Archivi tag: Sanità

Arresti in Lombardia. Gaffuri: “Società svizzera costretta a star fuori dallo stomatologico perché in Lombardia lavorano i lombardi”

palazzo_lombardiaAnche la Svizzera è indirettamente chiamata in causa nell’ennesimo arresto avvenuto in Regione Lombardia. Sull’ordinanza emessa dal Tribunale di Monza si legge di una società service svizzera che avrebbe avuto interessi a entrare nel mercato lombardo, ma che viene stoppata dalle persone coinvolte nella vicenda. “A leggere le intercettazioni si scopre che «le attenzioni del gruppo affaristico si erano anche rivolte all’Istituto stomatologico italiano che aveva deciso di affidare la propria gestione operativa ad una società esterna e che, per le dimensioni della struttura, avrebbe comportato dei guadagni estremamente significativi, in confronto ai quali quelli fino a quel momento ottenuti rappresentavano ben poca cosa», come si evince dall’ordinanza del Tribunale – riporta Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, carte alla mano –. Secondo i magistrati «ancora una volta, alla trattativa con i vertici dell’ Istituto da parte dell’ imprenditrice Canegrati, era affiancato il pesante intervento della coppia Longo-Rizzi che, proprio facendo pesare il proprio ruolo istituzionale, di fatto coartavano la volontà dei dirigenti, propensi a valutare anche l’offerta di una concorrente svizzera, il fondo di Private Equity Xenon», che in una intercettazione viene definito dallo stesso Longo una società di service svizzera che ha assorbito il gruppo di Rottoli, già socio della Canegrati”. Continua a leggere

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , , , | Lascia un commento

Sanità frontalieri, Gaffuri: “Regione Lombardia prima ha interpretato la circolare e solo ora ha chiesto delucidazioni”

sanita“È Regione Lombardia che ha dato una lettura restrittiva della circolare del Ministero della Salute, quasi un anno fa, e solo la scorsa settimana si è premurata di chiedere conferma della propria interpretazione. Intanto, forte di questa, ha fatto pagare fior di soldi ad alcuni frontalieri per avere ciò che gli spetta gratuitamente, ovvero il Servizio sanitario nazionale. Ribadiamo la nostra richiesta a Maroni di restituire a questi lavoratori il contributo preteso ingiustamente”, lo ripetono, a distanza di pochi giorni dal chiarimento arrivato direttamente dal Governo nell’Aula della Camera, Luca Gaffuri e Alessandro Alfieri, consiglieri regionali del Pd, a proposito della vicenda sul pagamento del Ssn da parte dei lavoratori frontalieri. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , | Lascia un commento

Frontalieri. Gaffuri: “Infondata la richiesta di Regione Lombardia di far pagare il Servizio Sanitario”

sanitaDurante il Consiglio regionale di martedì 2 febbraio 2016 è stata presentata dall’opposizione una mozione urgente in cui si richiedeva una revisione dell’interpretazione della Circolare ministeriale che ha portato alcuni uffici delle Ats lombarde, su sollecitazione dell’assessorato regionale alla Sanità, a richiedere ai frontalieri il pagamento del contributo al servizio sanitario nazionale per beneficiare delle prestazioni. L’assessore al post Expo e Città metropolitana Brianza ha chiesto di rinviare il documento in Commissioni congiunte Sanità e Speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica per un approfondimento con i responsabili dell’assessorato e ascoltando in audizione i rappresentanti dei frontalieri e le organizzazioni sindacali. Continua a leggere

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , , | Lascia un commento

Sanità: la Commissione approva lo smembramento del territorio di Como. Gaffuri: “Giocano a risiko, altro che riforma”

sanitaLa maggioranza ha votato da sola, con l’opposizione fuori dall’Aula per protesta, la riforma della “governance” della sanità, ovvero ciò che rimane dell’iniziale progetto di riforma della sanità lombarda. Ma alla nuova geografia degli ospedali lombardi, con le otto Aziende Territoriali della Salute e le nuove Aziende Socio Sanitarie Territoriali, sono mancati i voti di Forza Italia (che è il partito dell’assessore alla Sanità) e Fratelli d’Italia, che si sono astenuti, e dei Pensionati e di Fuxia People, che erano assenti. Il centrodestra ha comunque avuto i numeri per approvarla.

Il testo approvato oggi prevede lo smembramento dell’Asl di Como, che finisce per la gran parte con Varese nella nuova ATS dell’Insubria mentre il Medio Alto Lario viene accorpato a Sondrio nell’ATS della Montagna.

“Stanno giocando a Risiko con il territorio tracciando linee sulla mappa senza una vera logica – attacca il consigliere regionale democratico Luca Gaffuri -. Accorpano Como con Varese, ma ai nostri ospedali si rivolgono molti più pazienti da Lecco e Monza, e ciò dimostra che sarebbe più opportuna un’aggregazione che ci vedesse con la Brianza. Dall’altra parte che senso ha unire il Medio Alto Lario al territorio di Sondrio e della Valcamonica nell’ATS della Montagna, senza includere anche la montagna lecchese? E se attenzione alla montagna deve esserci devono mettere risorse in più per incentivare i medici e dare autonomia gestionale. Ma la verità è che non stanno riformando alcunché, che tutti i problemi rimarranno irrisolti”.

I numeri a cui fa riferimento Gaffuri riguardano al mobilità attiva e passiva: sono 2.825 i comaschi che hanno scelgo nel 2014 di farsi curare negli ospedali della provincia di Lecco, 4.677 hanno preferito le strutture di Monza e Brianza. La somma, pari a 7.502, è superiore, seppur di poco, al numero dei cittadini che hanno scelto Varese (7.274). Ben più netto è il dato della mobilità passiva: dalla provincia di Lecco sono arrivati agli ospedali comaschi 3.780 pazienti, da Monza e Brianza 2.609 mentre da Varese solo 1.723. Ciò dimostra che sarebbe più naturale unire Como a Lecco e a Monza.

Il video con le opinioni in proposito espresse dal Consigliere regionale, Luca Gaffuri:

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , | Lascia un commento

Esenzione superticket per i redditi bassi sarebbe nostra vittoria, la chiediamo da anni

sanitaL’esenzione del superticket per i redditi più bassi? Sarebbe senza dubbio una vittoria del Pd, perché è una ricetta che sosteniamo senza sosta da ancor prima delle elezioni del 2013. Per noi la soglia è di 30mila euro, deve valere per tutti i ticket regionali e si accompagna alla modulazione per reddito. Detto questo, da un annuncio fatto a ridosso dei ballottaggi all’applicazione concreta ci può essere molta differenza, e il passato ci induce ad essere cauti. Non vorremmo che succedesse come per il taglio dei ticket sui farmaci, di cui hanno beneficiato un decimo dei cittadini previsti e che per la Regione si è risolto in un vero flop.

Pubblicato in Blog Dem | Taggato , | Lascia un commento

Prospettive della sanità lombarda: intervista a Carlo Borghetti

Intervista al Consigliere regionale Carlo Borghetti, a Como per intervenire all’incontro promosso dal Gruppo PD senior di Como in quel di Lora sulla riforma sanitaria

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato | Lascia un commento

Como: la cittadella sanitaria nell’ex nosocomio Sant’Anna in via Napoleona…a che punto siamo?

Intervista a Paolo Furgoni del Comitato Sanità PD provinciale di Como e del Comitato pro Cittadella della salute

Pubblicato in Notizie da Como | Taggato , | Lascia un commento

Documento del PD Alto lago sulla Sanità in Lombardia e nella zona lariana

alto lagoIl territorio del Distretto socio-sanitario del centro e alto lago paga, in relazione all’accesso e all’erogazione dei servizi alla persona, una situazione critica anche per le note carenze infrastrutturali e viabilistiche: posizionamento per il 70% sopra gli 800 m. di quota; frammentazione dei paesi e delle frazioni; bassa densità abitativa; trasporto pubblico carente o non presente; indice di vecchiaia più elevato della (ex)provincia. Per fronteggiare al meglio tale situazione ecco alcune proposte Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , | Lascia un commento

Sblocca Italia: salvi oltre 300 Milioni per opere di edilizia sanitaria in Lombardia

sanitaUna proposta della deputata bergamasca Elena Carnevali, recepita dal Governo, ha permesso di modificare a favore delle Regioni l’articolo 42 dello Sblocca Italia relativo alla realizzazione di importanti interventi di edilizia sanitariaevitando così di perdere definitivamente i finanziamenti che risalgono alle programmazioni regionali del 2008 – 2009 e che poi erano state sottoscritte con accordi di programma nel 2013, come nel caso della Lombardia. La relatrice del Decreto Sblocca-Italia, Chiara Braga, ha accolto il contenuto dell’art. 42, portando da 24 a 36 mesi la proroga per la richiesta di ammissione al finanziamento statale da parte delle aziende sanitarie locali e delle aziende ospedaliere impossibilitate a rispettare i vecchi termini a causa di iter burocratico modificato negli anni alquanto complesso che rischiava di vanificare lo sforzo delle stesse strutture sanitarie. Continua a leggere

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , | Lascia un commento

Autismo: i video del convegno

Ecco i video con alcuni interventi del convegno ”Autismo — il welfare che vorrei” che si è svolto sabato 27 ottobre presso la sala Conferenze della sede territoriale di Como di Regione Lombardia. Un appuntamento, organizzato dal gruppo del Partito Democratico in Consiglio Regionale insieme alle associazioni dei familiari delle persone affette da questa patologia, che ha visto la partecipazione di numerosi esponenti istituzionali del Comune di Como e di Regione Lombardia, nonché di genitori che quotidianamente devono affrontare l’autismo nella loro vita, esponenti della realtà sanitaria, associativa e della scuola comasca, quest’ultima rappresentata dal Dirigente Scolastico Provinciale, Claudio Merletti, nonché da numerosi Presidi.

L’intervento del Cons. Regionale Luca Gaffuri:

La testimonianza di Eva Cariboni (associazione Emergenzautismo):

I percorsi di cura e le misure di inclusione sociale nel trattamento delle patologie dello spettro autistico in età adolescenziale. L’esperienza dell’associazione Costruire con Nicoletta Sanguinetti e le considerazioni del vicesindaco del Comune di Como, Silvia Magni:

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento