Archivi categoria: Mobilità

Trenord, Orsenigo: “È ancora mistero sulla chiusura delle biglietterie, attendiamo preoccupati il piano in Commissione”

BiglietteriaScongiurare la chiusura delle biglietterie in 25 stazioni lombarde, tra cui quelle di Lomazzo e Mariano Comense, favorire il miglioramento del servizio di questi importanti presidi all’interno di un piano complessivo di riqualificazione per garantire e migliorare la vivibilità e la sicurezza delle stesse. E’ l’oggetto dell’interrogazione a risposta immediata presentata oggi, durante il question time del Consiglio regionale, dal Partito Democratico.
“Trenord conferma l’esistenza di un piano – spiega il consigliere regionale Angelo Orsenigo – ma non si é ancora confrontata con la Regione. L’assessore Terzi condivide le nostre preoccupazioni e propone di ascoltare questo piano in commissione Trasporti. Passaggio che riteniamo certamente utile, con l’obiettivo di scongiurare non solo la chiusura delle biglietterie, ma anzi di rilanciarle anche come presidio di sicurezza presso le stazioni”.
Il progetto di chiusura che, secondo quanto si apprende dalla stampa, Trenord chiama progetto “Closing”, coinvolgerebbe, oltre a Lomazzo e Mariano Comense, le stazioni di: Abbiategrasso (MI), Arcore (MB), Bollate (MI), Caloziocorte (LC), Canegrate (MI), Casalpusterlengo (LO), Cernusco S.N. (MI), Chiari (BS), Chiavenna (SO), Desio (MB), Edolo (BS), Iseo (BS), Luino (VA), Novate Milanese (MI) , Parabiago ( MI), Rovato (BS), Sesto Calende (VA), Seveso (MB), Stradella (PV), Tradate (VA), Vanzago (MI) e Varese FN.

Pubblicato in Blog Dem, Economia e lavoro, Idee e politica, Mobilità | Taggato , , | Lascia un commento

Pedemontana Lombarda, Braga: “Chiesto incontro urgente all’assessore regionale alle Infrastrutture e ai vertici di Autostrada Pedemontana Lombarda”

pedem“Un incontro urgente in merito allo sviluppo della rete autostradale Pedemontana Lombarda. Nello specifico per quanto attiene all’esecuzione delle opere connesse al territorio comasco, in particolare, della realizzazione del sovrappasso in località La Valletta tra i Comuni di Bregnano e Cermenate (Completamento TRCO11 in direzione Vertemate Como), anche alla luce delle recenti dichiarazioni apparse sulla stampa locale, nonché all’attuazione degli interventi di mitigazione e compensazione dell’Autostrada Pedemontana Lombarda nella Valle del Torrente Lura”. Lo chiede la parlamentare comasca Chiara Braga in una lettera trasmessa via mail poche ore fa all’Assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità Claudia Maria Terzi e ai vertici di Autostrada Pedemontana Lombarda, rispettivamente al Presidente Antonio Franchitti e al Direttore Generale Giuseppe Sambo.
“Il nostro territorio – commenta la Braga – attende risposte urgenti da Regione Lombardia, dopo le promesse elettorali sulla tangenziale di Como in primis, ma anche sul completamento delle opere connesse alla Pedemontana, sui Comuni di Bregnano e Cermenate”.
La deputata dem, che la scorsa settimana ha avuto un incontro presso la sede centrale di Roma con la Direzione Generale di ANAS per fare il punto sulle maggiori opere viabilistiche del territorio comasco, quali la variante della Tremezzina, la tangenziale di Como, l’autostrada Pedemontana, ma anche sulle criticità intervenute nella sistemazione della Statale Regina a seguito della frana accaduta ad Argegno, ha inoltre chiesto ai suoi interlocutori, di “avere indicazioni in merito al completamento e all’attuale pedaggio applicato al sistema della Tangenziale di Como, alla luce della recente decisione di Regione Lombardia di non dare più corso alla costituzione di Lombardia Mobilità”, la società compartecipata da Regione Lombardia e Anas, che nelle intenzioni dell’allora Presidente Roberto Maroni avrebbe dovuto gestire oltre 2.200 Km di strade, da classificare come Nuova Rete Regionale e Nuova Reta Nazionale, con l’obiettivo dichiarato di offrire ai cittadini e alle imprese lombarde una rete viabilistica moderna ed efficiente, assicurando costanti interventi di manutenzione e coordinando gli investimenti.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Pedemontana, Orsenigo: “Fontana conferma: l’opera va finita, ma la gratuità è rinviata”

pedemontana“Il presidente Fontana lo ha confermato: la Pedemontana va finita per esprimere tutte le sue potenzialità di arteria fondamentale per le nostre zone. Ma il fatto che la società annunci un nuovo metodo di pagamento per chi vi transita, ci fa capire chiaramente che la gratuità promessa è rinviata sine die”, lo dichiara Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd, dopo aver letto le parole del governatore leghista.
“Noi siamo d’accordo sul fatto che il secondo lotto della tangenziale di Como vada completato, ma non accettiamo l’ennesima presa in giro per i cittadini e gli utenti sull’eliminazione del pedaggio. Non è possibile continuamente dilazionare i tempi. Non è un modo serio di governare”, aggiunge Orsenigo.
D’altra parte, sottolinea il consigliere Pd, “Fontana è lo stesso che ha detto che i dipendenti di Infrastrutture Lombarde, la società di Regione Lombardia che si occupa della realizzazione di nuove infrastrutture, dello sviluppo e del coordinamento di progetti strategici e dell’attuazione delle politiche energetiche regionali, invece di andare in giro, presumibilmente con le loro famiglie nel loro tempo libero, una domenica dovrebbero venire a pulire il tratto di lungolago affidato alla Regione. Mi chiedo se tocchi anche ai dirigenti e agli impiegati o solo ai cosiddetti tecnici. Perché come proposta mi sembra al limite dell’assurdo”, conclude Orsenigo.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Sicurezza, Braga: “Ferma condanna per quanto accaduto. A Como lo Stato c’è, ben prima della venuta di Salvini”

autobus-como“Ribadisco quanto già espresso dal Pd: ferma condanna a quanto accaduto e solidarietà ai lavoratori aggrediti, oltre al ringraziamento alle forze di polizia per il loro immediato ed efficace intervento. A Como lo Stato c’è, ben prima della venuta del neo Ministro dell’Interno. Non a caso tutto ciò che ha annunciato oggi in conferenza stampa sono misure già previste dalle leggi vigenti. A partire dai 250 nuovi operatori delle Commissioni prefettizie, già assunti a febbraio con il decreto Minniti. E il nuovo Ministro dell’Interno sicuramente è a conoscenza anche degli altri 170, che verranno insediati nelle prossime settimane, arrivando a triplicare le risorse umane delle Prefetture dedicate alle pratiche dei richiedenti asilo”.Questo il deciso commento della deputata comasca del Partito Democratico Chiara Braga a seguito della visita del neo Ministro Salvini alla Prefettura di Como all’indomani dall’aggressione subita da due autisti di autobus Asf ad opera di quattro giovani immigrati.
“Il Ministro Salvini – prosegue la Braga – chiamerà la Cancelliera Angela Merkel per chiederle di cambiare passo in Europa sulla gestione dell’immigrazione? Bene, anche qui proseguirà sulla strada di chi lo ha preceduto. Prima però convinca Viktor Orbàn a cambiare idea, visto che è proprio quello che lui considera il suo migliore amico a non aver accolto nemmeno un migrante in questi anni nel suo Paese, opponendosi al piano di ricollocamento europeo e quindi penalizzando soprattutto l’Italia”

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Notizie da Como, Sicurezza | Taggato , , | Lascia un commento

Autisti aggrediti, Orsenigo e Legnani: “La nostra condanna è ferma verso ogni violenza. La Lega ha tutto l’interesse a tenere la situazione così”

asf“Piena solidarietà e vicinanza ai due autisti aggrediti: da parte nostra ci sarà sempre la ferma condanna di ogni forma di violenza contro chiunque. Che siano due lavoratori nell’esercizio delle loro funzioni, o che si tratti di una ragazza incinta che viene picchiata a sangue per strada dal suo compagno”, lo dicono Angelo Orsenigo e Tommaso Legnani, segretari provinciale e cittadino del Pd di Como, riferendosi all’episodio dei due autisti degli autobus di linea aggrediti nei giorni scorsi, ma anche a un altro efferato fatto di cronaca, ovvero l’ennesima aggressione di una giovane donna, avvenuta a Lipomo nelle stesse ore.
Per Orsenigo e Legnani “l’indignazione non è a doppio binario. Ma il forte sospetto è che la Lega non voglia risolvere deliberatamente i problemi, proprio per mantenere le situazioni difficili e quindi i consensi. A Como lo abbiamo già visto: solo interventi spot, come la famosa ordinanza sui senzatetto, le panchine rimosse in piazza San Rocco, la nostra mozione sui lavori socialmente utili per i migranti respinta… Salvini venga pure in città e porti soluzioni, smettendola con la campagna elettorale. Ora fa il ministro”.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Notizie da Como, Sicurezza, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento

Tremezzina, Orsenigo (Pd): “Un grande risultato dei nostri parlamentari e del Governo Pd”

Tremezzina“Il via libera alla manifestazione di volontà d’intesa per la definizione del progetto esecutivo della variante alla Tremezzina dato stamani da Regione Lombardia è un grande risultato prima di tutto dei nostri parlamentari Mauro Guerra e Chiara Braga, ma anche del Governo del Pd che ha guidato l’Italia in questi ultimi 5 anni”, lo afferma Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd e segretario provinciale del partito a Como, apprendendo la notizia dell’ok definitivo alla variante da parte della Regione.
“Se oggi quest’opera si può dire ormai avviata, è grazie alla tenace volontà dei parlamentari comaschi e alla capacità del Governo e del suo Ministro Delrio di rispondere alle esigenze del Paese. Anche Regione Lombardia ha fatto la sua parte in questa importante battaglia per il territorio comasco e dell’Alto lago”, conclude Orsenigo.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Tremezzina, Guerra e Braga: “Procedimento d’intesa chiuso quanto prima, grazie al Governo Pd e al Ministro Delrio”

tremezzina“Un altro passo avanti sulla strada della realizzazione della variante alla Tremezzina è stato fatto. Si sta così completando il percorso dell’intesa Stato-Regione”, è soddisfatto Mauro Guerra, parlamentare uscente del Pd, dopo aver appreso la notizia che Regione Lombardia ha dato il via libera alla manifestazione di volontà d’intesa per la definizione del progetto esecutivo.
“Da notizie che ho, mi risulta che il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti chiuderà il procedimento d’intesa quanto prima – continua Guerra –. Regione Lombardia ha fatto la sua parte, Anas ha già dato l’incarico per la progettazione esecutiva e conferma la possibilità di emettere il bando entro la fine di quest’anno. L’obiettivo è di aggiudicare e cantierare i lavori entro il 2019. Poi serviranno circa 5-6 anni per vedere l’opera finita”.
Guerra, sindaco di Tremezzina, ci tiene anche a ricordare l’iter della variante: “Il Governo Renzi, assieme al Parlamento, ha stanziato i primi 210 milioni di euro, inserendoli nel decreto Sblocca Italia e avviando così le procedure che hanno consentito di chiudere la progettazione definitiva. Come Comune abbiamo fatto un grande lavoro per recuperare il diniego della Sovrintendenza e presentare il progetto migliore possibile dal punto di vista dell’impatto ambientale. Adesso continueremo a spingere e lavorare per avviare e completare l’opera. Ringrazio il Ministro Del Rio che ha seguito sempre con grande impegno e determinazione la vicenda in Conferenza dei servizi e tutto il percorso”.
Plaude alla novità e all’impegno dei Governi di centrosinistra anche l’on. Chiara Braga, parlamentare del Pd: “Sono molto soddisfatta del risultato a cui siamo arrivati e per il quale con il collega Mauro Guerra ci siamo spesi molto in questi anni. È un segnale concreto di attenzione che il Governo ha avuto per il territorio comasco e per una richiesta che era ormai diventata più che urgente. Ora, proseguiamo nell’iter che, al saldo dei tempi tecnici, penso possa procedere senza intoppi”.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Rebbio, Lissi: “Via Varesina è il progetto di Lucini? E la rotonda di via Lissi che fine farà?”

varesinaUn’interrogazione per chiarire se il progetto della Giunta Lucini per via Varesina è stato cambiato e per capire che fine farà la rotonda di via Alfonso Lissi. L’ha depositata Patrizia Lissi, consigliera comunale del Pd, che spiega: “Si sta diffondendo la notizia che, grazie all’attuale amministrazione comunale, i commercianti di via Varesina possono tirare un sospiro di sollievo, perché sono stati ripristinati i parcheggi ed è stato tolto lo spartitraffico: niente di più sbagliato. Tant’è che l’attuale assessore mi ha confermato che non ci sono stati cambiamenti al progetto pensato dalla Giunta Lucini. Voglio ricordare, infatti, che questa ristrutturazione viene fatta grazie all’accordo fatto dall’assessore Spallino con Esselunga per l’area ex Trevitex”.
Tuttavia, la conferma è stata fatta “in via informale, a voce, mentre quando in consiglio comunale ho chiesto chiarimenti davanti alla stampa e ai colleghi a proposito del progetto, è calato, come sempre, il silenzio. Ormai sono abituata alle non risposte – continua Lissi –. Penso, però, che non sia giusto nei confronti nostri e soprattutto dei cittadini. Ecco perché ho presentato l’interrogazione: voglio cercare di avere informazioni veritiere e che dissipino dubbi”.
La consigliera Pd si dice, inoltre, preoccupata per un altro intervento che dovrebbe essere fatto a Rebbio e di cui chiede lumi nell’interrogazione: “Ma la rotonda della via Alfonso Lissi si farà o no? Naturalmente, non è stato indetto nessun incontro pubblico, come facevamo noi con l’amministrazione Lucini, ma solo incontri ‘privati’, che non sono certo un bell’esempio di democrazia, trasparenza e partecipazione”.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Viale Varese, Legnani: “No a nuovi parcheggi. Invece illuminazione e arredo urbano”

vareseLo aveva già anticipato e lo ribadisce: per Tommaso Legnani, segretario cittadino del Pd di Como, “non ha senso aggiungere altri posti auto in viale Varese, attirando ulteriore traffico vicino al centro e peggiorando la qualità dell’aria e della vita. In città c’è sicuramente bisogno di parcheggi, ma allora meglio progettarli in viale Innocenzo XI: le possibilità sono l’ex Danzas, l’ex scalo merci, l’ex Stecav, oltre eventualmente alla Ticosa, qualora l’area ritorni al Comune”.
Legnani spiega anche perché quello del Pd è un ‘no’ all’incremento di posteggi proprio sotto le mura: “Aggiungere 86 nuovi posti auto vorrebbe dire sacrificare molto del verde attuale e quindi peggiorare lo spazio vitale esistente. E oltre tutto con molti dubbi sulla convenienza economica di una simile scelta per il Comune”.
Anzi, il segretario annuncia che il Gruppo in consiglio comunale presenterà prossimamente “una mozione per chiedere di riqualificare tutta la zona delle mura, come avevamo proposto nel nostro programma elettorale, partendo dall’illuminazione architettonica di tutta la cinta e delle torri e inserendo nuovi arredi urbani in tutti i giardini lungo il perimetro murato”.

Pubblicato in Idee e politica, Mobilità, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Tangenziale, Orsenigo: “Chi non ha voluto renderla gratuita? Intanto Fontana prende tempo e brancola nel buio”

tangenziale como ritagliata“Il termine del primo giugno per rendere gratuita la tangenziale, tanto sventolato da Maroni in campagna elettorale, dopo aver già rinviato la data da gennaio, salta: ce lo ha fatto sapere l’assessore all’Ambiente. Che succederà adesso? E che cosa intende fare Fontana per mantenere la promessa?”, se lo è chiesto Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd, dopo aver appreso la notizia, al termine della conferenza stampa che si è tenuta a Como per la presentazione della Giornata del Verde Pulito 2018, cui ha partecipato anche l’assessore regionale.
Inoltre, Cattaneo ha detto, rispetto alla gestione degli ultimi anni, che, considerato che “nel Piano economico finanziario si sosteneva che i miglioramenti economici nel corso di realizzazione dell’opera si sarebbero dovuti primariamente destinare alla riduzione o abbattimento del pedaggio, e i miglioramenti ci sono stati, ad esempio la defiscalizzazione concessa dallo Stato già nel 2015, sarebbe stato opportuno operare con il Cipe per destinare lì le risorse. Peccato che società concedente Cal e società concessionaria Pedemontana della tangenziale hanno tralasciato questo obiettivo. Ma ci chiediamo: Cal, almeno per il 50%, e Pedemontana non sono società regionali? Quindi, di chi è stata la volontà di non procedere verso la gratuità del pedaggio, considerato che un assessore regionale è venuto a dirci che si sarebbe potuta applicare ben prima di adesso?”.
Per tutta risposta, “Fontana prende tempo e rinvia alle calende greche il momento in cui verrà deciso qualcosa in merito alla gratuità della tangenziale”, aggiunge Orsenigo, dopo le dichiarazioni del presidente lombardo.
“Secondo lui, bisogna prima cercare di capire come portare avanti il discorso della Pedemontana, dopo di che prenderà un provvedimento definitivo anche circa la tangenziale e il suo pedaggio. Non ha detto nulla di più, ma è sufficiente per capire che brancola nel buio. E intanto le date fissate a suo tempo da Maroni e già smentite dall’assessore Cattaneo, slittano all’infinito. Ma così proprio non funziona: Presenterò una interrogazione per avere risposte precise sia sui tempi, sia sulla gratuità. Inoltre, incontrerò i sindaci comaschi per fare fronte comune in merito a eventuali azioni di intraprendere. Chiedo agli altri consiglieri regionali di schierarsi e di condividere questa battaglia importante per le nostre comunità e per tutto il territorio”, conclude Orsenigo.

Pubblicato in Blog Dem, Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento