Archivi tag: Gabriele Guarisco

Cimiteri, Fanetti e Guarisco: “In Giunta non si parlano:gli Assessori dicono cose diverse”

cimiteri3“Non è la prima volta che lo notiamo: in Giunta non si parlano tra di loro. E così anche sui cimiteri, gli assessori Negretti e Bella danno per trovata una soluzione. Pettignano dice che sostanzialmente non c’è. Che si decidano”, lo fanno notare Stefano Fanetti e Gabriele Guarisco, capogruppo e consigliere comunali del Pd, dopo che in poche ore i tre assessori comaschi hanno fatto dichiarazioni contrastanti tra loro.
“Leggiamo che Negretti e Bella pensano a utilizzare un’impresa che già si occupa di manutenzioni per il Comune e che potrebbe comodamente farle anche per i cimiteri – incalzano gli esponenti Pd –. Ma d’altra parte, su altro organo di stampa, Pettignano boccia la soluzione prospettata dai due colleghi e appoggiata anche dal sindaco, e dice che non ci sono soluzioni immediate e che tutto è rinviato a settembre quando verranno assunte alcune persone, ma i tempi non sono brevi”.
Intanto, sottolineano ancora Fanetti e Guarisco, “i cimiteri sono allo sbando, i cittadini sono furiosi, il degrado è alle stelle. Lo abbiamo sempre detto, con Lucini sindaco, che la gestione dei camposanti non era una passeggiata. All’epoca ci dileggiavano, ma riuscivamo, anche grazie ai volontari, a mantenere almeno una situazione dignitosa. Ora, Landriscina e i suoi non solo non vogliano l’aiuto di chicchessia, ma non sanno nemmeno uscire da questo triste impasse”.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Cimiteri,Guarisco e Greco: “Camnago Volta curato dai volontari, ma oggi pressoché in degrado. E il Mausoleo sparito dalle mappe”

Volta2Tra i cimiteri di Como sotto la lente dei consiglieri comunali del Pd, uno in particolare sta a cuore non solo agli esponenti del partito, ma a tutta la popolazione: quello che ospita il mausoleo di Alessandro Volta, a Camnago Volta. “Nel 2015, grazie alla disponibilità di un regolamento sulla partecipazione e a dei volontari del quartiere, è stato fatto un lavoro importante di riqualificazione – raccontano Elide Greco e Gabriele Guarisco, ex consigliere e attuale rappresentante del Pd in consiglio comunale –. I volontari si sono occupati di carteggiare e tinteggiare tutte le parti in ferro, cioè cancelli, cancellate, scale, corrimano, porte, sistemare i vialetti, estirpare l’erba, posare il ghiaino. Un lavoro che ha visto impegnate tante persone ben contente di donare dignità a un luogo importante per tutti i cittadini di Como”.
Nel contempo, aggiungono Greco e Guarisco, “la Giunta Lucini mise a bilancio circa 90mila euro per la sistemazione dei muri, il rifacimento delle gronde, la sostituzione della porta in legno, il rifacimento dei tetti delle cappellette che a causa delle infiltrazioni d’acqua avevano ormai corroso le pareti, dell’illuminazione della cupola con luci a led, dei fari esterni. Inoltre, venne fatto il taglio straordinario del verde che circonda il cimitero, mettendo anche in sicurezza tutta la struttura”.
Per quanto riguarda, invece, il cimitero nuovo, molti sono stati i lavori fatti: “La verniciatura di tutta la cancellata, il rifacimento del servizio igienico, l’impianto luci, la posa del cancello del passo carraio, la sistemazione della porta in ferro della cappelletta, la copertura del tetto nella parte centrale, il taglio degli alberi di entrambi i cimiteri, la tinteggiatura delle pareti esterne oggetto di vandalismo. Un lavoro che ha visto impegnate 20 persone, cittadini comuni, professionisti e sponsor – ricorda Greco che era una di loro –. Un geometra ha fatto il progetto di riqualificazione totale, evitando costi e tempo al Comune, il materiale di verniciatura è stato in parte messo a disposizione dall’amministrazione comunale, mentre il resto che, con il benestare della Sovrintendenza dovrebbe concludere il progetto, è stato donato da un’azienda che produce vernici”.
Ma c’è un ostacolo: “L’intervento condotto così professionalmente dai cittadini volontari non è terminato e oggi, purtroppo, la nuova amministrazione non ci permette di concludere i lavori, con la scusa che esiste una nuova normativa. Nessuno vuole trasgredire le regole, ma il buon senso dovrebbe prevalere – spiegano Greco e Guarisco –. Oggi lo stato di entrambi i cimiteri è di nuovo di degrado, il verde si sta ancora appropriando dei muri perimetrali, le infiltrazioni d’acqua nel camposanto nuovo, causate da una falda acquifera, non sono state incanalate, la manutenzione ordinaria è pressoché dimenticata. Capiamo le difficoltà, ma grazie al regolamento sulla partecipazione che permette ai cittadini di dare una mano, la città intera potrebbe essere diversa”.
Infine, la segnalazione di una situazione che i consiglieri Pd definiscono incresciosa: “Como è la città di Alessandro Volta, appunto, purtroppo, però, nell’itinerario voltiano della mappa turistica cittadina manca proprio la tomba di Volta, che custodisce le spoglie del grande scienziato ed è un bene riconosciuto a livello internazionale. Speriamo sia solo una svista”.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como, Territorio, Turismo | Taggato , , , | Lascia un commento

Cimiteri, Guarisco: “Albate tra erbacce e incuria. E dei lavori, con soldi già stanziati dal 2016,nemmeno l’ombra”

cimiteri2Erbacce ovunque, cantieri abbandonati, tegole a rischio caduta. Il cimitero di Albate, in questo viaggio nei camposanti di Como fatto dagli esponenti del Pd cittadino, appare davvero in stato di abbandono.
“Non so di chi sia la colpa, né mi sembra giusto addebitarla solo alle presunte ferie del personale. Ma quello che si vede nel cimitero del quartiere di Albate lascia senza parole la popolazione”, commenta Gabriele Guarisco, consigliere comunale del Pd e residente proprio in quella località.
“Quello di Albate è un cimitero che veniva considerato ordinato, almeno rispetto alla media di Como – racconta Guarisco –. Ma in questi giorni i viali sono invasi dall’erba e, se non bastasse, adesso i due colombari più vecchi sono stati transennati perché dai tetti, che sono in cattive condizioni già da un po’, stanno scivolando giù delle tegole. Probabilmente qualcuna è caduta con un temporale”.
Sicuramente un problema di forza lavoro c’è: “A prescindere dalle ferie, il personale è chiaramente insufficiente e non da oggi. Il punto è, però, cosa pensa di fare l’attuale amministrazione comunale che su questo tema è sempre stata poco preoccupata. Se per il centrodestra il problema è di facile soluzione, i cittadini si chiedono come mai non viene risolto in fretta”, aggiunge il consigliere Pd.
Alcune alternative in passato si sono trovate: “Ormai parecchi anni fa, gli ospiti di casa Ozanam erano stati fatti intervenire per tenere puliti i viali del Monumentale. Lavori socialmente utili ante litteram che oggi potrebbero essere ripensati e riproposti per tutti i cimiteri cittadini”, propone Guarisco.
“Ma stavolta spetta agli assessori Negretti e Pettignano pensarci. I cittadini sono in attesa. Spero però che si agisca rapidamente, più di quanto sta accadendo per un altro problema del cimitero di Albate, ovvero il rifacimento dei bagni e l’abbattimento delle barriere architettoniche: i soldi sono stati stanziati sin dal 2016, la ditta esecutrice è stata individuata giusto un anno fa, ad agosto 2017, ma ancora non si è visto nulla”, conclude il consigliere.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

Viale Varese, Legnani, Fanetti, Lissi e Guarisco: “Tanto tuonò che piovve: guarda caso, il progetto non si farà più”

varese3“Tanto tuonò che piovve: in una bella mattina di fine luglio scopriamo, all’improvviso, che la pantomima di viale Varese si sta per risolvere in un nulla di fatto perché molto probabilmente il progetto non si realizzerà. Ma intanto, una parte del centrodestra tenta ancora, disperatamente, di buttare la croce addosso a noi”, è il commento di Tommaso Legnani, Stefano Fanetti, Patrizia Lissi e Gabriele Guarisco, segretario e consiglieri comunali del Pd, alla notizia di un probabile parere negativo della Giunta al progetto di ampliamento del parcheggio sotto le mura a ovest di città murata.
“La capogruppo di Fdi, forse incaricata dal resto della coalizione, parla della Commissione, sostenendo che sia pubblica: certo, ma non ha nemmeno un centesimo delle potenzialità di partecipazione della cittadinanza di un’assemblea tematica. E lei dovrebbe saperlo bene: in Commissione non tutti possono prendere la parola e l’assemblea tematica è uno strumento formale previsto da un regolamento comunale per l’interlocuzione tra la cittadinanza e l’amministrazione – incalzano i quattro esponenti dem –. Poi, dice in sostanza che noi dovevamo organizzare un incontro pubblico sul progetto degli ingegneri Monza, Tavola e Zizolfi: e perché? Non si capisce. La questione infatti è un’altra: i cittadini vogliono intervenire in generale sull’idea di posteggi in viale Varese, non tanto sul progetto A, B o C. Per questo stesso motivo non ha avuto senso dire che i progettisti non potevano partecipare all’incontro e dunque è dovuto saltare. La partecipazione dei comaschi non riguarda i progetti precisi, riguarda le scelte di fondo. In questo senso, noi sosteniamo l’idea delle associazioni di raccogliere le 400 firme e obbligare l’amministrazione a fare comunque l’assemblea”.
Non solo: “Se i cittadini chiedono di potersi confrontare con l’amministrazione, come i regolamenti consentono loro, l’amministrazione ha la responsabilità, oltre che il dovere, di garantire loro questo diritto – aggiungono –. E se invece è il Comune a convocare i cittadini per un’assemblea tematica, lo fa seriamente, oppure fa una figuraccia. Al contrario, se tutto è già deciso, lascia perdere”.
Infine, concludono Legnani, Fanetti, Lissi e Guarisco, “non capiamo perché Fdi se ne salta fuori solo ora su viale Varese, dopo che è praticamente scomparsa durante tutta la discussione. Anche se adesso è chiarissimo un aspetto: è solo un problema politico, perché a quanto pare i tecnici del Comune conoscono molto bene il progetto e hanno già chiarito agli amministratori che non è il caso di farlo”.

 

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Viale Varese, Pd: “Centrodestra imbarazzante: prende in giro noi, ma i cittadini non ci trovano niente da ridere”

varese“Sono imbarazzanti: l’hanno convocata con soli tre giorni di anticipo e ora la disdicono con sole 3 ore di anticipo e l’assessore Butti pensa pure a prenderci in giro. Ma non si rende conto che lui e tutta la Giunta Landriscina in realtà stanno prendendo sonoramente per i fondelli i cittadini di Como?”, se lo chiede Tommaso Legnani, segretario cittadino del Pd, che, assieme ai consiglieri comunali Stefano Fanetti, Gabriele Guarisco e Patrizia Lissi, è ancora esterrefatto alla notizia della mancata assemblea tematica su viale Varese.
“L’assessore alla Riqualificazione urbana faceva lo spiritoso per le nostre proteste circa la modalità di gestione della vicenda. Ora forse si è reso conto che c’è ben poco da ridere e che ai cittadini tutto questo non diverte per niente – incalzano gli esponenti del Pd –. Potremmo capire tutte le motivazioni, anche che, visto appunto i tempi strettissimi con cui hanno convocato l’assemblea, non tutti gli interessati potessero essere disponibili a stretto giro di posta, in una serata di fine luglio. Ma per quanto ci riguarda, speriamo invece che il rinvio voglia dire che il centrodestra ha capito che si tratta di una discussione importante e che non si poteva liquidare velocemente in un unico incontro. E ci auguriamo che in fondo l’impossibilità del progettista a partecipare sia solo una scusa per ripensarci”, concludono.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Treni, Orsenigo e Guarisco: “Centrodestra: la Regione considera Como meno di zero e la fermata viene soppressa”

albate“Il centrodestra governa sia in Regione che a Como città. Eppure, i suoi esponenti sembrano non parlarsi. Anzi, è chiaro che Palazzo Lombardia ignora completamente Palazzo Cernezzi”, è il duro commento di Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd, e di Gabriele Guarisco, consigliere comunale dei democratici comaschi, dopo le notizie circa la soppressione della fermata di Albate-Camerlata.
“Avevo sollevato la questione già a fine maggio, in una seduta di consiglio comunale, chiedendo all’assessore ai Trasporti Bella se ne sapesse qualcosa – rivela Guarisco –. Ma mi aveva risposto di non aver nessuna notizia in merito. Però, la sua verifica si era limitata a un controllo degli orari sul sito delle società di trasporto ferroviario. Poi, nella seduta consiliare seguente, aveva rettificato confermando che qualche avvisaglia c’era e che gli uffici stavano monitorando la situazione. Ma era evidente che si sentiva molto in imbarazzo e forse aveva già capito come sarebbe finita”.
Ed è finita, rincara Orsenigo, “con la Regione che impone al Comune di Como di perdere una fermata importante della linea per la Svizzera e di spostare tutto il traffico dei pendolari su Como San Giovanni, dove la carenza di posteggi è notoriamente cronica. Insomma, tra i due assessori, è evidente che la Terzi è più ‘forte’ e decide a prescindere dalla posizione dei suoi interlocutori e omologhi locali. Ancora una volta, si conferma che Regione Lombardia considera Como e i comaschi meno di zero”.
Per i due consiglieri Pd ora è “importante capire se questa situazione perdurerà per sempre o è temporanea. Ma soprattutto se l’amministrazione comunale intende intervenire su quella regionale riaffermando le proprie ragioni, anche in virtù del fatto che proprio la Regione ha previsto un grosso investimento con la nuova stazione di Albate-Camerlata e per l’annesso parcheggio da 200 posti. Non vorremmo che le novità diventassero il pretesto per rimangiarsi anche quell’impegno. Al contrario, spostare i pendolari a Como San Giovanni vorrebbe dire impedire alla maggior parte di questi di trovare parcheggio, nelle condizioni date. A meno che la Giunta comasca non pensi di risolverla mandando i frontalieri a mettere l’auto a ridosso delle mura della città, in viale Varese. Si spiegherebbero molte cose. E tutto per non contrariare il centrodestra che governa la Regione”.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Stazione unica appalti, Fanetti, Guarisco e Legnani: “Per Como non è necessaria. Ma intanto la maggioranza si spacca”

cernezziIl consiglio comunale di Como ha bocciato, a maggioranza, la stazione unica per la gestione degli appalti sopra i 20mila euro assieme all’amministrazione provinciale. I favorevoli sono stati 12, ma non sono bastati: i 16 contrari hanno impedito alla delibera della Giunta Landriscina di proseguire il suo iter. Tra questi, i tre consiglieri comunali del Pd: “Noi siamo consiglieri del capoluogo e per questo ci siamo chiesti qual è l’interesse della città – spiegano il capogruppo Stefano Fanetti e il collega Gabriele Guarisco, contrari assieme a Patrizia Lissi –. A noi risulta che l’Ufficio gare del Comune, riorganizzato recentemente poco prima della fine del mandato Lucini, stia lavorando bene, così come l’Ufficio provinciale: la proposta della Giunta Landriscina non interveniva sulla fase dove per noi attualmente si fa più fatica, cioè quella progettuale, e rischiava di privare il Comune di 8 risorse che con i 5 colleghi della Provincia avrebbero dovuto occuparsi di 84 comuni”.
Oltre tutto, fanno presente i due consiglieri Pd, “a fronte dei nostri dubbi argomentati, sindaco e assessore non ci hanno risposto nel merito. Ma questo non ci stupisce più di tanto: tra insipienza e incapacità amministrativa, non otteniamo mai delle spiegazioni alle nostre richieste legittime. Quello che, invece, abbiamo visto è stato un sindaco che si rivolge con tono minaccioso alla sua maggioranza, ma lui, di suo, non prende una decisione, né un’iniziativa. Dice che non vuole tirare a campare, ma poi è nell’immobilismo assoluto”.
E la stoccata viene anche da Tommaso Legnani, segretario cittadino del Pd: “Il ruolo della città capoluogo si difende, in primis, facendone gli interessi. Perciò, se a ben vedere, Como non ha bisogno della stazione unica degli appalti, per noi non è necessaria. Invece, l’altra sera sono stati chiari due aspetti: il sindaco è incapace di valorizzare il ruolo del Comune capoluogo ed è sempre più evidente la spaccatura nella maggioranza di centrodestra a un anno dalle elezioni”.
Fanetti e Guarisco rivelano anche che “il centrodestra si aspettava che andassimo in loro soccorso su un provvedimento che non ci convinceva assolutamente, ma facciamo presente a Landriscina e ai suoi che non siamo la stampella della maggioranza”.
Insomma, il dato politico è uno, per i tre esponenti del Pd: “Questa maggioranza non solo non condivide con la città i temi importanti, ma nemmeno al suo interno. Le forze di centrodestra sono completamente sfilacciate, non si parlano e all’ultimo pretendono l’aiuto della minoranza su una questione che non risponde agli interessi della città”.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Tangenziale, Guarisco: “Avevo sollecitato il sindaco a farsi sentire con la regione. Nessuna reazione”

tangenziale como ritagliataEra la seduta del 29 maggio scorso e Gabriele Guarisco, consigliere comunale del Pd, in fase di preliminari, aveva parlato anche di questo: “Avevo invitato il sindaco Landriscina a verificare con Regione Lombardia quali fossero i tempi per ottenere la sbandierata gratuità per la tangenziale di Como, o quanto meno che fine avessero fatto le promesse di Maroni governatore prima, ed elettorali di Fontana poi”, racconta oggi, dopo le novità emerse da una risposta data dall’assessore regionale alle Infrastrutture e trasporti ad Angelo Orsenigo, consigliere regionale e segretario provinciale del Pd.
“Ricordiamo tutti bene non solo le date fissate dal presidente Maroni, ovvero il 1° gennaio e, in seguito, il 1° giugno, ma anche gli impegni presi nero su bianco dal candidato a essere suo successore, che venne più volte a Como sostenendo che avrebbe fatto togliere il pedaggio – prosegue Guarisco –. Dunque, se non altro per un moto d’orgoglio, mi sembrava che la città avrebbe dovuto farsi sentire con i palazzi di Milano”.
Risultato? “Non ho ricevuto nemmeno una reazione alla mia richiesta. Né in quella sede, né in seguito. Né dal sindaco, né dall’assessore preposto. Oggi è chiaro a tutti: la gratuità della nostra tangenziale è di là da venire e sarebbe doveroso per il sindaco rimarcare con decisione nelle sedi opportune che questo, oltre a vanificare l’effettiva utilità dell’infrastruttura, lascia i comaschi ostaggio del traffico – conclude sconsolato Guarisco –. Il silenzio del sindaco mi preoccupa non solo per il futuro del pedaggio, ma anche perché dalla Regione dicono che entro fine estate dovrebbero terminare lo studio sulle alternative di progetto del secondo lotto: non vorrei che le nuove ipotesi fossero penalizzanti per il territorio del nostro Comune che, in tal caso, dovrebbe farsi sentire”.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Notizie da Como, Territorio | Taggato , | Lascia un commento

Senza tetto, Pd: “Servono percorsi di reinserimento, più che nuovi dormitori”

senzatettoNon ha votato la mozione di Svolta Civica sulla necessità di un nuovo dormitorio per i senza tetto a Como, neanche il Gruppo comunale del Pd. “E non certo perché noi siamo contrari ad aiutare chi è in sofferenza e disagio”, commentano i consiglieri Stefano Fanetti, Patrizia Lissi e Gabriele Guarisco. Ma è la diversa visione di ciò che si può fare per costoro che caratterizza la posizione dei democratici rispetto ai colleghi della civica.
“L’assessore ai Servizi sociali ci ha spiegato che molto si sta facendo e io ho specificato subito che molto si è fatto anche in passato per affrontare questo problema – racconta il capogruppo Fanetti –: c’è il dormitorio comunale, c’è l’Ozanam, c’è l’emergenza freddo… In generale i dormitori, finché fungono come una risposta a bisogni transitori e impellenti, rappresentano un’opzione sensata. Il problema è che molto spesso questi luoghi passano dall’essere concepiti come una situazione momentanea all’essere vissuti come una condizione definitiva, stanziale. Questa visione non permette, in molti casi, di andare oltre una logica emergenziale e assistenziale che ostacola l’uscita dallo stato di degrado anche a chi ne avrebbe la possibilità”.
Insomma, per il Pd non è scontato che “sia la risposta migliore per queste persone. Se alcuni di loro possono essere reinseriti nella società, possono aspirare a un progetto di vita dignitoso, dovremmo puntare su qualcosa di diverso. Secondo noi bisogna discutere modelli che guardano al fenomeno dei senza tetto non più solo in termini di pasti distribuiti e di posti letto assegnati”.
La proposta di Fanetti, Lissi e Guarisco, appoggiati in questo dal segretario cittadino Tommaso Legnani, sono “i modelli innovativi come l’housing first, cioè una forma di intervento, nell’ambito delle politiche di contrasto alla grave marginalità, fondata sull’inserimento diretto in unità abitative indipendenti di persone senza dimora e in situazione di disagio, con l’obiettivo di favorirne percorsi di integrazione sociale e di benessere personale”.
È il caso del progetto “Strade verso casa”, avviato grazie alla Giunta Lucini, di durata biennale, che ha ottenuto un finanziamento complessivo di oltre 843mila euro. “Un’ottima soluzione di cui sta godendo oggi l’attuale amministrazione, e che intende sia consolidare e ampliare i servizi esistenti, sia innovare le modalità di risposta, in particolare proprio con l’housing first che intende sviluppare le autonomie residue e accompagnare le persone alla fuoriuscita definitiva dal disagio”, concludono gli esponenti Pd.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Istituzioni, Notizie da Como, Sanità e welfare | Taggato , , , , , , | Lascia un commento