Archivi del mese: aprile 2012

Formigoni ricambia: spazi del Pirellone per gli eventi di amici.

Ho depositato un’interrogazione indirizzata al Presidente Formigoni riguardante l’utilizzo degli spazi di Palazzo Pirelli.
Infatti da articoli apparsi sulla stampa nei giorni scorsi, abbiamo appreso che “le figliole di Daccò ….. guarda caso, non sono depositarie del diritto di usare del Pirellone come mega location per eventi da migliaia di euro a botta?”
Dato che la proprietà del Palazzo Pirelli è in capo a Regione Lombardia e che l’utilizzo delle parti riservate ad eventi, come l’”Auditorium Gaber” e il “belvedere” sono affidati ad “Infrastrutture Lombarde” per la loro gestione e valorizzazione economica, domandiamo al Presidente della Giunta di spiegarci attraverso quali procedure sono dati in gestione gli spazi “pubblici” delle “Grandi sedi” e se risponde al vero che soggetti privati hanno avuto la possibilità di utilizzare in via privilegiata il Palazzo Pirelli “come mega location per eventi da migliaia di euro a botta”, così come riportato dalla stampa; domandiamo, inoltre, se tra i soggetti privati a cui sono stati affidati compiti inerenti la valorizzazione delle sedi e i componenti della Giunta vi fossero gradi di affinità.
Infine chiediamo di essere messi a conoscenza degli elenchi di coloro che utilizzano gli spazi regionali come location per eventi organizzati da esterni e dei relativi pagamenti.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento

Acqua e compost grandi amici

Sabato mattina a Cavenago Brianza abbiamo presentato i risultati di un progetto, durato 18 mesi, coordinato dalla Fondazione Idra, di cui sono presidente.
Il progetto, finanziato anche grazie al contributo di Fondazione Cariplo, ha avuto come obiettivo la salvaguardia della falda acquifera attraverso la riduzione dei nitrati. Ciò è stato reso possibile dall’utilizzo, per le attività agricole del territorio, di compost di buona qualità ottenuto dalla raccolta differenziata dell’umido in luogo dei fertilizzanti.
I risultati ottenuti e misurati sono stati davvero buoni. Ora starà alle amministrazioni locali dare continuità a questo lavoro.
Chi volesse saperne di più può visitare il sito che porta il nome del progetto.
Qualche riflessione finale:
Il miglioramento dell’ambiente dipende dalle grandi scelte degli Stati ma anche da buone pratiche locali.
I singoli comuni da soli non possono fare ciò che insieme invece è più semplice realizzare.
Gli sforzi chiesti ai cittadini per differenziare i rifiuti sono abbondantemente ripagati sia dai minori costi di smaltimento che dalla migliore qualità ambientale.
Infine: l’utilità di ogni progetto, al di là delle buone intenzioni, deve poter essere verificata e misurata. Fondazione Idra lo fa. Regione Lombardia non sempre.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Tagli all’Alcatel: l’azienda prende i soldi e scappa? La Regione intervenga.

Alcatel prende i soldi pubblici e scappa? Regione Lombardia faccia maggiori pressioni sui vertici dell’azienda affinché non delocalizzi il comparto della ricerca dalla sede di Vimercate, lasciando senza lavoro circa 300 ricercatori. Il pressing è doveroso, visto il cospicuo pacchetto di risorse pubbliche regionali di cui Alcatel sta beneficiando, va detto in modo legittimo e assolutamente regolare, secondo quanto ci risulta.
Durante un’audizione in Commissione attività produttive, il sottosegretario Alberto Cavalli ha confermato il forte rischio che Alcatel dia seguito, nonostante la trattativa avviata dal ministero dello Sviluppo economico con i vertici dell’azienda anche su pressione degli esponenti brianzoli e dei parlamentari del Pd, alle intenzioni di ridurre notevolmente i posti di lavoro qualificati e di alto livello che contribuiscono a fare dell’azienda una delle eccellenza del comparto tlc a livello europeo e mondiale, con profitti che anche nel 2011 sono stati più che positivi.
La richiesta dei consiglieri del Pd alla Regione si fonda in particolare sul fatto che Alcatel, come ha riferito Cavalli in commissione, riceve un notevole pacchetto di risorse regionali: infatti recentemente l’azienda si è infatti aggiudicata due bandi per il sostegno alle imprese e, per conto di Telecom, sta sviluppando, nell’ambito del progetto regionale, l’infrastrutturazione tecnologica che porterà a regime la banda larga a circa 800 mila lombardi.

Pubblicato in Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Sempre connessi: il video della diretta

Pubblicato in Blog Dem | Lascia un commento

Maullo nominato presidente di Tem: è puro risarcimento politico.

Nemmeno un giorno è passato per Stefano Maullu tra il licenziamento dalla giunta Formigoni e la nomina a presidente di Tem Spa, la società partecipata dalla Provincia di Milano attraverso Milano Serravalle e Asam. Si tratta a mio parere di un risarcimento politico dal sapore stantio.
L’operazione è chiara: Stefano Maullu è stato semplicemente risarcito per l’esclusione dalla Giunta Formigoni. Si conferma l’atteggiamento ingordo e sfrontato del centrodestra, che considera le società controllate dal pubblico come proprietà di cui disporre a piacimento al di là di ogni valutazione di merito e di competenza. La nomina è inopportuna anche perché Maullu rimane consigliere regionale e la Tem è un’infrastruttura sulla cui realizzazione egli stesso, in qualità di consigliere, dovrebbe vigilare.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Finlombarda: chiarezza sugli incarichi.

Regione Lombardia si vanta, tra l’altro, di avere meno dipendenti di altre Regioni di dimensione inferiore. I dati però dimenticano i dipendenti in forza alle varie società partecipate, ed ancor più i numerosi contratti di collaborazione.

In particolare, analizzando le collaborazioni a progetto attivate da Finlombarda, la società finanziaria regionale, lievitate in misura significativa negli ultimi anni, abbiamo appreso di un incarico quantomeno discutibile sotto il profilo dell’opportunità.

Esso infatti riguarda l’Ing. Carlo Masseroli, capogruppo del Pdl al Comune di Milano e già assessore nella giunta Moratti. La collaborazione, per complessivi 110.000,00 euro, ė relativa al settore dell’housing sociale.

In aula l’assessore Zambetti ha precisato che l’incarico ė stato affidato previa selezione mediante procedura competitiva. Sarà, ma evidentemente si ė trattato di competizione quantomeno ad handicap, ovviamente per gli altri, privi di adeguati appoggi politici. Rimane soprattutto da capire come mai vi sia stata necessità di ricorrere a competenze esterne.

Approfondiremo nei prossimi giorni le ricerche: nell’opaco sistema regionale si annidano molte possibili sorprese.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica | Taggato , , , , , , , | 1 commento

A Sulbiate aspettando Pedemontana

Le abitudini degli abitanti di Sulbiate stanno per essere radicalmente modificate con l’arrivo dell’autostrada Pedemontana.
Come gran parte dei comuni del vimercatese anche Sulbiate ha preservato dalla cementificazione diffusa buona parte del suo territorio: c’è ancora campagna aperta, ci sono attività agricole, sentieri.
Buona parte di tutto ciò sarà invaso dalle carreggiate automobilistiche che porteranno verso l’aeroporto di Malpensa, esempio plastico dei disastri della grandeur formigoniana.
Abbiamo fatto il punto della situazione l’altra sera con i cittadini, con i sindaci dei comuni vicini, e con il candidato sindaco del centro sinistra a Sulbiate, Luigi Fassina.
A Sulbiate infatti si vota: la precedente amministrazione è caduta, fra l’altro, proprio perchè voleva assentire la realizzazione di un outlet nelle aree attigue all’autostrada.
Ormai temiamo sia troppo tardi per un ripensamento sul tracciato, salvo guai finanziari.
Ma occorre vigilare almeno sul fatto che vengano realizzate le opere complementari e le compensazioni ambientali concordate.
Occorre soprattutto che gli enti locali coinvolti decidano di contrastare il rischio che questa infrastruttura diventi il pretesto per invadere il territorio rimasto con nuovi centri commerciali o altro.
Questo patto tra sindaci per un futuro più equilibrato è una delle sfide che gli amministratori del PD hanno condiviso e su cui chiedono il consenso.
Alla fine della serata sono stato avvicinato da una famiglia di agricoltori. Da anni la loro azienda è bloccata per i vincoli di Pedemontana e la loro pregiata produzione è a forte rischio. Nessuno in Regione se ne preoccupa: Malpensa val bene un asparago.

Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento