011 abbiamo estrapolato quelli sui comuni brianzoli, da cui è emerso che in tutti i comuni sopra i 5 mila abitanti si registrano diminuzioni di fondi, in particolare a Monza, Seregno, Lissone, Desio, Cesano Maderno, Limbiate, Brugherio, Vimercate, Muggiò, Nova Milanese, Meda. Per i comuni sotto i 5 mila abitanti nel 2011 saranno attribuite le stesse risorse assegnate nel 2010, al netto però dei tagli della manovra dell’anno scorso.

Nel panorama nazionale le risorse incrementano solo in un centinaio di comuni.

Non si tratta più di trasferimenti ma di una prima applicazione del federalismo municipale che sarà in vigore dal 2014, secondo l’impostazione attuale data dal governo. Le risorse così attribuite giungono da una quota di compartecipazione all’Iva, da una sulla fiscalità immobiliare e da una parte del fondo di riequilibrio. Ma il risultato purtroppo non cambia: il segno è sempre meno, e anche se non si tratta di cifre elevate viene smentito chi diceva che con questo federalismo sarebbero arrivate più risorse ai comuni.

Così com’è il federalismo rimane solo una riforma di facciata, perché nella sostanza a farne le spese sono le casse dei comuni e i cittadini, che si vedono ridotti i servizi. Forse nei prossimi giorni verrà approvata la legge che proroga di sei mesi l’adozione dei decreti attuativi. Il Partito Democratico chiede che si approfitti di questo periodo di tempo per correggere una riforma necessaria ma che nell’attuale impostazione rischia di fare solo danni.

Pubblicato in Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento