Archivi categoria: Notizie da Como

Addio a un sindaco indimenticato ed esemplare

spallinoSindaco, avvocato, sportivo, politico illuminato e uomo di grande spessore che ha sempre anteposto il bene della città a ogni altra cosa. Un esempio per tutti noi che rimarrà sempre da seguire. Vogliamo ricordarlo in ogni sua veste, Antonio Spallino, nostro indimenticato primo cittadino, scomparso all’età di 92 anni.
E ci piace anche ricordare che ha sempre avuto il coraggio delle sue scelte, a partire dalla pedonalizzazione del centro storico che, in un’epoca dove a dominare erano ancora le macchine, aveva visto lontano e capito che tra le mura non poteva più passare il traffico, ma solo i pedoni, residenti, visitatori, turisti, in un’ottica di città ben diversa e all’avanguardia. O quando era intervenuto per preservare l’ecosistema e l’unicità della Spina Verde. In modo limpido e senza polemiche, tanto che era stimato anche dalla sua opposizione.
Antonio Spallino mancherà alla città di Como e non può che lasciare un vuoto non facilmente colmabile.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , | Lascia un commento

Infiltrazioni mafiose, Orsenigo: “Serve opera di prevenzione. E la politica denunci sempre i casi sospetti”

Cantù“La notizia di un’ennesima vicenda di infiltrazioni mafiose in Lombardia ci sconvolge, soprattutto sapendo che questa volta è avvenuta sulla porta di casa: proprio qui, nel cuore della provincia di Como, dove l’operosa comunità di Cantù veniva tenuta in scacco dalla criminalità organizzata. Una situazione inaccettabile per chiunque creda nella democrazia e nella legalità”, sono dure le parole di Angelo Orsenigo, segretario provinciale del Pd, a commento della notizia degli arresti e della rete mafiosa che si era sviluppata in Brianza e nel comasco in particolare.
“Il compito della politica è di denunciare sempre casi sospetti e di tenere le distanze da chiunque non dimostri assoluta e limpida chiarezza nelle sue azioni e intenzioni”, aggiunge Orsenigo, ricordando che a Cantù, durante un consiglio comunale, “gli esponenti del Partito democratico avevano già avuto modo di segnalare movimenti e personaggi sospetti, soprattutto nelle serate di maggiore affollamento della piazza centrale. Ma sono ovviamente rimasti inascoltati”.
Adesso non resta che attendere il lavoro della Magistratura “per capire fino a dove si era spinta l’ndrangheta sul nostro territorio. Ma nel frattempo noi non staremo a guardare e spingeremo per un’opera di prevenzione assoluta del fenomeno, cominciando dalle scuole, dai più giovani, dagli operatori economici. E invitando la politica e le istituzioni a chiamarsi fuori da fatti non chiari e sospetti prima e non dopo che accadano”, conclude il segretario Pd.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Variante Tremezzina, Guerra: “Come affermo da tempo, lavorando senza inseguire chiacchiere e polemiche, la variante della Tremezzina si farà”

tremezzina“In molti chiacchierano e polemizzano su giornali e social. Altri, come riconosciuto dal Soprintendente Luca Rinaldi al Comune di Tremezzina, lavorano per risolvere i problemi, migliorare i progetti e arrivare alla realizzazione dell’opera”. Lo dichiara il deputato comasco del Pd e sindaco di Tremezzina Mauro Guerra alla notizia anticipata in un’intervista dal Soprintendente all’archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Como, Lecco, Monza Brianza, Pavia, Sondrio e Varese del via libera al progetto della variante della Tremezzina.
“Colgo l’occasione per ringraziare ancora il team di progettisti della Provincia guidato dall’ing. Tarantola, il paesaggista incaricato arch. Montanelli, i dirigenti di Anas per il prezioso lavoro fatto in questi mesi con la Soprintendenza”.
“La scorsa settimana, d’intesa con Chiara Braga, avevo già informato il Ministro Graziano Delrio dell’imminente via libera della Soprintendenza al progetto della variante della Tremezzina e concordato con lui un incontro, in sua presenza, con Anas per definire il cronoprogramma successivo”.
“Come riaffermo da tempo – conclude Guerra -, lavorando senza inseguire chiacchiere e polemiche, la variante della Tremezzina si farà. E si farà nel miglior modo possibile”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Economia e lavoro, Mobilità, Notizie da Como, Notizie dal Parlamento, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Il Pd comasco a Imola per ascoltare il segretario Renzi

Pd: Renzi, se torno, torno con i voti degli italianiIl Pd comasco vuole essere presente nella giornata di chiusura della Festa nazionale il 24 settembre 2017, a Imola, dove è previsto l’intervento conclusivo del segretario nazionale Matteo Renzi, alle 17. Nell’occasione, nella mattinata, visiteremo la città di Faenza, a pochi chilometri da Imola.
Per chi vuole partecipare, basta comunicare l’adesione agli uffici della Segreteria provinciale entro lunedì 18 settembre 2017, telefonando al numero 031/260311, oppure inviando una email a segreteria@partitodemocratico.co.it al fine di poter confermare e organizzare al meglio il dettaglio della giornata.
Il costo del pullman e della visita guidata è di 20 euro.

Dettaglio della Giornata
ore 6,30 partenza in pullman da Como, piazzale della piscina di Muggiò;
ore 6,45 passaggio del pullman da Cantù, parcheggio cimitero;
ore 7,00 passaggio del pullman da Mariano Comense, Porta Spinola;
ore 10,30 arrivo a Faenza: visita al centro città e ad un laboratorio artigianale di ceramica artistica;
ore 13,00 arrivo a Imola alla Festa nazionale;
ore 13,30 pranzo libero e visita agli stand della Festa;
ore 17,00 discorso del Segretario nazionale Matteo Renzi al termine del quale è previsto il rientro a Como.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , | Lascia un commento

Problemi idrogeologici, Guarisco: “No ai seminterrati vicino a corsi d’acqua tombati o a cielo aperto”

lago como esondatoDurante l’ultima seduta di Consiglio comunale, tenutasi lunedì 11 settembre 2017, Gabriele Guarisco, consigliere comunale del Pd, discutendo ancora delle linee programmatiche della Giunta Landriscina, ha sollecitato un’attenzione particolare alle problematiche idrogeologiche. “Como è una città fragile: lo dimostrano le vicende delle paratie o le ripetute interruzioni di via Rienza o di via per Brunate, che hanno isolato quartieri come Camnago Volta o Civiglio”, ha detto Guarisco in Aula.
Il primo provvedimento di carattere urbanistico importante cui la nuova Giunta sta lavorando, e nello specifico l’assessore all’Urbanistica Butti, è la delibera che poi dovrà essere sottoposta all’approvazione del consiglio entro il 31 ottobre, che tratta le specifiche esigenze di tutela paesaggistica o igienico-sanitaria o di difesa del suolo e di rischio idrogeologico. Un documento che definirà gli ambiti cittadini esclusi dall’applicazione della recente legge regionale 7/2017, finalizzata al recupero dei seminterrati a uso residenziale, terziario o commerciale.
Sollecitato dai recenti tragici eventi di Livorno e dai danni che anche a Roma hanno coinvolto abitazioni ricavate nei seminterrati, Guarisco ha chiesto alla Giunta di “predisporre questo documento con un atteggiamento lungimirante e prudente: via Dante a Como o viale Giulio Cesare sono corsi d’acqua, vale a dire il Valduce e il Cosia, coperti con una strada, torrenti tombati, come si dice in gergo tecnico. E di situazioni simili in città ne sono presenti altre: l’esclusione da interventi di recupero a fini abitativi dei seminterrati degli immobili adiacenti a questi corsi d’acqua, dopo una valutazione attenta, sarebbe espressione di un indirizzo di azione amministrativa lungimirante e previdente, nell’ottica di evitare pericoli futuri che possano coinvolgere le persone”.
Il consigliere Pd ha invitato l’amministrazione comunale a prestare attenzione anche ai torrenti a cielo aperto. E aggiunge, dopo la seduta, “io stesso ho già avuto modo di segnalare agli uffici comunali la situazione della Roggia Segrada, in Valbasca, nel cui alveo si sono accumulati in differenti punti rami e fusti di alberi crollati dai versanti per il dilavamento del terreno e la difficile situazione dei boschi – ha detto Guarisco –. Lì c’è bisogno di un intervento celere per liberare il letto del torrente ed evitare che questo accumulo di materiali porti problemi in occasione di qualche pioggia torrenziale che ormai non è un evento così raro”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Villa Olmo, Fanetti: “Il progetto Cariplo un’ottima eredità della Giunta Lucini. Altro che il contrario”

Villa Olmo“Villa Olmo è aperta e visitabile: centinaia di persone l’hanno, infatti, visitata in questi mesi estivi e non è vero che è inagibile. Non solo: le mostre finora sono sempre state fatte al piano terra, che è completamente agibile, appunto. Se Gaddi vuole fare una mostra può farla domani. Le foto riportate dai mass media riguardano quasi esclusivamente il secondo piano della villa, che, come si è sempre saputo, non è compreso nel progetto Cariplo: alcune sale sono in condizioni discrete, come ad esempio quelle dell’ex Centro Volta, altre versano in stato di abbandono dagli anni Sessanta”, Stefano Fanetti, capogruppo del Pd in Consiglio comunale, confuta punto per punto la polemica innescata dall’ex assessore Gaddi sulla fruizione e il futuro di Villa Olmo.
“Abbiamo sempre detto che il progetto Cariplo vuole dare il via a un rilancio complessivo della villa, ma non è certo sufficiente per restaurare tutto, anche perché 7 milioni di euro non bastano e nemmeno bastano 3 anni di lavori – continua Fanetti –. Per completare il totale restauro della villa ci vorranno più mandati amministrativi e nuove fonti di finanziamento, in parte già ipotizzate. Ma questo non impedisce, né rende vani gli interventi previsti sulla stessa villa nel progetto finanziato da Cariplo”.
E a proposito del giardino, il Gruppo del Pd fa presente che “è interessato da un intervento di riqualificazione anche perché si inserisce in un percorso di visita di ville e giardini del lago e contribuisce a portare visitatori alla villa. Il turismo culturale dei giardini sta vivendo un boom senza precedenti in Italia: 8 milioni di visitatori nel 2016”.
Uno degli obbiettivi del progetto Cariplo è la riapertura del primo piano al pubblico, anche per aumentare la disponibilità di sale per mostre, conferenze, eventi ecc. Il progetto, quindi, prevede e finanzia l’abbattimento delle barriere architettoniche (ascensori per il primo piano); il rifacimento dell’impianto di riscaldamento (piano terra e primo piano); il ripristino dei pavimenti, legato al rifacimento del riscaldamento; la realizzazione dell’impianto antincendio e opere necessarie per l’evacuazione (primo piano); il restauro della facciata principale, ovvero la più degradata.
Al termine di questi lavori buona parte del primo piano sarà utilizzabile, ma alcune sale richiedono interventi più importanti, non previsti dal progetto, fa presente Fanetti, e sottolinea che “Gaddi lo sa bene perché vi ha accumulato materiale delle sue mostre e ha contribuito al loro degrado. Per queste sale abbiamo sempre pensato di coinvolgere sponsor privati, come fatto con Bulgari per la Sala del Duca, al termine delle opere strutturali. Perché Gaddi non ha mai fatto nulla per queste sale quando per 15 anni ne ha avuto la possibilità?”.
Infine, un chiarimento sui rapporti con la Soprintendenza: “Non ci risultano comunicazioni recenti della Soprintendenza, la quale non ha bocciato nessun progetto, ma ha chiesto di elaborare un progetto unitario, che tenga insieme tutti quelli finora proposti per la villa. È per questo che i tecnici hanno lavorato e dovranno ancora lavorare per approfondire un masterplan complessivo che permetta di inquadrare i singoli progetti esecutivi (ascensori, impianti ecc.) in un quadro generale, che dia una visione d’insieme delle azioni sulla villa. Ciò non rappresenta peraltro un impedimento per i lavori previsti al primo piano e non ne pregiudica l’efficacia e la funzionalità, anche perché non è affatto vero che il tetto è un colabrodo”, aggiunge il Pd comasco.
Per il capogruppo in Consiglio comunale, “l’eredità della Giunta Lucini per villa Olmo è un’idea forte, un progetto di rilancio, con 5 milioni di euro ottenuti dalla Cariplo e una serie di cantieri di riqualificazione avviati. Come la Ticosa e le paratie? Non ci pare. Magari avessimo trovato noi certe eredità”.

Pubblicato in Cultura e sport, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Coprifuoco richiedenti asilo, Fanetti, Lissi, Guarisco: “Sicurezza non significa segregazione”

rifugiati immigrazione richiedenti asilo mare“Sulla necessità di garantire la sicurezza per i cittadini di Como non abbiamo alcun dubbio. Ma rifuggiamo ogni proposta che odora di segregazione e di ritorno al passato”. Sono trancianti Stefano Fanetti, capogruppo del Pd in Consiglio comunale, e i due consiglieri democratici Patrizia Lissi e Gabriele Guarisco, dopo aver letto i contenuti della mozione proposta dal gruppo consiliare Rapinese sindaco.
“Proporre una sorta di coprifuoco che scatterebbe alle 20, cioè almeno due, tre ore prima dell’attuale orario di chiusura delle porte dei centri di accoglienza, non è soltanto un’idea poco originale e già rigettata da un Prefetto – aggiungono Fanetti, Lissi e Guarisco riferendosi al caso Domodossola –, ma anche giuridicamente discutibile e che introduce una forma di discriminazione. L’equazione richiedenti asilo uguale insicurezza è strumentale e non offre un approccio serio per gestire la questione dell’accoglienza”.
Insomma, per il Pd la sicurezza è “assolutamente necessaria, ma non è certo questa la strada: occorre piuttosto concordare interventi specifici con il Governo”.
E ciò che stupisce di più i consiglieri democratici è che “la proposta viene da un gruppo consiliare guidato dalla stessa persona che, esattamente un anno fa, proponeva addirittura, sempre con una mozione, di istituire un albo dei cittadini comaschi benemeriti che avessero avuto la volontà di accogliere in casa propria i migranti che stavano vicino alla stazione di San Giovanni. La solidarietà e il senso per l’altro sono intrinseche al proprio modo di pensare: non cambiano a seconda delle situazioni a meri scopi politici e propagandistici”, concludono i tre esponenti Pd.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , | Lascia un commento

Sanità, Gaffuri (Pd): “Non riduciamo, ma investiamo sulle chirurgie degli ospedali di San Fermo e Menaggio

ospedale sant'anna comoSulla chiusura delle Unità complesse di Chirurgia dei presidi ospedalieri di San Fermo della Battaglia e di Menaggio, come previsto dalla direttiva sulle determinazioni delle linee guida regionali per l’adozione dei piani di organizzazione aziendale strategici, Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, ha appena depositato un’interrogazione.
Nell’atto chiede all’assessore regionale alla Sanità se non ritenga opportuno operare una deroga, favorendo, invece, interventi e investimenti che possano piuttosto promuovere la competitività e la capacità attrattiva verso le due strutture sanitarie pubbliche del territorio comasco.
“È sbagliato ridurre le chirurgie: così si va a compromettere la competitività e la capacità attrattiva degli ospedali e a impattare sulle liste d’attesa per gli interventi, creando disagi per l’utenza e incidendo negativamente sulla professionalità dei medici chirurghi”, commenta Gaffuri.

Pubblicato in Notizie da Como, Sanità e welfare, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Assemblea provinciale Pd: queste le decisioni

logo_pdL’Assemblea provinciale del Pd di Como si è riunita lo scorso 20 luglio con all’ordine del giorno l’analisi del voto delle elezioni amministrative dell’11/25 giugno 2017. Si è dapprima ricordata la figura di Gianfranco Garganigo, storico esponente sindacale – già Segretario della Camera del lavoro di Como – e delle forze politiche del centrosinistra comasco, di recente scomparso.
Dopo un’introduzione del Segretario provinciale, Angelo Orsenigo, il dibattito si è sviluppato in modo ampio con l’intervento di 19 presenti. Si è innanzitutto ringraziato tutti coloro, candidati ed organizzazioni del partito, che si sono impegnati e spesi nella campagna elettorale perché il Pd e, complessivamente, le forze del centrosinistra potessero avere un buon risultato e si è augurato agli eletti un proficuo lavoro all’interno dei rispettivi Consigli comunali.
Si è altresì constato che l’esito elettorale, ad eccezione del Comune di Appiano Gentile dove una coalizione civica di centrosinistra ha vinto subentrando ad una maggioranza di centrodestra, è stato pesantemente negativo, soprattutto se si guarda al risultato dei tre Comuni maggiori della provincia in cui si è andati al voto: Como, Cantù ed Erba.
Al di là dell’importante valore aggiunto rappresentato dal candidato sindaco di Como Maurizio Traglio, si è evidenziata la debolezza complessiva della proposta politico-amministrativa messa in campo dal Pd nelle diverse realtà e la difficoltà delle nostre organizzazioni di partito nel raccordarsi con le realtà sociali del territorio, sintomo di una perdita di radicamento e di capacità di leggere le dinamiche socio-economiche delle nostre comunità in atto da diverso tempo.
Tutto questo, unitamente ad un clima politico generale sicuramente poco positivo per il Pd ed il centrosinistra e che tra l’altro, in questo periodo, è stato ulteriormente e negativamente influenzato dalla critica situazione generata dal fenomeno migratorio in atto, ha determinato nel suo complesso il risultato negativo conseguito.
Da tutti è stata evidenziata la necessità di avviare al più presto una approfondita analisi e riflessione sullo stato del partito, sulla sua organizzazione e radicamento nella realtà comasca e sulla sua capacità di saper proporre risposte credibili e condivise rispetto ai principali e nuovi problemi che pesano sulle comunità dei nostri territori.
Da tutto ciò è emersa l’unanime valutazione che, approfittando della campagna congressuale che da settembre vedrà impegnato in tutta Italia il partito nel rinnovo degli organismi dirigenti di circolo, provinciali e regionali, sia opportuno aprire una fase di riflessione ed analisi e di confronto in tutto il partito comasco, facendo precedere alla fase congressuale vera e propria un momento congiunto di approfondimento aperto a diverse realtà anche esterne al partito stesso.
Da ultimo l’Assemblea, approvando all’unanimità la proposta del Segretario provinciale Orsenigo, ha demandato agli organismi dirigenti della federazione il compito di organizzare tale momento di riflessione e di confermare la fase congressuale 2017 dei circoli e della federazione nelle date già definite dalla Direzione nazionale e comunicate con una nota del 5 luglio scorso dal Vicesegretario nazionale e dal Responsabile nazionale dell’Organizzazione. Di tale decisione verrà tempestivamente informata la Segreteria regionale.
L’Assemblea verrà riunita entro la prima settimana di settembre per dar corso agli adempimenti congressuali.

Angelo Orsenigo                                             Mario Clerici
Segretario Provinciale                               Presidente Assemblea Provinciale

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Le “Note sul lago” di un pianoforte chiudono la campagna elettorale

concerto finalePer chiudere in bellezza la campagna elettorale del candidato sindaco Maurizio Traglio, in vista del ballottaggio di domenica 25 giugno, venerdì 23 giugno, alle 20.30, al molo di Sant’Agostino, si terrà un concerto sull’acqua dal suggestivo titolo “Note sul lago”.
La Como internazionale che è nei progetti di Traglio e di tutti coloro che lo sostengono, porta un pianoforte sullo specchio d’acqua più famoso al mondo e la sua sVolta. In programma un opening di Andrea Chindamo, pianista comasco, cui seguirà la performance di Aeham Ahmad, pianista premio Beethoven 2015 per il suo impegno in favore dei diritti umani.

Pubblicato in Cultura e sport, Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , , , | Lascia un commento