Archivi tag: acqua

Acqua: escludere le società pubbliche affidatarie dal patto di stabilità

Il DL 1/2012 estende alle aziende speciali ed alle istituzioni le previsioni già contenute nella normativa sulle società partecipate che gestiscono servizi pubblici circa l’assoggettamento ai vincoli del patto di stabilità interno.
Le modalità saranno stabilite da apposito decreto ministeriale.
Questo è uno dei problemi più rilevanti dei quali si è discusso lo scorso sabato nel convegno organizzato dal nostro gruppo regionale.
Risulterebbe infatti impossibile dar corso ai cospicui investimenti necessari nel settore.
Una via di uscita, anche nei confronti dell’Unione Europea, potrebbe essere costituita dal riconoscere l’inapplicabilità di queste regole ai servizi già oggetto di vigilanza tariffaria.
E’ necessario che Regione Lombardia si faccia promotrice di questa tesi in sede di conferenza Stato-Regioni: viceversa si tradirebbero i risultati dei referendum dello scorso anno.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , | Lascia un commento

Acqua e compost grandi amici

Sabato mattina a Cavenago Brianza abbiamo presentato i risultati di un progetto, durato 18 mesi, coordinato dalla Fondazione Idra, di cui sono presidente.
Il progetto, finanziato anche grazie al contributo di Fondazione Cariplo, ha avuto come obiettivo la salvaguardia della falda acquifera attraverso la riduzione dei nitrati. Ciò è stato reso possibile dall’utilizzo, per le attività agricole del territorio, di compost di buona qualità ottenuto dalla raccolta differenziata dell’umido in luogo dei fertilizzanti.
I risultati ottenuti e misurati sono stati davvero buoni. Ora starà alle amministrazioni locali dare continuità a questo lavoro.
Chi volesse saperne di più può visitare il sito che porta il nome del progetto.
Qualche riflessione finale:
Il miglioramento dell’ambiente dipende dalle grandi scelte degli Stati ma anche da buone pratiche locali.
I singoli comuni da soli non possono fare ciò che insieme invece è più semplice realizzare.
Gli sforzi chiesti ai cittadini per differenziare i rifiuti sono abbondantemente ripagati sia dai minori costi di smaltimento che dalla migliore qualità ambientale.
Infine: l’utilità di ogni progetto, al di là delle buone intenzioni, deve poter essere verificata e misurata. Fondazione Idra lo fa. Regione Lombardia non sempre.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Acqua: la Consulta boccia la Regione.

La Corte costituzionale ha stabilito che le reti idriche sono demanio pubblico, come le spiagge, i fiumi e le vette delle montagne e dunque ha ribadito il principio che gli italiani hanno voluto riaffermare con il referendum di giugno. La Regione è stata bocciata ancora una volta su di una norma complessivamente illogica, ideologica e scritta di fretta lo scorso dicembre. Ora è ancora più chiaro che la legge deve essere riscritta a partire dall’esito del referendum, anche perché il sistema ha bisogno di indirizzi certi che facciano ripartire gli investimenti e garantiscano la qualità del servizio

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento

Referendum Acqua: rivedere subito la legge lombarda!

L’esito del referendum sull’acqua impone di rivedere urgentemente la legge regionale lombarda, che ricalca la normativa nazionale bocciata dagli italiani, e che in questi mesi ha determinato sul territorio, compreso quello brianzolo, l’avvio di procedure per l’ingresso dei privati nella gestione delle risorse idriche e la marginalizzazione degli enti locali.

È necessario un intervento immediato nell’attesa di nuove norme che ristabiliscano quanto sancito dalla consultazione referendaria, e cioè che l’acqua è un bene che deve rimanere pubblico e che centrale deve essere il ruolo dei comuni. A dicembre avevamo chiesto al centrodestra in Regione di attendere l’esito del referendum prima dell’approvazione della legge ma non siamo stati ascoltati: ora ascoltino subito i cittadini.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Idee e politica | Taggato , , | Lascia un commento