Archivi tag: Bordoli

Mario Lucini nuovo sindaco di Como!

Mario Lucini è stato eletto nuovo sindaco di Como con il 74,8% delle preferenze, 7267 voti in più rispetto al primo turno, contro il 25,2% tributato alla sfidante Laura Bordoli. Il Partito Democratico esprime la sua piena soddisfazione per il risultato.

Savina Marelli, segretario provinciale del Pd, commenta: “Un risultato oltre ogni aspettativa che denota la voglia di cambiamento non solo di chi ha sostenuto Mario al primo turno, ma anche dei tanti comaschi che hanno deciso di dargli fiducia al ballotaggio. Lucini sarà il sindaco di tutti e non solo di chi l’ha sostenuto con tanto entusiasmo, impegno e passione. Ora comincia la sfida del governo della città, ancor più impegnativa di quella rappresentata dalla campagna elettorale; una sfida in cui Lucini e la sua squadra dimostraranno che una buona politica è possibile nell’interesse dei cittadini comaschi, i quali ritroveranno così l’orgoglio della loro appartenenza”.

Stefano Legnani, segretario cittadino: “Un risultato netto. senza appello per il centro destra. La gran parte degli elettori che al primo turno ha votato un candidato non presente al ballottaggio ha scelto Mario Lucini come sindaco. È segno che la città, nelle sue varie componenti, ha voluto  cambiare effettivamente passo. Per Mario Lucini e per la coalizione che lo sostiene è una grande soddisfazione, ma nello stesso tempo, una grande responsabilità per rispondere alle attese della città che questo voto testimonia”.

Luca Gaffuri, capogruppo Pd in Consiglio Regionale, commenta: “Grandissima soddisfazione merito di Mario Lucini e di tutte le persone che hanno creduto in questo progetto. Mario Lucini sarà il sindaco di tutta la città. Si connoterà per la capacita di ascolto e per ridare nuovo slancio alla città di Como. Il dato va oltre ogni più rosea aspettativa. Ci attendono 5 anni in cui dimostreremo ai comaschi che la fiducia è stata ben riposta  e da ora impegniamoci ancora di più”

L’on.Chiara Braga aggiunge: “Un grande risultato che premia la voglia di cambiamento, la serietà della proposta di Mario Lucini e il grande lavoro di squadra fatto in questi mesi. Oggi inizia una nuova stagione per Como per rispondere alle grandi aspettative che i comaschi hanno espresso con questo voto. Sono sicura che Lucini e la sua squadra sapranno interpretare questo desiderio di rinascimento della città. Da oggi Como cambia passo e può guardare con fiducia al futuro”.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , , | 1 commento

Caso Bordoli, Gaffuri: vicenda che va contro l’etica e che specula sulle famiglie in difficoltà

Nell’ultima seduta del consiglio comunale di Como una consigliera ha letto una lettera in cui la presidente di una associazione di promozione sociale, che effettua diagnosi per i disturbi dell’apprendimento infantile e la dislessia, accreditata e convenzionata con la Regione attraverso la Asl di Como, chiede che, in occasione delle primarie del Popolo della Libertà per la scelta del candidato sindaco, i genitori dei bambini assistiti votino la candidata Laura Bordoli.

Le argomentazioni addotte (“Per noi la sopravvivenza non è una sicurezza acquisita, nonostante l’accreditamento”, “Per continuare a esistere e dare una mano ai bambini, purtroppo ho sempre bisogno di avere ottime relazioni con gli enti istituzionali” e ancora, se l’associazione “non ci sarà più, tutti i bambini faranno una lista d’attesa interminabile presso gli altri enti con tutte le conseguenze del caso”), rivolte a persone che in famiglia devono affrontare problemi di salute, “assumono un valore antietico, di speculazione sulle difficoltà personali e familiari”, commenta Luca Gaffuri, capogruppo regionale del Pd.

“La lettera fa inoltre intendere che il rapporto tra il privato sociale e le istituzioni non possa prescindere da contiguità e scambio di favori e che il diritto dei cittadini ad avere un’assistenza sia subordinato al sostegno dato a una parte o a un preciso contendente politico – continua Gaffuri –. Mi ha dato da pensare che nella lettera s’invitasse i destinatari non solo a votare un certo candidato, ma anche a farlo in un unico seggio delle primarie del Pdl, tra i diversi allestiti in città, come se si volesse censire chi tra i genitori avrebbe partecipato e chi no. Sono fatti che, se riproposti alle elezioni, potrebbero essere anche penalmente rilevanti”.

Conclude il capogruppo Pd: “Io ritengo che queste iniziative siano inaccettabili e da censurare, perché tendono a imporre condizioni ai diritti dei cittadini, in questo caso al diritto alla salute e a quello di libera espressione politica. La Regione si fonda sulle libertà democratiche e attiva collaborazioni con il privato sociale perché i diritti dei cittadini siano garantiti: per questo proporrò in Consiglio regionale che sia adottato un atteggiamento intransigente verso episodi simili in futuro, fino all’interruzione dei rapporti della Regione e degli organi da essa dipendenti con singoli ed enti che antepongono la contiguità alla correttezza”.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como, Sanità e welfare | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Una vergogna strumentalizzare i bambini per fare bassa politica

“Sospettavamo già che le primarie del PDL sono state soprattutto un’occasione per mettere in scena regolamenti di conti interni e ratificare logiche di partito– commenta Raffaele Grieco, cosigliere PD nella Circoscrizione 5 – tuttavia non avevamo idea che si fosse scesi tanto in basso. In Consiglio Comunale di lunedì sera ha rivelato il tentativo di strumentalizzare un’associazione di volontariato che si occupa di bambini dislessici, invitando i genitori a votare per Laura Bordoli”.

“Nella mail spedita alle famiglie – prosegue Grieco – si legge che l’associazione è in grado di aiutare i bambini solo grazie alle ottime relazioni con gli enti istituzionali, in particolare con il comune di Como, e per questo era opportuno votare la Bordoli. Crediamo che le Primarie siano un strumento prezioso per la democrazia e un’occasione di partecipazione dei cittadini; crediamo inoltre che Como e il suo territorio si meritino qualcosa di meglio di questo squallido mercatino di voti fatto sulla pelle dei bambini”.

Oggi, alle 12 avrebbe dovuto esserci il Consiglio di Circoscrizione, presieduto proprio da Mario Pitassi, il marito di Verena Bassani, presidentessa  dell’associazione “VeLa dislessia”. Tuttavia la seduta è stata annullata per mancanza del numero legale. Presenti solo due consiglieri di opposizione e uno di maggioranza, mentre il presidente Pitassi aveva già comunicato di non poter presenziare a causa di impegni lavorativi. ”Il Consiglio di Circoscrizione - conclude Grieco – avrebbe potuto essere un’occasione, oltre che per esprimere il parere importante sulla costruzione del famoso hotel in via Manzoni,  per discutere della faccenda che ci oltraggia tutti e che ci fa dire, vergogna!”

Pubblicato in Notizie da Como | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Alle primarie del Pdl vince la continuità con il passato

Savina Marelli, segretario provinciale del Partito Democratico, commenta il risultato delle primarie che il Partito Delle Libertà ha realizzato sabato 4 marzo e che ha incoronato Laura Bordoli come candidato sindaco del Partito: “Al di là dell’apprezzabile novità rappresentata dall’utilizzo delle primarie quale formidabile strumento per coinvolgere i cittadini nella scelta del candidato sindaco, nonostante le ripetute critiche infondate e ingenerose a cui il senatore Butti ha sottoposto quelle del centrosinistra; e al di là del fatto che Laura Bordoli sia un volto nuovo della politica locale, le consultazioni dello scorso sabato esprimono un risultato di continuità rispetto alla classe dirigente di centro destra che ha sotenuto il candidato Sindaco e che ha governato la città negli scorsi vent’anni.

Inoltre – continua il segretario – le primarie del PDL sembra siano state l’occasione per un regolamento di vecchi conti interni al partito: le fazioni sono sempre le stesse, la persone dietro le quinte non cambiano e mi sembra difficile che la città, con queste premesse, possa andare incontro ad un destino diverso da quello che ha contraddistinto l’amministrazione Bruni, di cui tutti ricordiamo i disastri.

Noi, il Partito Democratico e il centrosinistra, continuiamo a lavorare con convinzione per costruire l’alternativa, credibile e affidabile, per la città di Como e per i suoi cittadini. Ne sono la prova la coesione della coalizione che sostiene Mario Lucini che si distingue per impegno, onestà e provata competenza. Chiediamo ai comaschi di darci la loro  fiducia, perché questo è l’unico modo per rompere meccanismi da troppo tempo consolidati e ambire a cambiare il passo costruendo a Como il futuro che si merita”

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , , , | Lascia un commento