Archivi tag: PDL

Formigoni sotto tutela della Lega. E…con tagliando mensile

“Formigoni sotto tutela della Lega e costretto a un tagliando mensile”, è il commento a caldo di Luca Gaffuri, capogruppo regionale del Pd, dopo l’incontro tra il governatore e il Carroccio, oggi, al Pirellone.

“In questi ultimi mesi la Lega ci aveva detto che se il Pdl non scaricava Monti avrebbe fatto cadere la Giunta. Poi si è impuntata sulla questione di Formigoni commissario generale dell’Expo. Ultima in ordine di tempo la sparata sulla scadenza elettorale che il Carroccio, fino a poche ore fa, voleva anticipare al 2013 – continua Gaffuri –. Niente di tutto ciò. La Lega si ritira al nord e si attacca ancora più saldamente al potere lombardo, cercando di fare asse tra le tre grandi regioni in mano al centrodestra. Forse perché sa che ridando la parola agli elettori rischia di perdere tutto”.

“Il 17 luglio ci sarà una seduta di Consiglio regionale dedicata ad Expo: in quella occasione noi presenteremo la mozione con la quale chiediamo a Formigoni di lasciare l’incarico. La Lega avrà due possibilità: non votare la nostra mozione e quindi continuare a sostenere Formigoni, ma in quel caso sappia che dovrà spiegare agli elettori perché strilla sui giornali ma non morde in Aula, oppure presentare una sua mozione a cui ci accoderemo perché a noi interessa il risultato, allontanare Formigoni da Expo”.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , | 1 commento

I comaschi non affidino ancora le sorti della città a una classe politica divisa, litigiosa e perdi più eterodiretta

Si moltiplicano le voci di una possibile scissione tra i vertici del Partito delle Libertà lariano alla vigilia delle elezioni amministrative. La linea di frattura si situa sulla presentazione di una lista civica guidata da Gaddi, questione attualmente all’esame dei vertici nazionali del Partito.

Savina Marelli, segretario provinciale del Partito Democratico a Como, commenta: “Avevamo già il sospetto che le Primarie del PDL fossero più un regolamento di conti interni che una un reale strumento di coinvolgimento e partecipazione, i fatti che ne sono seguiti ne stanno dando ampia dimostrazione. La classe politica che ha governato Como negli ultimi vent’anni era divisa e lo è ancor più ora, oltretutto su questioni di potere e non su differenti visioni riguardo il futuro della città.

Ci pensino bene – prosegue il segretario,- i cittadini comaschi, ad affidare le sorti della città a una classe politica ormai allo sbando e che rimanda a Milano e a Roma la soluzione di problemi interni con logiche che nulla hanno a che fare con il bene di Como.

Ora più che mai è necessaria un’alternativa e mi sembra ci siano le condizioni perché anche a Como si possa cambiare passo”

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , | Lascia un commento

Caso Bordoli, Gaffuri: vicenda che va contro l’etica e che specula sulle famiglie in difficoltà

Nell’ultima seduta del consiglio comunale di Como una consigliera ha letto una lettera in cui la presidente di una associazione di promozione sociale, che effettua diagnosi per i disturbi dell’apprendimento infantile e la dislessia, accreditata e convenzionata con la Regione attraverso la Asl di Como, chiede che, in occasione delle primarie del Popolo della Libertà per la scelta del candidato sindaco, i genitori dei bambini assistiti votino la candidata Laura Bordoli.

Le argomentazioni addotte (“Per noi la sopravvivenza non è una sicurezza acquisita, nonostante l’accreditamento”, “Per continuare a esistere e dare una mano ai bambini, purtroppo ho sempre bisogno di avere ottime relazioni con gli enti istituzionali” e ancora, se l’associazione “non ci sarà più, tutti i bambini faranno una lista d’attesa interminabile presso gli altri enti con tutte le conseguenze del caso”), rivolte a persone che in famiglia devono affrontare problemi di salute, “assumono un valore antietico, di speculazione sulle difficoltà personali e familiari”, commenta Luca Gaffuri, capogruppo regionale del Pd.

“La lettera fa inoltre intendere che il rapporto tra il privato sociale e le istituzioni non possa prescindere da contiguità e scambio di favori e che il diritto dei cittadini ad avere un’assistenza sia subordinato al sostegno dato a una parte o a un preciso contendente politico – continua Gaffuri –. Mi ha dato da pensare che nella lettera s’invitasse i destinatari non solo a votare un certo candidato, ma anche a farlo in un unico seggio delle primarie del Pdl, tra i diversi allestiti in città, come se si volesse censire chi tra i genitori avrebbe partecipato e chi no. Sono fatti che, se riproposti alle elezioni, potrebbero essere anche penalmente rilevanti”.

Conclude il capogruppo Pd: “Io ritengo che queste iniziative siano inaccettabili e da censurare, perché tendono a imporre condizioni ai diritti dei cittadini, in questo caso al diritto alla salute e a quello di libera espressione politica. La Regione si fonda sulle libertà democratiche e attiva collaborazioni con il privato sociale perché i diritti dei cittadini siano garantiti: per questo proporrò in Consiglio regionale che sia adottato un atteggiamento intransigente verso episodi simili in futuro, fino all’interruzione dei rapporti della Regione e degli organi da essa dipendenti con singoli ed enti che antepongono la contiguità alla correttezza”.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como, Sanità e welfare | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Una vergogna strumentalizzare i bambini per fare bassa politica

“Sospettavamo già che le primarie del PDL sono state soprattutto un’occasione per mettere in scena regolamenti di conti interni e ratificare logiche di partito– commenta Raffaele Grieco, cosigliere PD nella Circoscrizione 5 – tuttavia non avevamo idea che si fosse scesi tanto in basso. In Consiglio Comunale di lunedì sera ha rivelato il tentativo di strumentalizzare un’associazione di volontariato che si occupa di bambini dislessici, invitando i genitori a votare per Laura Bordoli”.

“Nella mail spedita alle famiglie – prosegue Grieco – si legge che l’associazione è in grado di aiutare i bambini solo grazie alle ottime relazioni con gli enti istituzionali, in particolare con il comune di Como, e per questo era opportuno votare la Bordoli. Crediamo che le Primarie siano un strumento prezioso per la democrazia e un’occasione di partecipazione dei cittadini; crediamo inoltre che Como e il suo territorio si meritino qualcosa di meglio di questo squallido mercatino di voti fatto sulla pelle dei bambini”.

Oggi, alle 12 avrebbe dovuto esserci il Consiglio di Circoscrizione, presieduto proprio da Mario Pitassi, il marito di Verena Bassani, presidentessa  dell’associazione “VeLa dislessia”. Tuttavia la seduta è stata annullata per mancanza del numero legale. Presenti solo due consiglieri di opposizione e uno di maggioranza, mentre il presidente Pitassi aveva già comunicato di non poter presenziare a causa di impegni lavorativi. ”Il Consiglio di Circoscrizione - conclude Grieco – avrebbe potuto essere un’occasione, oltre che per esprimere il parere importante sulla costruzione del famoso hotel in via Manzoni,  per discutere della faccenda che ci oltraggia tutti e che ci fa dire, vergogna!”

Pubblicato in Notizie da Como | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Braga: “Tribunali, sedi periferiche: Bianchi se la prensa con il suo Partito!”

“Viene da chiedersi se il consigliere regionale  Bianchi viva sul Lago o sulla Luna. Sarebbe bene se si ricordasse che la soppressione delle sedi periferiche dei tribunali, che tocca anche la nostra provincia, è stata disposta dalla manovra estiva approvata dal Governo Berlusconi con il voto favorevole dell’alleato della Lega Nord. Mentre il Partito Democratico ha sempre sollecitato l’importanza di un percorso graduale e basato su un confronto con le realtà locali in modo da condurre ad un’effettiva razionalizzazione del sistema giustizia. Nulla c’entra quindi, in questa vicenda il Governo Monti”. Questo il duro commento dell’on. Chiara Braga del Partito Democratico in merito alle dichiarazioni del consigliere regionale della Lega Nord, Dario Bianchi sulla vicenda della soppressione delle sedi periferiche dei tribunali.

“A noi -continua la deputata comasca presente insieme a Gaffuri  all’incontro della scorsa settimana con l’ordine degli avvocati – non interessa far demagogia, ma trovare una soluzione che non penalizzi gli operatori e gli utenti dei tribunali locali. Per questo, ricordo al consigliere Bianchi, che più di un mese fa abbiamo portato in approvazione in consiglio provinciale una mozione per avviare un percorso di analisi dei dati e di valutazione della sostenibilità economica delle sedi periferiche dei tribunali. Ciò al fine di verificare, insieme ai Comuni, se esistono le condizioni per il mantenimento di alcuni servizi, in particolare il giudice di pace, anche sul lago e quindi a Menaggio. Ci piacerebbe sapere se quell’impegno ha portato a qualche risultato ”.

Pubblicato in Blog Dem | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Formigoni non potrà più dire che non ci sono casi giudiziari che riguardano assessori in carica

“Solo la scorsa settimana Formigoni sosteneva che la sua giunta non era stata toccata da vicende giudiziarie. Oggi è evidente che non è così. Romano La Russa è l’ennesimo esponente della giunta precedente coinvolto in un’indagine della magistratura, ma a differenza di Boni, Ponzoni, Nicoli e Prosperini è a tutt’oggi assessore in carica. Anche l’ambito in cui si dispiega l’indagine è significativo, perché l’Aler è un’azienda regionale. Per noi vale anche in questo caso la presunzione di innocenza e il sostegno al lavoro dei magistrati perché si arrivi presto a fare piena luce sulla vicenda. Il giudizio sulla legislatura e sui diciassette anni di governo di Formigoni non cambia: occorre un rinnovamento profondo, che può avvenire solo restituendo la parola agli elettori”.

Così dichiara il capogruppo del Pd in Regione Luca Gaffuri dopo la notizia della chiusura delle indagini a carico, tra gli altri, dell’assessore regionale del Pdl Romano La Russa.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento

Caso Giammario: subito al voto per ridare credibilità alla Regione

“L’avviso di garanzia ad Angelo Giammario è l’ennesimo ad un esponente della passata giunta Formigoni, in qualità di sottosegretario con delega ai rapporti con l’area metropolitana, e attuale consigliere. Non entriamo in alcun modo nel giudizio sul caso in questione e auguriamo al consigliere del Pdl di poter dimostrare la propria estraneità ai fatti su cui la magistratura indaga. La nostra richiesta tuttavia è netta: la stagione formigoniana è finita, occorre tornare al voto e rinnovare l’istituzione regionale. Troppe sono le crepe in questa maggioranza, andare al voto è la strada maestra per restituire credibilità alla Regione”.

Così Luca Gaffuri, capogruppo Pd in consiglio regionale della Lombardia, commenta l’avviso di garanzia al consigliere regionale del Pdl Angelo Giammario.

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , , | Lascia un commento

Alle primarie del Pdl vince la continuità con il passato

Savina Marelli, segretario provinciale del Partito Democratico, commenta il risultato delle primarie che il Partito Delle Libertà ha realizzato sabato 4 marzo e che ha incoronato Laura Bordoli come candidato sindaco del Partito: “Al di là dell’apprezzabile novità rappresentata dall’utilizzo delle primarie quale formidabile strumento per coinvolgere i cittadini nella scelta del candidato sindaco, nonostante le ripetute critiche infondate e ingenerose a cui il senatore Butti ha sottoposto quelle del centrosinistra; e al di là del fatto che Laura Bordoli sia un volto nuovo della politica locale, le consultazioni dello scorso sabato esprimono un risultato di continuità rispetto alla classe dirigente di centro destra che ha sotenuto il candidato Sindaco e che ha governato la città negli scorsi vent’anni.

Inoltre – continua il segretario – le primarie del PDL sembra siano state l’occasione per un regolamento di vecchi conti interni al partito: le fazioni sono sempre le stesse, la persone dietro le quinte non cambiano e mi sembra difficile che la città, con queste premesse, possa andare incontro ad un destino diverso da quello che ha contraddistinto l’amministrazione Bruni, di cui tutti ricordiamo i disastri.

Noi, il Partito Democratico e il centrosinistra, continuiamo a lavorare con convinzione per costruire l’alternativa, credibile e affidabile, per la città di Como e per i suoi cittadini. Ne sono la prova la coesione della coalizione che sostiene Mario Lucini che si distingue per impegno, onestà e provata competenza. Chiediamo ai comaschi di darci la loro  fiducia, perché questo è l’unico modo per rompere meccanismi da troppo tempo consolidati e ambire a cambiare il passo costruendo a Como il futuro che si merita”

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Legnani commenta i risultati delle primarie del PDL

Stefano Legnani, segretario cittadino PD, commenta i risultati delle primarie del PDL che si si sono svolte la scorsa domenica: “Tutte le volte che i cittadini sono chiamati a votare è sempre un fatto positivo per la democrazia; non si può quindi che apprezzare che anche il PdL abbia deciso di affidare la scelta del proprio candidato sindaco alle elezioni primarie, seguendo la strada sulla quale il centrosinistra si è posto ormai da molti anni.
Diverso è però il clima in cui sono svolte rispetto a quelle che hanno individuato in Mario Lucini il candidato sindaco del centrosinistra. Allora una leale competizione tra persone che si indentificavano in un condivisa visione della città, ieri un vera e propria guerra senza esclusione di colpi tra le diverse anime del PdL che hanno cercato entrambe di presentarsi come il nuovo rispetto alla precedente amministrazione; tentativo maldestro perché i due candidati erano in diretta continuità con chi ha amministrato la città negli ultimi anni.
Laura Bordoli, stimata e competente professionista, vincitrice delle primarie, è infatti espressione di quella parte del partito della quale fanno parte l’attuale sindaco, la quasi totalità degli assessori e dei consiglieri comunali, nonché il coordinatore provinciale del PdL, cioè i principali responsabili della drammatica situazione in cui si trova l’amministrazione comunale e soprattutto la città; tutti impegnati nelle scorse settimane a sostenerne la candidatura.
Per Como è invece necessario un vero e proprio “cambio di passo” che segni una netta discontinuità con il passato e che solo una candidatura autorevole come quella di Mario Lucini può garantire”.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , | Lascia un commento

Braga: più rispetto per le Primarie del Centro Sinistra

“Se il senso delle primarie è quello di aprire le forze politiche alla società, alla città, facendo leva sul senso di condivisione di una comunità, permettendo una più ampia partecipazione possibile alla scelta dei candidati, allora non si comprende l’atteggiamento sprezzante con cui il senatore Butti, in ogni sua intervista, continua ad esprimersi rispetto alle primarie del centrosinistra”. Questo il commento della deputata comasca Chiara Braga del Partito Democratico.

“Ho troppo rispetto – continua la giovane comasca – per tutte le occasioni di confronto democratico, anche quando riguardano un partito in evidente difficoltà come il Pdl, per permettermi di esprimere giudizi senza fondamento sulle Primarie che si svolgeranno domenica”.

“Vorrei che lo stesso venisse fatto anche da altri per le Primarie del centrosinistra che hanno portato, con largo anticipo  e grazie ad un ampio coinvolgimento di persone ed energie comasche, alla scelta di Mario Lucini candidato sindaco. Credo che ne guadagnerebbe prima di tutto la qualità del dibattito pubblico sul futuro della città, che dovrebbe stare in cima alle priorità di chiunque si candidi a governare Como nei prossimi anni”.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , | Lascia un commento