Quote latte e milleproroghe

Cinzia Fontana e Luciano Pizzetti

Cinzia Fontana e Luciano Pizzetti

Dichiarazione della Sen. Fontana e dell’Onorevole Pizzetti
QUOTE LATTE E MILLEPROROGHE: Governo e maggioranza insistono nell’illegalità, Galan non è differente da Zaia
Con l’apposizione della questione di fiducia al Decreto Milleproroghe al Senato, Governo e maggioranza confermano che pochi truffatori valgono più dell’intera filiera agroalimentare, alla quale invece nessuna seria attenzione è stata riservata in questi tre anni.
Il contributo di PdL e Lega al comparto agrozootecnico, ancora una volta, è la proroga dei pagamenti delle multe sulle quote latte.
Bocciati tutti gli emendamenti del Partito Democratico con i quali si prevedevano interventi di sostegno al comparto tra cui, in particolare, il ripristino dei fondi – da quest’anno azzerati – per le Associazioni Provinciali Allevatori e per tutelare la qualità della zootecnia.
Ormai incapace di occuparsi delle priorità del Paese, questo Governo ci porta così verso l’apertura certa e automatica di una procedura di infrazione europea nei confronti dell’Italia e verso la possibile sospensione di aiuti comunitari in materia agricola.
A pagare il conto quindi saranno ancora i cittadini-produttori onesti!
A questo punto, è proprio il Ministro all’Agricoltura Galan che deve spiegare al Paese, in primo luogo agli allevatori, questa scelta. Smettendola finalmente con le furbizie. Galan ha adottato con scarso ritegno l’illegalità già propugnata da Zaia. Proposto infatti dalla Lega, l’emendamento è stato votato dall’intero gruppo di maggioranza in Commissione Bilancio ed è stato inserito nel maxiemendamento presentato dal Consiglio dei Ministri (di cui ci risulta il Ministro Galan faccia in qualche modo parte).
Ancora una volta, chiediamo al Ministro coerenza tra il dire e il fare. Gli chiediamo rispetto per gli imprenditori agricoli. Gli chiediamo di parlare con lingua dritta, non biforcuta.
Articolo scritto in Economia e lavoro e con i tag , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>