Valle Camonica Area Vasta

Il Pd: la valle sia un’Area vasta (pag. 24)

La Valcamonica continua a fare storia a sé politicamente parlando. E così succede che scenari che altrove si associano al federalismo di matrice leghista vengano invece disegnati (o forse sarebbe meglio dire anche disegnati) da forze insospettabili. Quindi capita che il 90% degli iscritti territoriali al Pd avalli, nell’assemblea di Breno, la proposta di creazione di un’Area vasta fatta dal portavoce Mario Bezzi. Conseguentemente, a breve sarà costituito un comitato dei «3 Sì», chiamato a promuovere la partecipazione a due iniziative referendarie certe e a una possibile, magari da proporre attraverso altre modalità. Sul referendum costituzionale sul Titolo V che «disegna» le autonomie locali (comuni, province e regioni), per il portavoce non esistono dubbi, e anche relativamente a quello regionale voluto da Roberto Maroni, con il quale si intende assegnare maggiore autonomia, l’indicazione di Bezzi è per il sì, «considerando che anche il nostro rappresentante in consiglio Corrado Tomasi aveva espresso voto favorevole», al contrario del suo partito. Ma il tema che sta più a cuore al portavoce del Pd è legato a un’altra autonomia, quella della Valcamonica, per la quale il Partito democratico camuno chiede la costituzione di un’Area vasta: «Si tratta di un percorso di autonomia e di semplificazione, per il quale chiederemo collaborazione alla Lega e ai partiti che fossero interessati, intendendo che i nostri due enti comprensoriali, Bim e Comunità montana, in comunanza con la Provincia, siano identificati in questa nuova realtà» spiega Bezzi. «L’iter è condiviso con il Pd bresciano e la nostra proposta non vuol essere di secessione ma di condivisione, perchè in ogni caso continueremo a gravitare sulla città. Sentiamo necessaria una istituzione che metta al centro l’acqua, il turismo, l’agricoltura, i comprensori sciistici, le scuole e i trasporti, perchè a tante mancate risposte si deve il mancato sviluppo della nostra terra». Che fare per questo scopo? «Non posso ora prevedere se chiederemo di indire un referendum o di far adottare apposite delibere ai nostri comuni; quello che è necessario – risponde Bezzi – è costituire un comitato del sì che in tempi ragionevoli riesca a mobilitare la valle». L.RAN.

Articolo scritto in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Sanità e welfare, Territorio.



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>