Archivi categoria: Notizie dal Parlamento

Fiducia Governo, Braga: “È finita l’ora della propaganda. nessun impegno concreto su ambiente, infrastrutture, economia circolare”.

chiara braga“Anche alla Camera nessuna traccia di impegni concreti su ambiente, infrastrutture ed economia circolare da parte del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel dibattito sulla fiducia. È necessario prendere atto che questi temi non sono all’ordine del giorno dell’esecutivo a trazione Lega e Cinquestelle. E che a prevalere sono le contraddizioni e le carenze. Ma quale trasparenza, tanto sbandierata, e quale chiarezza verso gli elettori si ha se il premier non ci dice cosa farà della TAV, sulle infrastrutture nel Sud, sulla Pedemontana Lombarda e Veneta ancora in costruzione e a cui manca perfino la pianificazione delle opere accessorie. Sarà interessante capire poi i tanti obiettivi ambiziosi cari al M5S e condivisibili in tema di stop al consumo di suolo, di economia circolare, di decarbonizzazione con le posizione filo negazioniste della Lega di Salvini. Il Pd non vi metterà mai sul banco degli imputati, come ha spesso fatto chi oggi si siede tra i banchi della maggioranza, e non vi giudicheremo dalla vostra retorica assolutista – quella dello “stato siamo noi” – ma di certo non si faranno sconti sulle vostre contraddizioni e non consentiremo che l’Italia guardi al passato e che gli italiani paghino un prezzo così alto”. Lo ha dichiarato l’On. Chiara Braga, deputata comasca del Partito Democratico, in occasione del dibattito sulla fiducia al Governo svoltosi il 6 giugno 2018 alla Camera dei Deputati.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Istituzioni, Notizie dal Parlamento | Taggato , , , | Lascia un commento

Politica e istituzioni, Braga: “Lega e 5Stelle hanno preso in giro gli italiani, irresponsabili e incapaci di governare”

palazzo-del-quirinale“Basta pagliacciate. Per tre mesi Lega e M5Stelle hanno promesso il Governo del cambiamento ma in realtà si sono dimostrati per quello che sono: incapaci e irresponsabili. Né Salvini, né Di Maio volevano davvero prendersi l’onere di governare: fin dall’inizio erano pronti a far saltare il banco, per tornare a votare il prima possibile, mettendo a repentaglio i risparmi di milioni di cittadini e la tenuta delle nostre imprese. Quelle stesse imprese a cui pochi giorni fa i parlamentari comaschi spiegavano di essere pronti a governare e a risolvere tutti i loro problemi. Oggi per nascondere i loro fallimenti usano toni violenti e gravissimi nei confronti del Presidente Mattarella, che ha agito unicamente nell’interesse dalla nazione, come prescrive la Costituzione”. Questa la dura presa di posizione della deputata del Partito democratico di Como, Chiara Braga di fronte al quadro politico venutosi a delineare in queste ore.
“Zoffili e Locatelli chiedono la rimozione delle foto del Presidente della Repubblica dagli uffici comunali? – prosegue la Braga – Si vergognino delle loro parole e piuttosto spieghino perché hanno bocciato al Ministero dell’Economia il loro vicesegretario nazionale Giancarlo Giorgetti. Sono certa che i Sindaci di Como e Erba e di tutti i Comuni comaschi garantiranno nei loro comportamenti la dignità della nostra Repubblica”.

Pubblicato in Idee e politica, Istituzioni, Notizie dal Parlamento | Taggato , , , , | Lascia un commento

Carceri, Braga:”Commissione speciale esamini i decreti attuativi della riforma delle carceri prima della scadenza”

carcere bassone“Mi associo alla richiesta dei nostri capigruppo Francesco Boccia e Gianni Pittella, affinché le Commissioni speciali di Camera e Senato possano esaminare i due Decreti attuativi sulla riforma dell’ordinamento penitenziario approvati dal Governo, evitando che scadano nel prossimo mese di agosto. Il Presidente della Camera Roberto Fico ha chiesto alle forze politiche in Parlamento una riflessione sull’opportunità di inserire i due decreti nel calendario dei lavori delle commissioni speciali; chiediamo che le altre forze politiche abbandonino la demagogia e consentano di arrivare in fondo a un provvedimento atteso da anni. Quella del sistema penitenziario è una riforma equilibrata, costruita in modo condiviso e apprezzata da tutti i soggetti coinvolti.  Chi parla di  provvedimento “svuota-carceri” o non conosce i contenuti della riforma o è palesemente in malafede. Penso che il Parlamento possa dare su questo tema un segnale importante e di responsabilità”. Lo dichiara oggi Chiara Braga, deputata comasca del Partito Democratico, sull’inserimento del tema della riforma carceri nel calendario lavori della Commissione Speciale.

 

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie dal Parlamento, Sanità e welfare | Taggato , , | Lascia un commento

Parlamento, Braga: “Centrodestra e M5s impegnati a spartirsi le poltrone. Pd pronto a lavorare da subito in Commissione Speciale”

Camera-Deputati“Quello a cui abbiamo assistito è il consueto teatrino ripetutosi in queste settimane: la spartizione dei posti di potere all’interno degli organismi parlamentari, in spregio a ogni prassi istituzionale. Cosa che al centrodestra e al Movimento Cinque Stelle riesce anche male, visto che al neo presidente Molteni sono mancati 4 voti dei 31 disponibili per la sua elezione. Il Pd è pronto a lavorare nelle prossime settimane sul Def e ad esaminare i provvedimenti varati dal Governo, sui quali il Parlamento non si è ancora pronunciato. Lavoreremo sui contenuti e sul merito delle questioni, ma quel che si è verificato è un ulteriore pessimo segnale del modo in cui M5s e Centrodestra intendono impostare il lavoro istituzionale”. Così commenta la prima seduta della Commissione speciale per l’esame degli atti del governo, Chiara Braga, deputata comasca, indicata come componente della stessa commissione dal Partito democratico a Montecitorio.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie dal Parlamento | Taggato , , | Lascia un commento

Elezioni, Broggi: “Chiesta discontinuità. Grazie ai candidati e complimenti agli eletti Braga e Orsenigo”

WhatsApp Image 2018-03-09 at 15.16.27Federico Broggi, vicesegretario provinciale del Pd di Como, ringrazia i candidati e  commenta il voto: “L’esito delle ultime elezioni restituisce un quadro molto chiaro: il Partito democratico ha perso e i cittadini hanno chiesto discontinuità. Per noi non può certo essere fonte di consolazione il fatto di essere il primo partito solo a Como e risultare invece marginali nei piccoli Comuni e nelle periferie.
Ora serve iniziare un’attenta analisi e un confronto interno costruttivo, che porti il nostro partito verso il congresso. A breve saranno convocati tutti gli organismi provinciali per avviare una discussione interna anche in provincia di Como.
Contestualmente desidero, però, ringraziare tutti i candidati che si sono spesi in questa competizione elettorale e complimentarmi con Chiara Braga per la riconferma alla Camera, dopo l’ottimo lavoro di questi anni, e con Angelo Orsenigo per l’elezione in consiglio regionale”.

Ecco i dati per le varie tipologie di elezione:

Camera dei Deputati

http://elezioni.interno.gov.it/camera/scrutini/20180304/scrutiniCI04200000000

Senato della Repubblica

http://elezioni.interno.gov.it/senato/scrutini/20180304/scrutiniSI03300000000

Regione Lombardia

http://elezioni.interno.gov.it/regionali/scrutini/20180304/scrutiniRI030240000

Pubblicato in Notizie da Como, Notizie dal Parlamento, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

E adesso al voto: ecco come e i nomi dei candidati

scheda di votoDopo settimane di campagna elettorale, di fatica, di impegno e tanta passione, siamo giunti al termine: domenica 4 marzo, dalle 7 alle 23, si potrà andare a votare per le elezioni politiche e per quelle regionali (qui di lato, come si vota). Lo spoglio inizierà alla chiusura delle urne con il Senato, cui seguirà la Camera. Lunedì 5 marzo, alle 14, si proseguirà con le regionali.
In Lombardia abbiamo realmente l’occasione storica di porre fine a 25 anni di malgoverno di centrodestra, fatto di promesse non mantenute e menzogne, di abbandono delle persone più fragili e di mancanza di programmazione. Giorgio Gori può vincere questa sfida, grazie alla concretezza che ha caratterizzato la sua azione professionale e di sindaco della città di Bergamo, grazie alla volontà concreta di aiutare Regione Lombardia a svoltare, a investire sulla sanità e su un’attenta programmazione infrastrutturale.
A livello nazionale dobbiamo invece garantire continuità ai Governi di centrosinistra guidati dal Partito democratico, proseguendo la stagione delle riforme avviate da Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, dando sempre più importanza ai diritti, alla lotta alle disuguaglianze e al lavoro.
L’Italia si è rialzata, ma ora deve proseguire il lavoro perché sia più forte e più giusta.
Il vicesegretario provinciale
Federico Broggi

Qui i nomi dei candidati nei collegi comaschi

candidati como

Pubblicato in Idee e politica, Notizie dal Parlamento, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Elezioni, il Partito democratico presenta i risultati ottenuti per Como

tremezzinaGiornata comasca per Alessandro Alfieri, segretario regionale del Pd e capolista al Senato al collegio plurinominale di Como. Dopo aver visitato alcune strutture formative, incontrato i sindacati e le imprese e in procinto di partecipare a un incontro sul tema della sanità regionale a Mariano Comense, il segretario ha affrontato con la stampa alcuni temi elettorali regionali e prettamente comaschi, ripercorrendo con i candidati le tappe del grande lavoro fatto dal Governo e sostenuto dai deputati uscenti Chiara Braga e Mauro Guerra.
“Quella che stiamo vivendo è una campagna strana, perché noi cerchiamo il confronto con le altre forze politiche ma ci viene negato – ha fatto notare Alfieri –. Eppure, soprattutto a livello regionale, le candidature in campo sono sostanzialmente due. Si tratta proprio di scegliere tra due modelli: quello che offre Gori, uomo dalle spalle forti, con le sue liste competitive, con la garanzia di saper guidare una macchina complessa come la Regione per la serietà e la preparazione che ci sta mettendo. Oppure, si opta per il modello Fontana, un nome scelto alle solite cene di Arcore, con buona pace di Salvini. E infatti il candidato del centrodestra è preoccupato, spaurito, fugge da tutti i confronti. Quindi, siamo estremamente fiduciosi che, al di là delle urla e dei proclami, prevalga la concretezza”.
Tra i tanti argomenti ‘caldi’ per il territorio comasco, Alfieri ha voluto affrontare quello dei frontalieri: “Se l’accordo non è ancora stato firmato è perché i rappresentati istituzionali locali del Pd a Roma, per Como gli onorevoli Braga e Guerra, hanno lavorato affinché venisse fermato e fossero affrontate questioni importanti, come i carichi famigliari, la franchigia, la gradualità, i ristorni che vanno sciolte prima che diventi definitivo. Anche in questo caso, ci distingue il modo di trattare le cose: il candidato del Carroccio al mattino dice di stare con i frontalieri, al pomeriggio va a braccetto con la Lega dei ticinesi”.
Per Luca Gaffuri, candidato al plurinominale di Como, “l’aspetto più evidente di questa legislatura è il finanziamento della variante della Tremezzina, ovvero un intervento chiave per la sponda ovest del lago, non risolutivo di tutto, ma che può dare fiato a una situazione complessa e migliorare sensibilmente la qualità della vita per chi vive in quei luoghi, ottenuto grazie al lavoro costante dei nostri due parlamentari uscenti. In questi anni, si è trovato un punto di equilibrio per l’inserimento dell’opera”.
Altri risultati importanti da parte del Governo “la variante alla statale Briantea e gli oltre 20 milioni di euro per l’edilizia scolastica, ovvero finanziamenti importanti, diffusi su tutta la provincia, che hanno connotato le scelte di governo, dopo decenni in cui non si ammodernavano le strutture scolastiche. Invece, in questo caso, si è voluto investire sul futuro dei giovani, portando nel contempo lavoro in un settore in difficoltà nella nostra provincia come l’edilizia”.
Sulla Pedemontana per Gaffuri “Gori è stato fin troppo esplicito: l’opera non è sostenibile e il progetto va rivisto. E il candidato presidente regionale ha detto chiaramente ciò che pensa anche sulla tangenziale, che doveva diventare gratuita a gennaio, ma ancora non lo è”.
E per quanto riguarda i frontalieri e i rapporti con il Canton Ticino, “in questi anni abbiamo ottenuto risultati straordinari che si aspettavano da decenni: intanto un chiarimento sul servizio sanitario che la Lega voleva far pagare, mentre il Governo ha detto definitivamente che era un’assurdità. Poi, la tassazione del secondo pilastro al 5% e la stessa percentuale per le pensioni”.
Tutti temi, compresa la Lia, su cui “la Regione in questi anni non ha saputo rispondere, né respingere al mittente i pesantissimi attacchi ai nostri lavoratori. È necessario che chi governerà a Milano e a Roma, rappresentando questi territori, abbia la schiena dritta e sappia far valere le nostre peculiarità”.
Infine, il candidato ha fatto un accenno a “uno dei cento punti del programma del Pd: l’ammodernamento delle strutture alberghiere grazie al superammortamento. Un elemento importante in un territorio dove il turismo sta crescendo notevolmente”.
Insomma, il Pd chiede, per voce della candidata nel collegio di Cantù Savina Marelli, “un voto per rendere veramente eccellente la nostra Regione. E per permettere al Governo di continuare una stagione di riforme che ha visto tante cose fatte e tante ancora da fare. Vorremmo proseguire lungo un filo conduttore che ci aiuti a portare avanti il grande lavoro fatto finora”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Economia e lavoro, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Notizie dal Parlamento, Scuola, Territorio | Taggato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Incendi impianti rifiuti, Braga: “Approvata la Relazione della Commissione Ecomafie. Fenomeno nazionale, non episodi locali”

EcomafiaLa Commissione parlamentare d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, presieduta dall’onorevole Chiara Braga, ha approvato, all’unanimità, la Relazione sul fenomeno degli incendi negli impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti. I relatori del documento sono la presidente Braga, i senatori Paolo Arrigoni e Laura Puppato e l’onorevole Stefano Vignaroli.
“I 261 episodi che abbiamo censito, mostrano che si tratta di un fenomeno nazionale e non di una mera sommatoria di episodi distinti. Per questo la commissione ha ritenuto di studiare a fondo il fenomeno, individuando alcuni elementi d’interesse. Una chiave di lettura è individuabile nella correlazione tra il fenomeno degli incendi e la mancata corretta chiusura del ciclo dei rifiuti”, ha detto la presidente presentando la relazione.
“Il fenomeno riguarda soprattutto il nord del Paese, dove si concentra quasi la metà degli episodi censiti – ha proseguito Braga –. L’incidenza è sicuramente maggiore in questa area anche per l’alta presenza di impianti, che ricevono molti rifiuti dal centro-sud, in una inversione dei flussi rispetto al passato”.
La Commissione ha costruito la sua indagine “chiedendo prima i dati alle agenzie ambientali regionali, per poi verificare con le Procure lo stato delle indagini e degli eventuali procedimenti penali. Non tutti gli episodi censiti erano conosciuti dall’autorità giudiziaria, mostrando l’esistenza di un’area oscura, una zona d’ombra con incendi sfuggiti alle maglie investigative – ha aggiunto la presidente della Commissione –. Spesso le inchieste hanno riguardato altre ipotesi di reato rispetto all’incendio doloso o colposo, mostrando come questo fenomeno sia in realtà la spia di cattive gestioni degli impianti e di illeciti ambientali”.
Nelle conclusioni della relazione, la Commissione ecomafie “pone l’accento sulla necessità di un maggiore coordinamento, anche investigativo, oltre che conoscitivo, a livello nazionale, per poter capire, e dunque prevenire, il fenomeno. Non c’è dubbio, infine, che sia prioritario arrivare ad una chiusura corretta del ciclo dei rifiuti, contribuendo in questo modo a chiudere lo spazio a possibili comportamenti illeciti”, ha concluso l’onorevole Braga.

Qui la Relazione incendi approvata dalla Commissione sulle Ecomafie

Relazione Ecomafie su incendi

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Blog Dem, Notizie dal Parlamento, Sicurezza, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Protezione civile, Braga: “Via libera dal Consiglio dei Ministri al decreto attuativo sulla riforma. Più sostegno a territori colpiti da calamità”

Protezione_Civile“L’anno si chiude con questo risultato importante per tutto il sistema della Protezione civile italiano; l’approvazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri del decreto attuativo di riforma della Protezione civile  è il completamento di un impegno che abbiamo portato avanti con grande convinzione in questi anni, a partire dalla legge delega approvata dal Parlamento” lo dichiara la deputata del Pd  Chiara Braga, prima firmataria della legge di riordino della Protezione civile.
“Abbiamo voluto dare alla Protezione civile strumenti e condizioni più efficaci di operatività e un quadro normativo più chiaro e stabile, che stabilisca ruoli, responsabilità e modalità di intervento non solo nell’emergenza determinata dalle calamità ma in tutto il ciclo di azione della Protezione civile, nelle fasi della prevenzione e della ripresa delle normali condizioni di vita nei territori. Il nostro obiettivo è stato fin dall’inizio quello di sostenere le comunità colpite da calamità e proteggere quelle soggette a rischio, attraverso un ulteriore efficientamento della macchina operativa del soccorso e della prevenzione che tutti gli altri Paesi ci invidiano. Vogliamo idealmente dedicare questo importante risultato a tutti gli operatori della Protezione civile, dai vertici che si sono succeduti in questi anni ai singoli volontari che ogni giorno danno il loro contributo prezioso in ogni angolo d’Italia, confermando la riconoscenza nostra e di tutto il Partito democratico per il lavoro che anche quest’anno hanno svolto nelle tante calamità che hanno colpito il nostro Paese e per la loro straordinaria testimonianza di impegno e passione civile”, spiega Braga.

Pubblicato in Notizie dal Parlamento, Sicurezza, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Incendi impianti rifiuti, Braga: “Mercoledì 17 gennaio approveremo la relazione sulle ecomafie”

EcomafiaLa Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti e gli illeciti ambientali terrà una conferenza stampa, nella Sala Stampa di Montecitorio, per illustrare i contenuti della Relazione sul fenomeno degli incendi negli impianti di trattamento e smaltimento di rifiuti, che approverà in giornata, mercoledì 17 gennaio, alle 13.
“Quello sugli incendi agli impianti di trattamento rifiuti è il primo monitoraggio che viene svolto a livello nazionale. La Commissione ha avviato già all’inizio del 2017 il lavoro di approfondimento che ha riguardato circa 260 episodi censiti negli ultimi tre anni ed è stato realizzato mediante numerosi sopralluoghi, audizioni e acquisizione di documenti delle Procure italiane e delle agenzie ambientali regionali.  Il lavoro compiuto dalla Commissione evidenzia la portata complessiva del fenomeno, che non può più essere valutato limitandosi all’analisi dei singoli eventi, come confermano anche i casi verificatisi negli ultimi giorni”, dichiara l’on Chiara Braga, presidente della Commissione.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Economia e lavoro, Notizie dal Parlamento, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento