Archivi categoria: Sanità e welfare

Centri anti-violenza: sicurezza da tutelare, la Regione riprenda al più presto il dialogo

Tutelare la sicurezza delle donne, in tutti i sensi. E’ questa la parola d’ordine a cui i consiglieri del Partito democratico in Regione Lombardia tornano ad appellarsi, scrivendo al neo assessore alle Politiche per la famiglia, genitorialità e pari opportunità, Silvia Piani, sull’annosa questione riguardante la Rete dei Centri antiviolenza e le Case delle Donne della Lombardia.

“Chiediamo di rivedere le decisioni prese dalla precedente Giunta e di convocare al più presto un tavolo con le referenti della Rete lombarda dei Centri antiviolenza e Case Rifugio, al fine di riaprire un confronto e consentire loro di operare al meglio”. E’ così che il consigliere Matteo Piloni spiega i contenuti della lettera che, insieme ad altri colleghi e colleghe del PD, ha firmato questa mattina. Si tratta di un problema sorto lo scorso autunno, quando la Regione Lombardia, con un semplice decreto dirigenziale, ha scelto di equiparare i centri antiviolenza a un servizio pubblico, così da poter ricevere contributi economici a loro sostegno. In questo modo ha imposto, di fatto, alle operatrici dei centri un controllo del percorso delle vittime di maltrattamenti che non è coerente né con le loro necessità nè con le richieste, come l’esperienza dei centri riporta”.

Molte critiche tra gli operatori hanno sollevato anche l’imposizione della registrazione del codice fiscale, che contrasterebbe con la modalità di lavoro improntata alla riservatezza dei centri, e la richiesta di garantire la reperibilità e disponibilità 24h su 24h, caratteristiche che “non possono essere garantite con il solo contributo economico erogato dalle istituzioni o con il pagamento delle sole figure professionali che la Regione ritiene utili – riporta Piloni -  il tutto in contrasto con l’impostazione del lavoro di relazione tra donne che viene costruito attraverso le operatrici di accoglienza. Non dovrebbe essere questo il modo di operare di un’istituzione che sarebbe invece tenuta a considerare il lavoro di chi opera da più di 30 anni nel settore, sia pure conciliandolo con le esigenze di monitoraggio costante e di rendicontazione della spesa. Per questo – conclude il consigliere dem – chiediamo sia riaperto al più presto un dialogo con questi centri”.

Pubblicato in Blog Dem, Sanità e welfare | Taggato , , , , | Lascia un commento

Più forte. Più giusta. L’Italia! Ecco il programma del Partito Democratico per le elezioni politiche del 4 marzo

“Gli altri promettono il paese dei balocchi, noi abbiamo un altro programma!” E’ questo lo slogan scelto dal Partito Democratico per l’evento di presentazione del programma che si è svolto all’opificio di Bologna,e trasmesso anche su Facebook e Youtube. “Tutti si aspettano effetti speciali . C’è un sacco di gente che racconta le cose più inaudite e pensa che siamo così creduloni da crederci”, ha esordito Matteo Renzi, aprendo la manifestazione.

Passando a parlare del programma, il segretario del Pd ha innanzitutto reso noto il metodo: “Per la prima volta rivendichiamo un metodo diverso dal passato. Avremo 3 versioni del programma: una versione “malloppo” per chi vorrà entrare nel merito dei singoli punti, una versione più sintetica di 15 pagine, e una terza versione più rischiosa, ma che inaugura un metodo nuovo. Quelli lanciano le proposte più assurde? Noi proponiamo 100 piccoli passi in avanti per l’Italia, 100 piccoli impegni realizzabili, ma lo facciamo partendo da 100 cose che abbiamo fatto. Prima ancora di promesse e slogan, devi chiedere di essere giudicato sui risultati. Per ogni punto che proponiamo per il futuro, ci saranno 100 cose che abbiamo realizzato. “Scommettiamo sugli italiani – ha spiegato Renzi – e sul fatto che non è vero che trionfano le fake news. Scommettiamo sulla curiosità e su chi ha voglia di entrare nel merito”.

Scarica il programma completo: PD2018 – Programma completo

Scarica la sintesi del programma: PD2018 – Sintesi del programma

Scarica l’opuscolo 100 cose fatte – 100 cose da fare: PD2018 – 100×100

Link alle schede di approfondimento preparate del gruppo parlamentare PD sui provvedimenti approvati in questi anni: http://deputatipd.it/fatti-concreti/macroschede/

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Mobilità, Sanità e welfare, Scuola, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

I frutti positivi dell’accordo sulle pensioni: scheda di sintesi a cura dell’on. Cinzia Fontana

Governo e organizzazioni sindacali hanno messo nero su bianco un verbale di intesa molto importante e, nel suo insieme, largamente positivo. Dialogo sociale e confronto costruttivo tra le parti hanno posto le basi per un accordo di merito che credo il Paese tutto non possa che salutare con grande favore.

Sei miliardi di euro in tre anni per affrontare i nodi più rilevanti e urgenti e per superare le distorsioni e le rigidità più evidenti del nostro sistema pensionistico sono infatti un passo avanti di non poco conto. Soprattutto perché l’intero impianto dell’accordo si tiene insieme grazie ad un filo conduttore ben preciso, che è quello dell’equità e della giustizia sociale. Ora, certo, quei punti dell’intesa si dovranno tradurre concretamente negli articoli e nelle tabelle delle leggi di bilancio perché possano poi entrare in vigore ed essere applicati, con risorse che saranno necessariamente graduate nel prossimo triennio e con misure che dovranno essere meglio definite e articolate. Per passare, poi, a quella che nel verbale è definita la “fase 2”, cioè l’impegno a proseguire il confronto per ulteriori interventi di riforma del sistema contributivo che guardino in particolare al corretto rapporto tra generazioni per dare prospettive ai più giovani.

L’incontro ha prodotto un verbale in cui si parla di misure per l’accesso alla pensione, laddove si sofferma sui lavoratori precoci, sui lavori usuranti, sul cumulo gratuito dei periodi contributivi, sulla flessibilità in uscita con particolari agevolazioni per alcune categorie di lavoratori in condizioni di maggior bisogno. Ma parla anche di interventi per chi è già pensionato, laddove introduce l’obiettivo di sostenere i redditi bassi da pensione, con la parificazione della fascia di reddito esente da imposta a quella del lavoro dipendente e con l’estensione della quattordicesima ai pensionati sotto i circa 1.000 euro lordi mensili. Nel merito rimando alla scheda allegata. Mi piace però sottolineare la profonda soddisfazione che provo per un lavoro di confronto positivo sulle questioni affrontate nell’accordo. So che, come sempre, tutto è perfettibile, che ci sarà ancora tanto da fare, che ci saranno certamente situazioni che non troveranno da subito una soluzione, che dovremo declinare con grande attenzione ogni passaggio legislativo. Tutto vero, ma è innegabile il fatto che, dopo anni di sacrifici molto pesanti utili del resto a togliere il Paese dal baratro in cui stava sprofondando, stavolta il Governo Renzi ha deciso di restituire ai lavoratori e ai pensionati un po’ di serenità e di equità, immettendo risorse proprio sul sistema pensionistico. Una svolta, insomma, davvero importante.

Cinzia Fontana – Deputata PD

Allegato: Scheda di sintesi – Accordo pensioni

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , , | Lascia un commento

Terza età: sabato 14 maggio convegno a Castelleone (CR)

Sabato 14 maggio i circoli del Partito Democratico delle Terre di Mezzo (Casalmorano, Castelleone, Casalbuttano, Soresina, Pizzighettone) hanno organizzato un convegno sul tema “Le risposte ai bisogni delle persone anziane. Politiche regionali, amministrazioni locali e strutture sanitarie alla ricerca di strategie e collaborazioni che contengano i costi e sappiano accogliere le diverse richieste d’aiuto”. L’appuntamento si terrà alle ore 10.00 a Castelleone presso il Teatro Leone (via Garibaldi).

Parteciperanno all’incontro: Sara Valmaggi (Consigliere Regionale PD, Vice Presidente del Consiglio Regionale Lombardo e componente della Commissione Sanità e Servizi Sociali), Walter Montini (Presidente A.R.SA.C – Associazione delle Residenze Socio Sanitarie della Provincia di Cremona) e Angelo Stanghellini (Direttore Area Servizi al Cittadino del Comune di Crema). Al termine dei lavori i circoli PD delle Terre di Mezzo saranno lieti di salutare i presenti con un aperitivo.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

Ex Inam. Congelato il progetto della D.G dell’Ospedale di Cremona

 A fine luglio si è tenuta una riunione sul futuro dell’ex Inam di Cremona, con Luciano Bresciani, assessore regionale alla Sanità, Agostino Alloni, consigliere regionale del Pd e firmatario di un’interrogazione sulla vicenda assieme a Sel e Pensionati, Simona Mariani, direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Cremona, Gilberto Compagnoni, direttore generale dell’Asl, e i promotori della raccolta firme Bergonzi e Pasquetti.  Al termine dell’incontro, fa sapere Alloni, “siamo riusciti a ottenere il congelamento del progetto proposto dall’Azienda ospedaliera che voleva spostare gli ambulatori”.  La richiesta di modificare il progetto dell’ospedale è nata in seno a un comitato cremonese che chiedeva, invece, di mantenere presso gli attuali ambulatori i servizi in essere. Nell’interrogazione Alloni, con Sel e Pensionati, chiedeva all’assessore Bresciani di valutare attentamente i progetti in campo e se non ritenesse di riconvertire la struttura in un presidio assistenziale di primo livello sul modello delle “Case della salute”, già attive in altre aree del territorio nazionale. “L’idea è quindi di sviluppare un progetto di continuità territoriale, mettendo insieme i servizi a favore del territorio con il mantenimento e lo sviluppo delle cure cosiddette primarie, non necessariamente dentro l’ospedale”, spiega Alloni.

 A fronte di questo ragionamento, continua Alloni, “è stato raggiunto un accordo di congelamento della proposta della Direzione generale dell’ospedale di Cremona, che, lo ricordo, prevedeva di abbandonare i poliambulatori, farli diventare sede della formazione per infermieri e specializzazioni universitarie, e di spostare alcune di queste funzioni in parte in un altro luogo e in parte farle riassorbire dalla struttura ospedaliera”.  “Il congelamento – continua Alloni – dà, invece, la possibilità di rivalutare il progetto studiando i flussi attualmente in corso e verificare i costi, con l’obiettivo comunque di mantenere il servizio territoriale. Non posso che dirmi soddisfatto per il risultato ottenuto dall’incontro che aveva come primo obiettivo di fermare il progetto della Direzione generale, per altro già presentato in incontri pubblici”. E per questo motivo Alloni ha annunciato a sua volta il congelamento dell’interrogazione in attesa del nuovo tavolo che si terrà dopo il 26 settembre.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato | Lascia un commento

Risposta del Ministero della Salute all’interrogazione di Luciano Pizzetti sul Biotestamento

Le strutture pubbliche debbono ispirarsi a principi di correttezza per il giusto confronto tra le diverse opinioni.
Il Governo ha risposto all’interrogazione che avevo presentato nei giorni scorsi relativamente al convegno sul Biotestamento organizzato dall’Azienda Ospedaliera di Cremona in collaborazione con l’associazione Scienza e Vita. Nell’interrogazione denunciavo il carattere parziale e monoculturale del convegno, assolutamente non rispettoso di quel pluralismo che, nella sua terzietà, una struttura pubblica deve sempre garantire. Tanto più se la partecipazione al convegno assicura l’accesso al sistema regionale dei crediti formativi. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , | Lascia un commento

Crema, continuano gli incontri programmativi promossi dal Pd

Si è tenuto ieri sera in Sala delle Vele il quinto dei dialoghi programmatici proposti dal PD, questa volta sul tema del “Welfare del Territorio”, che ha registrato una ventina circa di partecipanti fra amministratori del territorio, esponenti del sindacato e del terzo settore ed operatori sociali.

La relazione iniziale, a cura della capogruppo consiliare del PD a Crema, Stefania Bonaldi, ha offerto spunti di carattere metodologico sulla necessità , per le amministrazioni locali, di ridurre le importanti differenze nel sistema dei servizi e fornire strumenti per uno sviluppo equo ed efficiente dell’insieme delle risposte ai bisogni sociali. Questo è possibile portando avanti una comune riflessione sul tema dei livelli essenziali di assistenza sociale, con l’analisi della copertura dei bisogni, la ricostruzione dei criteri di accesso ai servizi, la disamina delle forme di compartecipazione al loro costo, l’esistenza o la possibile implementazione delle reti formali ed informali di supporto, con lo scopo di pervenire ad una graduale omogeneizzazione di servizi ed interventi. Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Ospedale Maggiore di Crema: niente fusione con Cremona

“Non è in previsione alcun progetto di riorganizzazione volto ad aggregare l’Azienda ospedaliera “Ospedale Maggiore” di Crema con quella di Cremona”. Lo afferma l’assessore regionale alla sanità  Luciano Bresciani rispondendo per iscritto a un’interrogazione che il consigliere regionale del PD Agostino Alloni con la collega Sara Valmaggi aveva depositato nello scorso mese di dicembre.
L’interrogazione si era resa necessaria dopo il diffondersi di voci insistenti circa la soppressione dell’Ospedale Maggiore di Crema e il suo accorpamento all’azienda ospedaliera di Cremona, voci accreditate anche da articoli di stampa.
“La A.O. di Crema ha inoltre comunicato – aggiunge Bresciani nella risposta – di non aver ricevuto richieste ufficiali da parte sindacale sul tema”.
“Ringrazio l’assessore della risposta che fa chiarezza rispetto a notizie che hanno destato allarme tra gli operatori e anche tra gli utenti – commenta Alloni – Un accorpamento sarebbe sbagliato e non andrebbe a vantaggio dei cittadini. Rimaniamo dunque alle parole dell’assessore e consideriamo conclusa positivamente questa vicenda.”
Pubblicato in Sanità e welfare, Territorio | Taggato , | Lascia un commento