Archivi tag: democrazia

A Como in piazza migliaia di persone per i valori della democrazia

manifestazione antifascista4 manifestazione antifascista3 manifestazione antifascista2 manifestazione antifascistaUn successo senza precedenti: è stata la nostra manifestazione nazionale “E questo è il fiore – Contro ogni fascismo e ogni intolleranza”, che si è tenuta sabato 9 dicembre sul lungolago di Como.
Migliaia di persone, provenienti da tutta la Lombardia e anche da fuori regione, hanno voluto essere con noi, accanto al Monumento alla Resistenza europea, per dire “no” a ogni rigurgito del passato, dopo gli episodi di intolleranza xenofoba che hanno preso il via con l’attacco alla rete Como Senza Frontiere.
C’erano non solo iscritti e simpatizzanti del Partito democratico, organizzatore dell’evento, ma anche associazioni, sindacati, liberi cittadini e le istituzioni, anche se in forma privata, con la Presidente della Camera Boldrini e i Ministri Martina, Orlando, Pinotti, Fedeli…
E’ stato un momento davvero intenso e importante che ci ha fatto capire che non siamo soli e che i valori fondanti del nostro Paese e della nostra Repubblica, nata dalla Resistenza, permangono vivi e radicati in chi crede nella libertà e nella democrazia.
E i primi a crederci sono i tanti giovani che erano presenti e che sono saliti sul palco a portare testimonianze di ieri e di oggi. Quindi, adesso continueremo ad andare avanti insieme e senza timore di qualsiasi intolleranza, che combatteremo fino allo stremo per noi, per i nostri figli e anche per chi non ha ritenuto di scendere in piazza e che forse non si rende conto che le battaglie che conduciamo noi preservano la libertà e l’uguaglianza di tutti.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Manifesti fascisti nel comasco: episodio preoccupante che il PD Como condanna con fermezza

Un episodio preoccupante da condannare con fermezza. E’ univoca la posizione del PD di Como di fronte ai gravi episodi che hanno caratterizzato nella giornata di ieri non solo le sedi di alcune associazioni democratiche e sindacali, dal sindacato CGIL all’ARCI, a Como e Lomazzo ma anche il Monumento alla Resistenza Europea ai giardini a lago del capoluogo lariano. Testimonianza, quest’ultima, molto significativa simbolo del sacrificio e della lotta per la libertà contro ogni forma di autoritarismo. In questi luoghi, nella notte tra lunedì e martedì, mani ignote hanno appeso manifesti inneggiati al regime fascista. «L’attacco alle sedi sindacali e di associazioni democratiche, lo sfregio al monumento della resistenza europea con messaggi inneggianti alla folle ideologia fascista non possono essere derubricati come semplici atti di vandalismo, ma nascondono la volontà di esasperare un clima di tensione e contrapposizione sociale in un momento già molto difficile per il nostro Paese – sottolinea l’On. Chiara Braga -. Sono convinta che la società comasca ha dentro di sé, per il suo passato e presente democratico, gli anticorpi per reagire e combattere questi inquietanti tendenze. Ma questo non può avvenire se non attraverso una ferma posizione di condanna e di impegno nel riaffermare quotidianamente i valori della convivenza civile e della democrazia». 

«Quanto verificatosi a Como e a Lomazzo è un segnale da non sottovalutare per una società democratica – rileva Savina Marelli, Segretaria Provinciale del PD -. Senza dubbio modi, toni, linguaggi che rievocano un passato prevaricatore della libertà, sono molto pericolosi perché manifestazioni concrete di una tendenza che mira ad annullare l’avversario rinunciando a quel dialogo e a quel confronto tra soggetti con idee diverse che caratterizza una società libera. Ecco perché mi sento di condannare quanto accaduto negli ultimi giorni».

«Quanto verificatosi a Como nella notte tra lunedì e martedì rappresenta l’ultimo di una serie di provocazioni da parte di movimenti o attivisti anonimi riconducibili all’estrema destra che hanno caratterizzato il nostro territorio anche nella scorsa primavera – evidenzia Luca Gaffuri, capogruppo del PD in Consiglio Regionale -. Di certo bisogna tenere alta la guardia perché il ripetersi di questi episodi non va certo sottovalutato. Occorre una ferma condanna da parte di tutte le forze politiche».

«Non si può che condannare con grande fermezza il gesto compiuto da persone che dietro l’anonimato hanno offeso non solo molte realtà associative impegnate sul territorio, ma soprattutto  un luogo dal grande significato simbolico quale è il Monumento alla Resistenza Europea: la memoria di chi ha dato la vita per la libertà non può essere sfregiata da un atto vile – ribadisce con fermezza Stefano Legnani, Segretario cittadino del PD e capogruppo del Partito Democratico a Palazzo Cernezzi -. Di fronte a rigurgiti  di matrice fascista più forte deve essere la vigilanza e la condanna unanime da parte di tutti: cittadini, associazioni e istituzioni”.

L’On. Chiara Braga ha predisposto il testo di un’interrogazione al Ministero degli Interni per sapere quali iniziative si intendono assumere per fronteggiare il ripetersi di episodi di tale gravità.

Interrogazione Manifesti fascisti Como 13092012

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento