Archivi tag: Gaffuri

Tangenziale, Gaffuri: “Nessun segnale di vita. Vedremo il primo gennaio”

tangenziale como ritagliata“Nessun segnale di vita” è il virgolettato con cui Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, commenta sul giornale La Provincia di Como di martedì 17 ottobre gli impegni presi con i comaschi a proposito della tangenziale. Il consigliere dice di non aver registrato passi in avanti sull’argomento tangenziale di Como e sull’abolizione del pedaggio prevista dal 1 gennaio prossimo.
“No, non ci sono aggiornamenti. Questo però è un obiettivo fondamentale per Como e tutta la provincia. Da anni lo stiamo perseguendo, dimostrando che la scelta di portare a pagamento il primo lotto della tangenziale non va bene. Dobbiamo eliminare il pedaggio, rendere gratis la strada – dice ancora Gaffuri –. I numeri degli utenti che a oggi utilizzano il tratto autostradale sono ancora irrisori, il peso dell’opera è stato sorretto dal pubblico, i  benefici per cittadini e territorio tardano a vedersi”.
Gaffuri conclude dicendo che “ci aspettiamo che Roberto Maroni sia di parola e che dal primo gennaio del 2018 la tangenziale sia effettivamente gratuita così come ha promesso a più riprese. Per ora, in questi mesi, ancora non abbiamo visto una foglia muoversi. Immagino non sia affatto facile, ma ci contiamo perché per il nostro territorio è una questione troppo importante”.

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Turismo sul lago, Gaffuri: “Nuovo rilancio grazie al cofinanziamento, ma il Comune ‘rischia’ i giardini a lago”

alto lagoSi è parlato di turismo sul lago di Como, a Palazzo Lombardia, a Milano, durante un incontro che affrontava appunto le prospettive di sviluppo turistico del Lario.
“Due sono le linee di intervento individuate dalla Regione ed elaborate dal Comune di Como, per un investimento totale di 1.226.094 euro, di cui 591.094 di cofinanziamento regionale e 635.000 di cofinanziamento comunale – fa sapere Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd –. La prima riguarda l’infrastrutturazione e prevede un forte investimento sull’area dei giardini a lago con l’avvio della riqualificazione, che aumenterà l’attrattività e la sicurezza dell’area, l’illuminazione pubblica, la razionalizzazione delle aree verdi per le quali è previsto un layout rinnovato. Si affiancheranno a questi interventi una serie di investimenti tecnologici quali l’estensione della rete wi-fi pubblica, federata a quella regionale, e il potenziamento del sito visitcomo.eu oltre alla creazione di una nuova App gratuita”.
Tutto bene? Non proprio, a giudicare dalle notizie apparse in questi giorni sui media comaschi: “Abbiamo appreso che il Comune di Como tergiversa sul finanziamento concordato con Regione Lombardia che riqualifica i giardini a lago e questo può comportare la perdita dell’intero finanziamento”, fa presente Gaffuri.
La seconda linea punta, invece, sulla “promozione turistica che si caratterizza per la stretta collaborazione con Explora, finalizzata a generare un’immagine unitaria delle capitali d’arte della Lombardia, mettendo a sistema il patrimonio delle singole destinazioni e valorizzando al contempo le specificità e le identità territoriali. L’obiettivo è di cambiare in meglio la percezione collettiva di Como attraverso strumenti e iniziative di comunicazione innovative”.
Il totale complessivo del cofinanziamento regionale – legato all’iniziativa ‘L’anno del turismo e le capitali d’arte – Progetto Cult City’, gestito da Giunta e Unioncamere Lombardia – è ripartito in 402.559 euro per le spese di infrastrutturazione e in 188.535 euro per le spese legate alla promozione turistica.
In generale, comunque, Gaffuri riconosce come “positiva la volontà, emersa durante l’incontro, di individuare un soggetto unitario, la cui forma giuridica verrà individuata nelle prossime settimane, per il coordinamento delle politiche di sviluppo e di comunicazione del lago di Como”.
Quello che, invece, assieme al collega di Lecco Raffaele Straniero, Gaffuri ha chiesto è una “maggiore integrazione tra il trasporto e il turismo, a partire dallo sviluppo della linea Lecco-Como, che già conta pochissime corse e in orari poco affini alle esigenze dei turisti, soprattutto la domenica”, e ha anche sottolineato l’importanza di “prestare attenzione non solo al turismo lacuale, ma anche a quello del comparto montano”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Idee e politica, Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Lombardia-Grigioni, Gaffuri: “Ok alla ratifica, ma mancano temi come cabotaggio e integrazione tariffaria”

italia svizzeraOk alla ratifica, da parte del consiglio regionale, dell’intesa tra la Regione Lombardia, la Provincia di Sondrio e il Canton Grigioni per lo sviluppo del traffico pubblico regionale e transfrontaliero e della sua componente turistica.
“È un accordo importante per quanto riguarda la mobilità, sia per chi si reca da una parte all’altra del confine per motivi di lavoro, sia, in particolare, per lo sviluppo turistico di questi territori – commenta Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd e segretario della Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica –. È un’istanza che avevo portato a Poschiavo, nell’incontro di qualche tempo fa. Ritengo, infatti, importante l’attività di dialogo che c’è stata in questi anni. Ed è altrettanto importante che il monitoraggio degli accordi presi sia portato avanti con continuità”.
Tuttavia, mancano degli aspetti importanti al rapporto di buon vicinato che si sta instaurando con i Grigioni, secondo Gaffuri: “Non sappiamo ancora nulla a proposito della questione del cabotaggio, che coinvolge Lombardia, Canton Ticino e Canton Grigioni. Inoltre, il tema dell’integrazione tariffaria diventa centrale se vogliamo agevolare il trasporto pubblico”.
Gaffuri ha espresso rammarico anche per il fatto che “ancora una volta, all’incontro della scorsa settimana con i Grigioni, Regione Lombardia non è arrivata puntuale: avendo rinviato la seduta di consiglio, l’accordo che approviamo solo ora non era ancora operativo. Ma sarebbe stato meglio portare all’incontro l’intesa già ratificata”. Non solo: Gaffuri si è detto anche molto stupito che “l’argomento non sia stato trattato nella Commissione speciale, nata a inizio legislatura proprio con il compito di affrontare le problematiche a cavallo del confine. Invece, l’ultima volta che ci siamo visti era il 29 marzo, quando abbiamo incontrato i nostri omologhi ticinesi a Bellinzona. Forse, a fine legislatura sarà necessario interrogarsi sull’opportunità di mantenere questa e altre commissioni speciali attivate”.

Pubblicato in Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Imprese, Gaffuri e Mosca: “Europa più vicina per aiutare le nostre aziende”

visita moscaUna giornata di visita sul territorio comasco, in particolare nel marianese-canturino, per l’europarlamentare Alessia Mosca, accompagnata da Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, e dai rappresentanti del Pd comasco.
Dopo l’inaugurazione della nuova scuola primaria ‘G. Del Curto’, a Mariano Comense, la delegazione ha proseguito gli incontri con alcune aziende del territorio. L’on. Mosca è, infatti, membro della Commissione per il Commercio internazionale del Parlamento europeo e non è la prima volta che incontra le attività produttive del comasco, proprio per conoscere le esigenze e informare sulle novità a livello di Ue.
“Abbiamo potuto vedere da vicino la capacità di innovazione e internazionalizzazione delle nostre aziende – ha detto al termine delle visite Gaffuri –. È importante il rapporto diretto con i rappresentanti europei, come Alessia Mosca, per l’importanza dei trattati commerciali in discussione, che ricadono anche sulle nostre aziende, e per la possibilità di cogliere l’opportunità di finanziamenti europei”.
L’europarlamentare ha, invece, spiegato il motivo delle sue visite che “è proprio quello di creare un collegamento, per raccontare quali sono le attività, a livello di europeo, per rendere più vicina questa istituzione alle aziende del territorio. Viceversa, queste sono occasioni da cui poi scaturiscono anche visite di imprenditori e amministratori in Parlamento. Perché è importante conoscere meglio chi fa che cosa e per rendere più produttivo il nostro lavoro”.
La Mosca ha sottolineato come uno dei primi punti dell’agenda politica europea sia proprio quello del commercio internazionale. “Abbiamo diverse trattative e negoziati a livello mondiale, in corso, e proprio in queste ore è entrato in vigore l’accordo con il Canada. Le aziende che abbiamo visitato ci hanno dimostrato quanto sia importante essere informati e aggiornati, tant’è che ci hanno chiesto regole certe altrimenti c’è il rischio del far west”.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Notizie dall'Europa, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Pizzo Cengalo, Gaffuri: “Subito le audizioni con gli assessori regionali, i presidenti di Provincia e il Canton Grigioni”

FranaLe ripercussioni sul territorio lombardo della frana del Pizzo Cengalo dello scorso agosto, sono al centro di una richiesta di audizioni presentata da Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, al presidente della Commissione Ambiente del consiglio regionale.
“Considerata la portata e la gravità dell’evento, le importanti ricadute ambientali che investono il fiume Mera e il territorio lombardo e che interesseranno nel medio e lungo periodo il corso d’acqua e le aree circostanti – dice Gaffuri –, chiedo che sia calendarizzata con particolare urgenza una seduta congiunta delle Commissioni Ambiente, Territorio e speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica, per poter approfondire il tema”.
Secondo Gaffuri vanno innanzitutto ascoltati gli assessori regionali all’Ambiente Terzi, al Territorio Beccalossi, alla Protezione Civile Bordonali e ai rapporti con la Svizzera Brianza “affinché possano informare i consiglieri in merito alla situazione ambientale e idraulica del fiume Mera, ai possibili rischi idrogeologici derivanti da eventuali ulteriori crolli e alle azioni messe in campo da Regione Lombardia o da avviare per prevenire e mitigare il rischio e per limitare i danni, purtroppo già in atto, anche attraverso il coordinamento di iniziative locali”.
Inoltre, il consigliere Pd ha chiesto che vengano ascoltati anche i presidenti del Governo del Cantone dei Grigioni, delle Province di Como, Lecco e Sondrio e della Comunità Montana della Valchiavenna.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Polizia nautica, Gaffuri: “È la Regione che deve occuparsi della sicurezza delle nostre acque”

alto lago“La questione della sicurezza nelle acque dei nostri laghi è da risolvere quanto prima, perché al momento la situazione non è affatto presidiata”, Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, si riferisce alle Polizie nautiche provinciali, quei corpi specialistici nati per il pattugliamento dei laghi e dei fiumi della Lombardia e per la sicurezza delle imbarcazioni e delle persone, che sono stati smantellati insieme alle Province.
“Di fatto, i mezzi sono rimasti in capo alle Province, mentre la competenza è tutta regionale, ma si è creato un vuoto amministrativo e soprattutto in termini di sicurezza”, spiega Gaffuri.
Durante l’ultimo Consiglio regionale le opposizioni hanno presentato una mozione sul tema che, in barba alla maggioranza, è stata approvata.
“Ora, dunque, la Regione non può più far finta di niente – conclude Gaffuri –. Si tratta di un segnale forte che ci ricorda l’importanza della questione, evidentemente molto sentita non solo dalle minoranze”.

Pubblicato in Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Fiume Mera, Gaffuri: “Per i detriti la Regione si attivi al più presto”

Frana“Lo strato di fango e di altri materiali che galleggiano sulla superficie del fiume Mera può rappresentare un pericolo ambientale, sia per la qualità e l’inquinamento delle acque e lo stato delle sponde, sia per la fauna lacustre, in particolare ittica”. È molto preoccupato Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, che interviene sulla situazione del fiume Mera invaso dai detriti in seguito alla vasta frana del mese di agosto, verificatasi nella parte grigionese della Val Bregaglia: una coltre di detriti e limo che, scesa a valle, minaccia di riversarsi anche nel Lario. 
Gli allarmi, da parte di chi svolge la sua attività sul fiume, sono stati già lanciati e per Gaffuri “è opportuno che Regione Lombardia faccia celermente il punto insieme alle province di Como e Sondrio, coinvolgendo anche il Canton Grigioni, per quanto riguarda le conseguenze sul nostro territorio del disastro che è avvenuto più a monte, al di là del confine con la Svizzera”.
In particolare, aggiunge il consigliere, “è importante attivarsi, come peraltro hanno già iniziato a fare i privati a Novate Mezzola e altrove, per la pulizia e lo smaltimento dei detriti presenti, anche per evitare che il problema si estenda al lago di Como. Inoltre, visto che la situazione del Pizzo Cengalo in Val Bregaglia non è stabilizzata e quando c’è maltempo si registrano ancora scariche di materiale verso valle, occorrerà individuare soluzioni per intercettare i detriti e prevenire che essi si accumulino peggiorando una situazione già adesso delicata”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Pedemontana, Gaffuri: “Sul cantiere bloccato tra Bregnano e Cermenate servono risposte immediate”

pedemontanaDovevano essere tre e invece non si sa quanti diventeranno i mesi di interruzione della viabilità in via Matteotti, a Cermenate, e in via Garibaldi, a Bregnano, dove lo scorso febbraio le rispettive amministrazioni comunali hanno autorizzato i cantieri della società Nuova Briantea per consentire i lavori necessari al completamento del cavalcavia, la nuova tangenziale connessa alla realizzazione della Pedemontana.
“I tempi si sono notevolmente dilatati e il blocco della circolazione su questo unico asse viario che collega i due paesi comporta notevoli criticità per chi vive nella zona – spiega Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, sollecitato dalle amministrazioni locali –: difficoltà di spostamento per i residenti, intasamento del traffico e aumento dell’inquinamento e danni economici per commercianti e aziende”.
Nonostante i ritardi, la società ha chiesto una ulteriore proroga e per Bregnano si parla addirittura della fine di gennaio 2018.
“All’esasperazione dei cittadini si aggiungono le incertezze dovute ai problemi del sottosuolo e al presunto stato fallimentare di società Pedemontana che deve dare riscontri immediati per poter finalmente riaprire queste strade e ristabilire la normalità nei due paesi. Per quanto mi riguarda, ho già predisposto una lettera all’assessore regionale ai Trasporti perché incontri al più presto i sindaci coinvolti”, conclude Gaffuri.

Pubblicato in Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Vaccini, Gaffuri: “Strada scelta da Regione macchinosa e burocratica e grava su genitori e scuole”

vaccini“La strada scelta da Regione Lombardia per applicare il decreto vaccini è macchinosa e burocratica, con un carico di lavoro che grava tutto su genitori e scuole”, è il commento di Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, dopo aver letto le dichiarazioni dell’assessore Gallera e il piano predisposto da Regione Lombardia per ottemperare al decreto vaccini.
“Ci chiediamo come una Regione che si racconta eccellente in campo sanitario, non voglia investire per fornire direttamente ai cittadini le certificazioni necessarie, così come fanno altre Regioni – continua Gaffuri –. Nelle sue dichiarazioni l’assessore sembra ammettere che non ci sia sicurezza dei dati già in possesso delle strutture. E d’altronde, come è emerso dalle audizioni di mesi fa in Commissione, la Lombardia non è dotata di una anagrafe vaccinale omogenea”.
Per il consigliere Pd “anche il percorso di segnalazione delle inadempienze rischia di impantanarsi nelle diverse competenze di Asst e Ats. Su questo fronte, ad esempio, la Liguria sarà da subito in grado di fissare un appuntamento vaccinale ai genitori interessati. E cito una Regione che pure ha fatto ricorso contro il decreto, ma si è comunque impegnata per rendere più semplice la sua applicazione”.

Pubblicato in Notizie dalla Regione, Sanità e welfare | Taggato , , , , | Lascia un commento

Iva, Gaffuri: “Grazie a un nostro ordine del giorno, sostegno alle cooperative sociali”

sociale“È ora che la Giunta getti la maschera e dica davvero se vuole farsi carico dei problemi delle cooperative sociali colpite dall’aumento dell’Iva dal 4 al 5%”, lo dice Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, che, con i colleghi, ha visto approvare, nel recente bilancio, un ordine del giorno che, almeno in linea di principio, va incontro alle esigenze delle cooperative sociali che tanta utilità pubblica ricoprono in Lombardia. Un risultato che lascia Gaffuri “parzialmente soddisfatto perché vorrei ora vedere degli atti concreti subito”.
L’atto di indirizzo chiede che l’aggravio di costi che, con la Legge di Stabilità 2016, si è venuto a creare per le cooperative sociali, rispetto ad altri soggetti erogatori, sia in qualche modo compensato, individuando nell’ambito degli stanziamenti di bilancio 2017/2019 nuove risorse e verificando la possibilità di ridefinire il corrispettivo contrattuale per la gestione dei servizi sociosanitari accreditati al netto dell’Iva.
“Le cooperative sociali contribuiscono in modo determinante al buon funzionamento dei servizi sociosanitari di questa Regione, perché in grado di garantire presenza e prestazioni – ricorda Gaffuri –. In particolare, nel settore del welfare sono un milione le persone assistite dalla cooperazione sociale e oltre il 50% dei servizi alla disabilità. Per questo non possiamo permetterci di buttare via questo capitale, ma dobbiamo in ogni modo sostenerlo”.
L’ordine del giorno approvato rimanda però alle conclusioni del gruppo di lavoro insediato in seno alla Commissione Bilancio, di cui Gaffuri fa parte. La questione è dunque rimandata a dopo la pausa estiva “con l’auspicio che i tecnici della Giunta dimostrino una maggiore flessibilità rispetto a quanto è avvenuto finora”, sottolinea il consigliere.

Pubblicato in Economia e lavoro, Notizie dalla Regione, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento