Archivi tag: Barbara Cereghetti

Via Bixio, Cereghetti e Legnani: “Situazione di caos: rimpallo di date sul termine dei lavori e incapacità a programmarli in orari notturni”

bixio2Via Nino Bixio, a Como, nel caos a causa dei lavori per la posa della fibra ottica. Barbara Cereghetti, segretaria del Circolo Pd Como Nord, e Tommaso Legnani, segretario cittadino dei democratici, sono intervenuti in settimana sulla vicenda: “Sarebbe stato opportuno fare i lavori di notte, ma a quanto pare Comune e Telecom non hanno trovato un accordo”.
Cereghetti e Legnani ci hanno tenuto anche a sottolineare che “l’amministrazione Lucini sulle vie principali di accesso alla città ha sempre fatto fare i lavori nelle ore notturne. Oltre tutto, l’assessore competente, in vari post su Facebook, aveva annunciato che questa chiusura era per riasfaltare la via Bixio, ma non è così: per tutta una settimana gli interventi hanno riguardato la posa della fibra ottica, poi, solo la prossima ci sarà la riasfaltatura, sperabilmente, almeno quella, di notte”.
Poi la doccia gelata: Cereghetti scopre che “il cantiere per l’asfaltatura inizierà solo a fine mese. Ma martedì è il 17 luglio: si attenderanno quasi due settimane prima di asfaltare? Non avevano detto che volevano concludere il prima possibile?”.
La segretaria di circolo non vede come si possa essere “così superficiali. Forse non sanno come funzionano i cantieri e sono impreparati a gestirli. Cioè, a noi hanno risposto che i lavori terminavano venerdì, ma non è stato così. Inoltre, ribadisco, è incomprensibile l’attesa fino a fine mese per l’asfaltatura. A meno che non si siano resi conto dei disagi e hanno deciso di posticiparla pensando che a fine luglio ci sarà meno traffico. Intanto i cittadini, non solo residenti, ne pagano le conseguenze”.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Sicurezza, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Area nautica Tavernola, Fanetti e cereghetti: “Dopo oltre un anno il comune non ha neanche costituito il gruppo di lavoro per valutare il progetto”

tavernola“Da oltre un anno giace depositato in Comune a Como un progetto fondamentale per Tavernola e ancora non è stato nemmeno istituito il gruppo di lavoro che dovrebbe valutarlo: si tratta della nuova area polifunzionale per la nautica”, lo denunciano Stefano Fanetti e Barbara Cereghetti, capogruppo del Pd in consiglio comunale e segretaria del Circolo di Como Nord, dopo aver richiesto ufficialmente informazioni all’amministrazione comunale.
“La Società Ghimas Servizi Subacquei snc ha depositato il progetto di finanza per la riqualificazione e la valorizzazione dell’area demaniale il 9 febbraio 2017”, ricordano i due esponenti Pd. Il documento prevede la “realizzazione di una nuova area polifunzionale per la nautica, in particolare con la dotazione dei necessari sottoservizi, mediante la realizzazione di opere di consolidamento delle murature esistenti, la costruzione di un nuovo molo, la realizzazione di un impianto di fornitura carburante per natanti e la posa di colonnina per l’approvvigionamento acqua, l’istallazione di gru per il sollevamento di imbarcazioni, realizzazione di piccoli manufatti per deposito materiali, uffici e spazi a servizio della struttura per lo svolgimento di attività subacquee, nonché realizzazione di una struttura, dotata di impianto igienico-sanitario, dedicata a spazio ristoro, munita di passerella di collegamento al pontile della Navigazione pubblica”, così recita la delibera di Giunta del 20 dicembre 2017.
“È previsto un investimento di circa 353 mila euro e una durata della concessione pari a vent’anni – raccontano ancora Fanetti e Cereghetti –.  Nella delibera di Giunta si parla correttamente della ‘necessità di effettuare un’attenta valutazione, al fine di verificarne la rispondenza all’interesse pubblico, valutando, altresì, l’eventuale percorribilità di strumenti alternativi’. A questo scopo, si dà mandato al segretario generale di costituire un gruppo di lavoro. Peccato che da dicembre a oggi questo gruppo non sia stato ancora istituito e, senza di esso, sarà ben difficile fare passi avanti”.
E comunque, per Fanetti e Cereghetti, “a prescindere dal merito del progetto, da anni la città e il quartiere di Tavernola attendono una riqualificazione di quell’area. Solo poche ore fa, tutti i soggetti del territorio hanno sottoscritto il Patto per il Lago di Como, Ceresio e Laghi minori, ma il Comune lascia dormiente una iniziativa legata proprio agli obiettivi di quel patto. Ancora una volta, questa amministrazione comunale denota una sciatteria senza pari persino nelle pratiche più importanti. Ci aspettiamo risposte quanto prima”.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Monte Olimpino, Cereghetti : “Il ‘Benvenuti’ sparito nel nulla. Rilanciamo le sponsorizzazioni”

monte“Benvenuti a Como”, oppure no. Da quando un mezzo pesante è finito sull’aiuola della rotonda di Monte Olimpino, all’uscita dall’autostrada, distruggendo la scritta, fatta in metallo e sassi, messa lì anni fa da un’azienda locale poi chiusa, e il Comune l’ha rimossa, lo spazio è rimasto vuoto e non se ne è saputo più nulla.
“Era sicuramente conciata male e andava sistemata – racconta Barbara Cereghetti, segretaria del Circolo Pd di Como Nord –. Ma portarla via non è stata una buona idea. Era il 5 aprile quando è successo l’incidente: un consigliere comunale di minoranza, di un altro gruppo e che non risiede nel quartiere, ha deciso di far intervenire il Comune. Il 10 aprile la scritta è stata rimossa e ora rimane il vuoto. Non sappiamo dov’è finita, né se verrà riapposta. Anche perché era stata messa in quel punto da una ditta di Monte Olimpino che ha chiuso, nel frattempo”.
Agli abitanti del luogo spiace molto, come sottolinea Cereghetti: “Era proprio all’uscita dall’autostrada, aveva un suo senso, rappresentava un segno dell’apertura di Como verso chi arrivava da fuori città, un simbolo per Monte Olimpino. È un peccato non vederla più…”.
Secondo la segretaria del Circolo Pd, però, qualcosa si può fare, anzi, è l’occasione buona non solo per quella rotonda: “Nel 2014, l’allora assessore Daniela Gerosa aveva fatto un bando per sponsorizzare le aiuole, comprese quelle delle rotonde. In pratica, i privati si prendono in carico questi piccoli spazi, li curano a loro spese e hanno diritto a metterci una targa che lo dica. Perciò, c’è un precedente che l’attuale amministrazione comunale può recuperare e per questo noi riproponiamo al Comune di rifare il bando che così potrebbe risolvere non solo il problema della nostra rotonda, ma anche quello di altre aiuole, fioriere e spartitraffico lasciati praticamente allo stato brado. Lo fanno in molte città: rilanciamolo anche a Como”.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como, Territorio, Turismo | Taggato , , | Lascia un commento