Archivi del mese: settembre 2013

Forum Unesco: Monza contro Firenze?

villa_reale_def[1]Un’altra disfida è stata lanciata dalla Lega, stavolta contro Firenze, accusata di voler scippare a Monza il forum mondiale dell’Unesco, grazie ad un governo che vorrebbe così compiacere Renzi. La realtà è completamente diversa: il forum 2013 non si è potuto tenere a Monza per i lavori che rendono la Villa Reale inagibile. Monza sarà pronta per l’edizione 2015, altra vetrina di lancio per Expo, e sarebbe bene che la Regione Lombardia iniziasse a lavorare in tal senso, stanziando le risorse necessarie. Le parole mie e del collega Pizzul in consiglio regionale, contrarie a sciocche guerre di campanile ed a favore di un gioco di squadra nazionale, sono state travisate da parte della stampa locale. Significativo soprattutto il pezzo comparso su MB News, dove si parla degli interventi dei consiglieri Brambilla e Renzi (anzichè Pizzul), tradendo così l’intenzione di malignare sul caso. Da parte mia poi, che al sindaco di Firenze preferisco 1000 volte Scanagatti, l’ottimo Sindaco di Monza!

Pubblicato in Cultura e sport | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Diario della crisi: Carapelli spa

Olio Sasso, Bertolli, Carapelli: tre marchi storici dell’olio italiano sono ora in mano agli spagnoli della Deoleo, leader mondiale degli olii in bottiglia.  In Italia sono rimasti due stabilimenti: uno in Lombardia (Inveruno) ed uno in Toscana. L’azienda ha aperto la procedura di mobilità per 55 dipendenti, motivata dalla crisi dei consumi e dall’impennata dei costi della materia prima. Ci stiamo impegnando a garantire da subito il proseguimento della copertura salariale con la Cassa Integrazione, ma è sempre più necessario porsi il problema della difesa dei nostri marchi.

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

La settimana in Regione: Ilva, Province, Pedemontana

Il tema dominante è stato il caso Ilva-Riva, con le ripercussioni sugli stabilimenti lombardi di Caronno Perusella, Annone Brianza, Cerveno, della decisione unilaterale della proprietà di sospendere la produzione. Abbiamo impedito alla maggioranza di far passare, nella mozione approvata dal Consiglio, lo scarico sulla magistratura delle responsabilità. Il sequestro dei beni della famiglia Riva non impedisce il proseguio delle attività produttive, unico vero obiettivo al quale dobbiamo lavorare.
Altra discussione accesa c’è stata sul tema province. Pdl e Lega hanno approvato una loro mozione contraria all’abolizione. Intervenendo a nome del Pd ho sostenuto la necessità di lavorare al miglioramento del disegno di legge Del Rio, in discussione in Parlamento, ma senza stravolgerne l’impianto, che prevede la trasformazione in enti di secondo livello, con competenze più limitate e con una forte valorizzazione del ruolo dei comuni. Il Pd inoltre sostiene l’opportunità che ogni Regione all’interno di questo quadro possa poi dotarsi di un proprio modello secondo le condizioni specifiche.
Infine, interessante audizione di Sindaci e comitati ambientalisti della Brianza ovest sul tema di Pedemontana. Torneremo a parlarne presto.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Pedemontana: segnali di abbandono

Sono sempre più insistenti i segnali di abbandono del progetto di Pedemontana da parte della Giunta regionale. A Maroni sembrano importare solo le tratte varesine e comasche, il resto continua ad essere privo di copertura finanziaria e quindi inattuabile. L’ultimo caso si è consumato la scorsa settimana, quando il CdA di Finlombarda ha esaminato la proposta di sottoscrivere un prestito obbligazionario per Brebemi e Tem (la tangenziale esterna milanese). La mancanza di Pedemontana dalla lista è significativa.

Pubblicato in Mobilità, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

La Lega vuole tassare gli acquisti on line

La settimana scorsa è ripresa l’attività delle commissioni. In quella delle Attività produttive si è discusso della crisi del commercio al dettaglio. Il presidente Ciocca, della Lega, ha proposto di finanziare azioni di sostegno ai piccoli negozi introducendo una nuova tassa sul commercio on line. È una sciocchezza sotto vari profili: non si devono contrastare gli sviluppi delle forme di distribuzione che ampliano le opportunità per i consumatori ma soprattutto la crisi dei consumi è dovuta allo scarso reddito disponibile per gran parte dei cittadini. Le tasse vanno diminuite, non ne vanno introdotte di nuove, ed è paradossale che sia la Lega a proporlo.

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , | Lascia un commento