Archivi tag: benzina

Carta sconto benzina, Guerra: “Lo sconto per le zone di confine sarà salvaguardato nella manovra di bilancio”

benzina“La legge di bilancio per il 2018 sarà approvata senza che venga tagliato il fondo in favore delle Regioni a statuto ordinario confinanti con l’Austria e la Svizzera per ridurre il prezzo alla pompa della benzina e del gasolio per autotrazione nelle aree di confine”. Lo dichiara il parlamentare  comasco Mauro Guerra, componente della Commissione Bilancio della Camera.
“Il fondo, che stanzia ulteriori 5 milioni con questa destinazione specifica, è stato creato con un emendamento, a mia prima firma, alla legge n. 208 del 2015, legge di bilancio per il 2016, sostenuto dal Partito democratico con l’adesione del Governo – precisa Guerra –.  Rispetto a quella decisione per il Pd nulla è cambiato e nulla deve cambiare. L’iter della legge di bilancio è appena iniziato e su questo punto il Partito democratico garantisce che, nella sua versione definitiva approvata dal Parlamento, non vi sarà alcun intervento che metta a rischio il meccanismo dello sconto”.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Mobilità, Notizie dal Parlamento, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Benzina, anomalia nei prezzi alla pompa. Gaffuri chiede la convocazione delle organizzazioni dei distributori

benzinaIl prezzo medio di vendita dei carburanti per autotrazione praticato alla pompa è significativamente più elevato nel territorio comasco che nelle altre province vicine (sino a 11 centesimi di euro per litro). Tale differenza, confermata anche dai dati rilevati dal Ministero dello Sviluppo Economico, non avrebbe motivazioni definite ma potrebbe addirittura nascere dalla volontà di sfruttare strumentalmente il beneficio recato dalla misura regionale del cosiddetto “sconto benzina” riservato ai territori di confine. Continua a leggere

Pubblicato in Economia e lavoro | Taggato , | Lascia un commento

Sconto carburanti: reso permanente lo sconto carburanti nelle zone di confine con la Svizzera grazie ad un emendamento dei deputati PD Mauro Guerra e Chiara Braga

benzinaApprovato in Commissione Bilancio l’emendamento firmato dai deputati comaschi Mauro Guerra e Chiara Braga alla Legge di Stabilità 2016 che, a partire dal 2015, rende permanente il sistema dello “sconto carburanti” a favore dei cittadini che risiedono nelle zone di confine con la Svizzera. “Mentre la Lega Nord ha ampiamente dato prova di sé in questi giorni con inutili e sterili polemiche, il PD comasco a Roma, attraverso un emendamento a prima firma mia e di Chiara Braga, e riformulato dal Governo, ha reso permanente a partire dal 2015 lo strumento della sconto carburanti  per la fascia di confine con la Svizzera”. Lo dichiara il deputato democratico Mauro Guerra impegnato in queste settimane in una lunga maratona in Commissione Bilancio alla Camera per l’esame della Legge di Stabilità in arrivo nei prossimi giorni in Aula. Continua a leggere

Pubblicato in Idee e politica | Taggato , , , | Lascia un commento

Carta sconto benzina: bene il raddoppio dell’agevolazione

benzina“Sconto più elevato e flessibile, inclusione in prospettiva del gasolio ed estensione della fascia che dà diritto al bonus sono richieste che il PD fa da anni e dunque non possiamo che dare giudizio positivo alle decisioni annunciate oggi dall’assessore Garavaglia. Attendiamo naturalmente di conoscere i dettagli, ma siamo soddisfatti del tentativo di utilizzare fino in fondo i fondi che il governo mette a disposizione per la carta sconto benzina. La Regione scommette sull’aumento dei consumi alle pompe italiane da qui alla fine dell’anno e noi ci auguriamo che sia così, altrimenti la Regione finirebbe per dover pagare un costo non preventivato”. Lo dichiara il consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri nel giorno della presentazione dell’aumento dello sconto benzina da 18 a 35 centesimi di euro al litro stabilito dalla giunta regionale.

Pubblicato in Mobilità | Taggato , , , | Lascia un commento

Sconto carburanti: Formigoni faccia pressione sul governo

“Roberto Formigoni, come presidente della regione più popolosa d’Italia con i suoi 10 milioni di abitanti, deve avere più peso sul Governo centrale per quanto riguarda tutte le problematiche inerenti le province di frontiera della Lombardia. A partire dalla questione del prezzo dei carburanti”, lo dice Luca Gaffuri, capogruppo regionale del Pd, commentando la risposta dell’assessore alle Finanze Colozzi a una question time firmata anche da lui, discussa oggi, martedì 6 marzo 2012, in Consiglio regionale.

Nel documento si chiedeva proprio quali iniziative presidente e assessore avessero assunto “per mantenere l’efficacia della misura regionale di riduzione dei prezzi dei carburanti alla pompa, prevedendo pure forme flessibili di determinazione del valore dello sconto, e per introdurre l’avvio dello sconto anche per il gasolio, e quali ostacoli sono emersi dal confronto con il Governo tali da rallentare l’adozione delle misure necessarie”.

“Erano state fatte delle promesse – aggiunge Gaffuri –. Questo è un provvedimento utile per i consumatori e per chi lavora sul territorio”.

La risposta di Colozzi è presto detta, spiega Gaffuri: “Colozzi ha in pratica rigettato le cause dei ritardi e delle mancate decisioni sul Governo Monti che ha accettato di perdere 300 milioni di euro di accise per non sborsarne 40 necessari a conservare l’efficace funzionamento del meccanismo di riduzione dei prezzi. Insomma, tutto dipende da Roma, secondo l’assessore. Noi, in effetti, abbiamo già fatto sentire la nostra voce con i colleghi del Pd in Parlamento, ma siamo altrettanto convinti – chiude Gaffuri – che, considerati anche gli altri problemi delle province di frontiera, in primis la partita dei frontalieri e dei loro ristorni, il presidente Formigoni ha tutte le motivazioni e, dietro di sé, la forza di una grande regione per poter intervenire, in maniera più efficace, sul Governo centrale”.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Sconto benzina: la Regione ci dica cosa fa per mantenere le agevolazioni

Quali sono le iniziative che i vertici politici di Regione Lombardia hanno assunto per mantenere l’efficacia dello sconto benzina nelle fasce di confine, per favorire l’avvio di agevolazioni analoghe anche per il gasolio? E quali sono gli ostacoli emersi dal confronto con il Governo, tali da rallentare l’adozione di queste misure necessarie per tutelare i consumatori ma anche i gestori degli impianti di rifornimento della provincia di Como? E’ quanto chiede il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Luca Gaffuri, in una question time sottoscritta con i consiglieri varesini Alessandro Alfieri e Stefano Tosi, che sarà presentata nel corso della prossima seduta dell’organo legislativo regionale in programma martedì 6 marzo.

“Secondo quanto riportato dagli organi di stampa, lo scorso 20 gennaio il presidente Roberto Formigoni aveva annunciato la disponibilità del Governo a recepire, negli atti di sua competenza, le proposte presentate da Regione Lombardia per la prosecuzione della misura di riduzione dei prezzi dei carburanti – sottolinea Gaffuri -. Due settimane fa, però, la Commissione Finanze della Camera, dibattendo il tema sconto carburanti, ha rilevato che l’aumento degli stanziamenti per introdurre l’agevolazione tariffaria per il gasolio potrebbe essere ostacolato dalla pendenza di una procedura d’infrazione europea per possibile incompatibilità tra misura di riduzione del prezzo di benzina e gasolio e la direttiva europea sulla tassazione dei prodotti energetici”.

Dopo questa doccia fredda, aggiunge Gaffuri, “a noi risulta che, a oggi, la Giunta regionale non abbia presentato al Governo alcuna proposta di provvedimento in materia di sconto carburanti per il territorio comasco pur continuando, d’altro canto, a proseguire nel tessere le lodi sull’instancabile opera di sensibilizzazione fatta da Formigoni presso le istituzioni competenti, al fine di risolvere queste problematiche. Dopo tanta propaganda e belle parole, ma nessun fatto concreto – conclude Gaffuri -, martedì vogliamo sentire cosa effettivamente i vertici di Regione Lombardia stanno, o probabilmente non stanno, facendo”.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Approvata la proposta Pd sulla carta sconto benzina

“Esprimo soddisfazione per l’approvazione da parte del Consiglio regionale del nostro ordine del giorno per rafforzare il funzionamento dello “sconto-benzina” nelle zone di confine con la Svizzera. Ora auspichiamo che la voce di Regione Lombardia possa essere incisiva anche presso il Governo affinché accolga le nostre proposte”. Così Luca Gaffuri, capogruppo del Pd in Consiglio regionale, commenta l’approvazione dell’odg sullo sconto benzina avvenuta oggi, mercoledì 21 dicembre 2011, in Aula, durante la discussione sul “Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012 e bilancio pluriennale 2012/2014 a legislazione vigente e programmatico”.

“Il meccanismo di riduzione del prezzo della benzina nelle fasce di confine consente il recupero di mancati introiti fiscali e dalla sua introduzione, nel 1999, ha evitato la chiusura di molti impianti di vendita del carburante che risentivano negativamente del cosiddetto ‘pendolarismo del pieno’ verso la Svizzera, contribuendo inoltre a creare nuova occupazione – sottolinea l’esponente del Pd -. Ora, di fronte all’attuale situazione, dovuta da un lato al forte apprezzamento del franco svizzero e dall’altro dalla crescita del prezzo dei carburanti alla pompa in Italia, l’efficacia del meccanismo di sconto si è ridotta progressivamente. L’ordine del giorno impegna la Giunta regionale a operare presso il Governo affinché siano assicurate le risorse necessarie alla continuità della misura di riduzione del prezzo alla pompa della benzina, introducendo questo sistema di benefici anche per il gasolio e di introdurre la forma flessibile nella determinazione del valore dello sconto in modo che esso sia costantemente adeguato al differenziale di prezzo tra Italia e Svizzera. Un terzo obiettivo, infine, è quello di valutare l’estensione della misura di riduzione sino a 30 chilometri di confine sul quale dovrà però esprimersi il Parlamento con una legge visto che è materia di sua competenza”, ha concluso Gaffuri.

Pubblicato in Economia e lavoro, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Si riveda al più presto il meccanismo di funzionamento della carta sconto benzina

“I dati che sono circolati in questi ultimi giorni sono preoccupanti. E’ necessario che al più presto venga rivisto il meccanismo per il funzionamento dello “sconto-benzina” nelle zone di confine con la Svizzera e che, per l’occasione, sia attivato anche uno sconto per i titolari di vetture che utilizzano il diesel e vengano riviste le fasce di applicazione delle riduzioni del prezzo nelle province di Como e Varese”.

Così i consiglieri regionali del Partito Democratico, Luca Gaffuri ed Alessandro Alfieri, intervengono nel dibattito in corso in questi ultimi giorni dopo l’entrata in vigore delle nuove accise sui carburanti che hanno avuto come ripercussione, nell’area comasca e varesina, il ritorno in grande stile del fenomeno del pendolarismo del pieno che si pensava fosse retaggio del passato.

“La situazione attuale è difficile – dice Gaffuri – e come è stato sottolineato da più parti è importante che prosegua la stretta collaborazione fra tutti i soggetti interessati. Credo sia ora di aggiornare completamente il sistema favorendo l’oscillazione dello sconto a seconda dei prezzi con cui vengono venduti i carburanti in Canton Ticino, situazione peraltro che sarebbe già prevista, allargando le fasce di applicazione delle riduzioni ed applicando lo sconto al gasolio quando la differenza di prezzo è superiore a 5 centesimi”.

“E’ interesse dello Stato italiano concedere queste agevolazioni agli automobilisti varesini e comaschi in quanto la situazione attuale, dovuta ai recenti aumenti, costa la perdita di un ingente gettito erariale quotidiano – rileva Alfieri -. La prossima settimana presenteremo, con i colleghi del Partito Democratico, un ordine del giorno nella discussione sul bilancio regionale per chiedere a Regione Lombardia d’intervenire presso il Governo per quanto riguarda le risorse economiche, per favorire l’introduzione dello sconto per il gasolio nonché sull’allargamento delle fasce di godimento di questi benefici”.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento