Archivi tag: bonus

Bonus asilo nido, Braga: “Contributo di 1.000 euro e domande all’Inps dal 17 luglio al 31 dicembre 2017″

Lego“Dopo il #BonusMamme è in arrivo un altro importante provvedimento per le famiglie, previsto dalla legge di bilancio 2017, il #BonusNido. Infatti, l’Inps con la pubblicazione della Circolare 88/2017, ha reso operative le istruzioni per accedere alle ‘Agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e privati’ previste dal Governo Renzi”, lo fa sapere l’on. Chiara Braga, parlamentare del Pd.
“Il bonus ha un importo complessivo di 1.000 euro, è suddiviso in 11 rate da 91 euro erogate con cadenza mensile, ed è destinato al pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati per i bambini fino a tre anni – prosegue la Braga -. #BonusNido potrà essere richiesto per i bimbi nati dal 1° gennaio 2016. Non è previsto alcun limite di reddito massimo, quindi non occorre richiedere la dichiarazione Isee”.
Le domande si potranno presentare dal prossimo 17 luglio e fino al 31 dicembre seguendo tre vie:
- on line tramite i servizi telematici dell’Inps, eseguendo l’accesso con Pin, Spid o Carta nazionale dei servizi;
- via telefono chiamando il Contact Center dell’istituto al numero verde 803.164 (gratuito) da rete fissa o il numero 06164.164 da rete mobile (con tariffazione a carico);
- rivolgendosi di persona ad un Patronato.

Per maggiori informazioni https://www.inps.it/CircolariZIP/Circolare%20numero%2088%20del%2022-05-2017.pdf

Pubblicato in Notizie dal Parlamento, Sanità e welfare, Scuola | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Disservizi ferroviari: i rimborsi di Trenord passano dal 20 al 25%…ma non ovunque

«Lo scorso autunno avevamo guardato con non malcelato scetticismo le ottimistiche previsioni dell’allora assessore ai trasporti di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo, sulla istituzione dei collegamenti “Lombardia Express”. Le decisioni prese in queste ultime ore dal nuovo amministratore delegato di Trenord, Luigi Legnani, che ha sancito l’abolizione dal 7 gennaio di questi convogli esclusivamente di prima classe vista l’utenza insufficiente, non fanno che confermare quanto abbiamo più volte ripetuto: non è con treni d’elite che si risolvono i problemi del traffico dei pendolari verso Milano». Luca Gaffuri, capogruppo del PD in Consiglio Regionale, interviene dopo le ultime notizie che hanno animato il mondo del trasporto ferroviario regionale. Altro punto dolente riguarda i rimborsi dopo i dieci giorni di passione successivi al 9 dicembre quando l’introduzione del nuovo software di gestione del personale provocò la quasi paralisi dei convogli anche dalle direttrici lariane verso il capoluogo milanese: «Alla nostra richiesta di un forte indennizzo per i pendolari, fino alla concessione dell’abbonamento gratuito per questo mese di gennaio, non solo non sono corrisposte risposte adeguate da parte di Trenord, che ha anzi annunciato come non tutti viaggiatori delle tratte interessate dai disagi, cioè praticamente la totalità, potranno usufruire di agevolazioni a causa dei disservizi registrati a dicembre. E’ stata invece deciso un incremento nel bonus, che passa dal 20 al 25%, e che riguarderà comunque le direttrici comasche e la Canzo-Asso» sottolinea Gaffuri che non lesina una critica finale a chi ha continuato per anni a sostenere che tutto in Lombardia fosse “eccellente”: «Nel momento di crisi più acuta, a dicembre, Roberto Formigoni tuonò dal suo 31° piano contro Trenord minacciano i proverbiali “fuoco e fiamme” se la società non avesse adottato forme di risarcimento adeguate dopo i disservizi. Sono passate solo due settimane ed il clima natalizio ha certamente rabbonito il Presidente in scadenza visto che da allora (era il 15 dicembre) non ha speso più una parola sull’argomento».

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

Bonus Io viaggio: 13.400 abbonati mensili non possono essere ignorati

Nella riunione della Commissione Infrastrutture e Mobilità in Consiglio regionale è stato audito l’assessore regionale Raffaele Cattaneo in merito alla questione della mancata applicazione del bonus sui titoli di viaggio “Io viaggio ovunque in Lombardia” sottoposta con un’interrogazione dal PD. Nella delibera regionale del 18 aprile 2012, infatti, la Giunta lombarda stabilisce che a questi titoli di viaggio non è riconosciuto il bonus a seguito del mancato rispetto dell’indice mensile di puntualità, regolarmente valido sui tradizionali abbonamenti ferroviari regionali, nonostante vi sia un ordine del giorno presentato dal PD e approvato all’unanimità dal Consiglio regionale il 27 marzo scorso, che dica esattamente il contrario. “L’assessore Cattaneo pur riconoscendo il problema – spiega Luca Gaffuri – ha confermato l’impossibilità di applicare il bonus ma al tempo stesso si è impegnato ad arrivare al più presto ad una soluzione. Su nostra richiesta inoltre ci ha fornito le stime esatte degli abbonamenti di questa tipologia sottoscritti dal febbraio 2011 al maggio scorso: gli abbonamenti mensili sono 23.400, con una media di 13.400 sottoscritti al mese e un totale di 400.000 per tutti i tipi di abbonamenti targati Io viaggio. Un trend in netta crescita se si considera che da 3000 abbonamenti, nel giro di quasi un anno, si è toccata quota 13.400 tessere al mese. Ovviamente non siamo soddisfatti della risposta di Cattaneo ma apprezziamo la volontà di risolvere questo problema ad oggi, cifre alla mano, ancora più significativo. Ci auguriamo che il tutto avvenga nel breve tempo possibile, e comunque entro l’avvio dell’orario invernale, per evitare che si prolunghi questa ingiusta disparità di trattamento”.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , , , | Lascia un commento