Archivi categoria: Idee e politica

Turismo sul lago, Gaffuri: “Nuovo rilancio grazie al cofinanziamento, ma il Comune ‘rischia’ i giardini a lago”

alto lagoSi è parlato di turismo sul lago di Como, a Palazzo Lombardia, a Milano, durante un incontro che affrontava appunto le prospettive di sviluppo turistico del Lario.
“Due sono le linee di intervento individuate dalla Regione ed elaborate dal Comune di Como, per un investimento totale di 1.226.094 euro, di cui 591.094 di cofinanziamento regionale e 635.000 di cofinanziamento comunale – fa sapere Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd –. La prima riguarda l’infrastrutturazione e prevede un forte investimento sull’area dei giardini a lago con l’avvio della riqualificazione, che aumenterà l’attrattività e la sicurezza dell’area, l’illuminazione pubblica, la razionalizzazione delle aree verdi per le quali è previsto un layout rinnovato. Si affiancheranno a questi interventi una serie di investimenti tecnologici quali l’estensione della rete wi-fi pubblica, federata a quella regionale, e il potenziamento del sito visitcomo.eu oltre alla creazione di una nuova App gratuita”.
Tutto bene? Non proprio, a giudicare dalle notizie apparse in questi giorni sui media comaschi: “Abbiamo appreso che il Comune di Como tergiversa sul finanziamento concordato con Regione Lombardia che riqualifica i giardini a lago e questo può comportare la perdita dell’intero finanziamento”, fa presente Gaffuri.
La seconda linea punta, invece, sulla “promozione turistica che si caratterizza per la stretta collaborazione con Explora, finalizzata a generare un’immagine unitaria delle capitali d’arte della Lombardia, mettendo a sistema il patrimonio delle singole destinazioni e valorizzando al contempo le specificità e le identità territoriali. L’obiettivo è di cambiare in meglio la percezione collettiva di Como attraverso strumenti e iniziative di comunicazione innovative”.
Il totale complessivo del cofinanziamento regionale – legato all’iniziativa ‘L’anno del turismo e le capitali d’arte – Progetto Cult City’, gestito da Giunta e Unioncamere Lombardia – è ripartito in 402.559 euro per le spese di infrastrutturazione e in 188.535 euro per le spese legate alla promozione turistica.
In generale, comunque, Gaffuri riconosce come “positiva la volontà, emersa durante l’incontro, di individuare un soggetto unitario, la cui forma giuridica verrà individuata nelle prossime settimane, per il coordinamento delle politiche di sviluppo e di comunicazione del lago di Como”.
Quello che, invece, assieme al collega di Lecco Raffaele Straniero, Gaffuri ha chiesto è una “maggiore integrazione tra il trasporto e il turismo, a partire dallo sviluppo della linea Lecco-Como, che già conta pochissime corse e in orari poco affini alle esigenze dei turisti, soprattutto la domenica”, e ha anche sottolineato l’importanza di “prestare attenzione non solo al turismo lacuale, ma anche a quello del comparto montano”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Idee e politica, Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Mobilità sostenibile, Braga: “Un milione di euro al progetto della Ciclo metropolitana saronnese che coinvolge anche Rovellasca, Rovello Porro, Turate e Parco del Lura”

cms ciclabile saronno como“La Commissione Ambiente della Camera ha dato il via libera al decreto ministeriale di riparto delle risorse del ‘Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa–scuola e casa–lavoro’, promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio in attuazione del Collegato l’articolo 5 della legge 28 dicembre 2015, n. 221 (cosiddetto collegato ambientale), una delle leggi più importanti in campo ambientale approvate in questa legislatura”. Lo rende noto la deputata comasca Chiara Braga che ha seguito da vicino il provvedimento e spiega come il “il Bando redatto dal Ministero ha messo a disposizione 35 milioni di euro coinvolgendo complessivamente 483 enti locali su tutto il territorio nazionale, con 109 progetti ammessi su 114 progetti presentati”.
Tra i vincitori, collocato all’undicesimo posto della graduatoria redatta dall’apposita Commissione di valutazione, annuncia la Braga, “c’è il progetto della Ciclo metropolitana saronnese (C-M-S), che ha ottenuto un cofinanziamento del Governo pari a 1 milione di euro per sviluppare un sistema di mobilità intermodale del territorio saronnese, coinvolgendo 11 Comuni collocati su 4 province a 30 chilometri da Milano, Como, Monza e Varese. Capofila del progetto è il Comune di Saronno, mentre per il territorio comasco ci sono i Comuni di Rovellasca, Rovello Porro e Turate, e il Parco del Lura”.
“Un ottimo risultato – continua la deputata dem – che ha premiato la qualità del progetto della Ciclo metropolitana saronnese. Un riconoscimento importante alla capacità dei Comuni e dei soggetti del territorio di lavorare insieme. Un metodo di lavoro che permette di fare squadra e di competere anche con città ben più grandi e soprattutto di cogliere le opportunità di finanziamenti importanti sul fronte della mobilità e della sostenibilità ambientale. Abbiamo sollecitato al Ministero dell’Ambiente a emanare in tempi rapidi il decreto ministeriale per dare subito avvio all’attuazione del progetto, chiedendo di individuare nuove risorse per completare il finanziamento degli altri progetti non finanziati in questa fase, e per sostenere l’attività dei Comuni sui progetti di mobilità sostenibile”.
Il progetto della Cms, dell’importo complessivo di 2.080.000 euro, ha l’ambizione di creare una vera rete di trasporto ciclistico sovracomunale e incentivare le scelte di mobilità alternativa all’uso dell’auto privata, per ridurre il traffico veicolare e l’inquinamento generato. L’obiettivo è completare, riqualificare e mettere a regime la fitta rete di percorsi pedonali e ciclabili, che riguardano il territorio a partire dalla stazione centrale di Saronno, da cui si diramano i percorsi ciclabili urbani ed extraurbani e il car-sharing elettrico gestito da Fn Mobilità Sostenibile – EVai.
A fianco al completamento della rete ciclista, le azioni di sistema si concentreranno sulle scuole primarie e secondarie con un focus particolare sulle secondarie di secondo grado presenti nella città di Saronno, considerata come polo dell’istruzione a servizio di tutti i comuni della Cms. Sul fronte legato al mondo del lavoro, gli strumenti urbanistici di analisi e programmazione della mobilità, fotografano un territorio tipicamente strutturato sul pendolarismo verso la città di Milano, oltre che direzionato alle imprese e attività terziarie di notevole capacità attrattiva presenti nell’area.
Le nuove infrastrutture della ciclabilità ruoteranno intorno alla città di Saronno e avranno come percorso privilegiato il recupero dell’ex ferrovia Saronno-Seregno, oggi sostituita da un nuovo bypass ferroviario. Il tracciato verrà recuperato come greenway formata da una pista ciclabile a corredo di un nuovo parco lineare che attraverserà la città da est ad ovest tra il Parco del Lura e il Parco Groane.
Molte le azioni di sistema previste nel progetto: dal  car sharing al car pooling, i pedibus (già attivi in molte realtà comunali), dai buoni mobilità all’educazione ambientale e stradale con uscite didattiche e corsi di guida ecologica. Inoltre, i cittadini appartenenti ai comuni dell’accordo, in primis studenti delle scuole secondarie, lavoratori, pendolari, universitari beneficeranno di numerosi vantaggi dalla partecipazione diretta al progetto. Le infrastrutture garantiranno un risparmio di tempo negli spostamenti interni al saronnese oltre a positive ricadute dal punto di vista ambientale.

Pubblicato in Blog Dem, Cultura e sport, Idee e politica, Notizie dal Parlamento, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Giardini a lago, Fanetti, Lissi, Guarisco: “La Giunta Landriscina rischia di perdere i finanziamenti, ma chiama Sgarbi”

giardini a lago“Forse i nuovi amministratori del Comune di Como non si rendono conto che mandando a gambe all’aria i progetti che erano stati così ben avviati dalla Giunta Lucini, rischiano di perdere completamente i finanziamenti. Piacciano o meno, queste opere non possono finire in un flop a causa delle posizioni più ideologiche che altro di Landriscina e dei suoi assessori”, sono preoccupati Stefano Fanetti, Patrizia Lissi e Gabriele Guarisco, consiglieri comunali del Pd, dopo aver appreso che l’ennesimo intervento della precedente amministrazione rischia uno stop da parte della nuova Giunta.
“Ci pare appena il caso di ricordare al sindaco che esiste un cofinanziamento regionale per la realizzazione dei giardini a lago, per 380mila euro, oltre ai soldi che ci ha messo il Comune, pari a quasi un milione di euro – proseguono i tre consiglieri –. Ma soprattutto, l’intera cifra regionale rischia di scomparire: esiste una convenzione tra Unioncamere e il Comune di Como che indica che Unioncamere è tenuta a erogare un acconto del 50% del contributo massimo totale concesso, entro 60 giorni dalla sottoscrizione della convenzione e il restante saldo entro 60 giorni dalla trasmissione della rendicontazione finale del Programma di intervento definitivo e previa verifica tecnico–contabile della rendicontazione trasmessa. Perciò, il Comune è tenuto a concludere i progetti inseriti nel Programma di intervento entro 12 mesi dalla data di sottoscrizione della convenzione, che è avvenuta il 22 novembre 2016, fatta salva la concessione dell’eventuale proroga di sei mesi. In sostanza, il termine massimo è il 22 maggio 2018”.
Per Fanetti, Lissi e Guarisco è incomprensibile come “Landriscina e i suoi possano solamente pensare a come distruggere quanto fatto finora: niente piste ciclabili, i lavori di riqualificazione di Villa Olmo visti quasi come fumo negli occhi, ora nemmeno i giardini a lago! Ma intanto si pensa a chiamare il critico Sgarbi, che non lavora certo gratis, per fare ciò che si può fare bene da soli, affidandosi a esperti del territorio, o per lo meno previo ascolto delle tante nostre associazioni che si occupano di cultura e arte. L’impressione è che a Palazzo Cernezzi regni la confusione più totale”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Cultura e sport, Idee e politica, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Lombardia-Grigioni, Gaffuri: “Ok alla ratifica, ma mancano temi come cabotaggio e integrazione tariffaria”

italia svizzeraOk alla ratifica, da parte del consiglio regionale, dell’intesa tra la Regione Lombardia, la Provincia di Sondrio e il Canton Grigioni per lo sviluppo del traffico pubblico regionale e transfrontaliero e della sua componente turistica.
“È un accordo importante per quanto riguarda la mobilità, sia per chi si reca da una parte all’altra del confine per motivi di lavoro, sia, in particolare, per lo sviluppo turistico di questi territori – commenta Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd e segretario della Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica –. È un’istanza che avevo portato a Poschiavo, nell’incontro di qualche tempo fa. Ritengo, infatti, importante l’attività di dialogo che c’è stata in questi anni. Ed è altrettanto importante che il monitoraggio degli accordi presi sia portato avanti con continuità”.
Tuttavia, mancano degli aspetti importanti al rapporto di buon vicinato che si sta instaurando con i Grigioni, secondo Gaffuri: “Non sappiamo ancora nulla a proposito della questione del cabotaggio, che coinvolge Lombardia, Canton Ticino e Canton Grigioni. Inoltre, il tema dell’integrazione tariffaria diventa centrale se vogliamo agevolare il trasporto pubblico”.
Gaffuri ha espresso rammarico anche per il fatto che “ancora una volta, all’incontro della scorsa settimana con i Grigioni, Regione Lombardia non è arrivata puntuale: avendo rinviato la seduta di consiglio, l’accordo che approviamo solo ora non era ancora operativo. Ma sarebbe stato meglio portare all’incontro l’intesa già ratificata”. Non solo: Gaffuri si è detto anche molto stupito che “l’argomento non sia stato trattato nella Commissione speciale, nata a inizio legislatura proprio con il compito di affrontare le problematiche a cavallo del confine. Invece, l’ultima volta che ci siamo visti era il 29 marzo, quando abbiamo incontrato i nostri omologhi ticinesi a Bellinzona. Forse, a fine legislatura sarà necessario interrogarsi sull’opportunità di mantenere questa e altre commissioni speciali attivate”.

Pubblicato in Cultura e sport, Economia e lavoro, Idee e politica, Mobilità, Notizie dalla Regione, Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Mafia, Braga: “A Cantù serve una forte presa di posizione, corale e unitaria”

mafia la provinciaQuesta la risposta dell’on. Chiara Braga, parlamentare del Pd, alle parole, apparse sui media, degli esponenti leghisti dopo quanto emerso a Cantù sul fenomeno mafioso.

«“Parabullismo mafioso”: ma di fronte agli arresti di questi giorni e ai legami inquietanti che sono emersi con fatti che purtroppo hanno toccato pesantemente la città di Cantù, può essere questa la reazione di chi oggi governa la città?
Al collega Nicola Molteni che invoca un interessamento della Commissione Antimafia, suggerirei sommessamente di informarsi sul lavoro di indagine che in questi anni ha già fatto quella Commissione – in cui peraltro siedono anche componenti del suo partito – sulla presenza della criminalità organizzata nel nord Italia e in Lombardia.
Forse scoprirebbe che proprio dal lavoro di quella Commissione sono emersi spunti e proposte poi confluiti nella recente revisione del Codice Antimafia, approvato proprio questa settimana alla Camera, con la soddisfazione di tutti i soggetti impegnati in prima linea sul fronte del contrasto alle mafie e su cui lui e la Lega si sono “astenuti”.
Sarebbe bello che su questi fatti proprio chi oggi guida la città di Cantù avesse la volontà di promuovere una forte presa di posizione, corale ed unitaria, come hanno suggerito di fare nei giorni scorsi i consiglieri comunali del Partito democratico di Cantù.
Perché all’azione di duro contrasto delle forze di polizia, della magistratura e delle istituzioni è importante che si associ la reazione civile dei cittadini e della comunità, per isolare e combattere non solo le azioni criminali ma anche quella cultura dell’indifferenza e del silenzio complice, in cui spesso trovano spazio la legge del più forte e del più furbo, la violenza e l’illegalità».

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como, Notizie dal Parlamento, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Piccoli comuni, Guerra: “Novità che tutelano la vera forza del nostro Paese”

piccoli comuni“Il Senato ha approvato in via definitiva la legge che tutela e valorizza i piccoli comuni vera forza del nostro Paese. Una legge per la riqualificazione e il sostegno dei Comuni con meno di 5.000 abitanti (o derivanti dalla fusione di 2 o più Comuni ciascuno dei quali con meno di 5.000 abitanti). Si tratta di un provvedimento che interessa 5.585 comuni che costituiscono il 57% del territorio nazionale, in cui vivono 10 milioni di cittadini ed operano oltre 400mila aziende agroalimentari. È il territorio della green economy e anche del Made in Italy”, spiega l’on. Mauro Guerra, parlamentare del Pd.
Ecco le principali norme previste dal provvedimento: viene istituito un Fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale dei piccoli comuni, con una dotazione di 100 milioni: 10 milioni per l’anno 2017 e 15 milioni di euro l’anno dal 2018 al 2023. Il governo dovrà varare un Piano per la riqualificazione dei piccoli comuni finalizzato alla manutenzione del territorio, alla messa in sicurezza delle strade e degli edifici pubblici (tra cui le scuole), all’efficienza energica e alla promozione delle energie rinnovabili, all’acquisizione e alla riqualificazione di terreni ed edifici in stato di abbandono, alla ristrutturazione dei centri storici, al miglioramento dei trasporti; i piccoli comuni potranno individuare all’interno dei centri storici zone di particolare pregio in cui realizzare interventi pubblico-privati di riqualificazione e contro lo spopolamento, anche con la conversione in alberghi diffusi. Potranno inoltre acquisire terreni, immobili e case cantoniere abbandonati e promuovere la realizzazione di centri multiservizi per rendere più agevole agli abitanti l’accesso ai servizi postali, al pagamento dei tributi, ai trasporti e garantire la promozione turistica; le amministrazioni potranno lavorare per accedere alla banda ultra-larga, rientrando nelle aree cosiddette ‘a fallimento di mercato’ e promuovere l’artigianato digitale; i piccoli comuni potranno promuovere mercati locali per i prodotti agroalimentari della filiera corta; è inoltre previsto un piano per l’istruzione destinato alle aree rurali e montane, per la messa in rete delle scuole e la progressiva informatizzazione dei servizi.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Notizie dal Parlamento, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Addio a un sindaco indimenticato ed esemplare

spallinoSindaco, avvocato, sportivo, politico illuminato e uomo di grande spessore che ha sempre anteposto il bene della città a ogni altra cosa. Un esempio per tutti noi che rimarrà sempre da seguire. Vogliamo ricordarlo in ogni sua veste, Antonio Spallino, nostro indimenticato primo cittadino, scomparso all’età di 92 anni.
E ci piace anche ricordare che ha sempre avuto il coraggio delle sue scelte, a partire dalla pedonalizzazione del centro storico che, in un’epoca dove a dominare erano ancora le macchine, aveva visto lontano e capito che tra le mura non poteva più passare il traffico, ma solo i pedoni, residenti, visitatori, turisti, in un’ottica di città ben diversa e all’avanguardia. O quando era intervenuto per preservare l’ecosistema e l’unicità della Spina Verde. In modo limpido e senza polemiche, tanto che era stimato anche dalla sua opposizione.
Antonio Spallino mancherà alla città di Como e non può che lasciare un vuoto non facilmente colmabile.

Pubblicato in Blog Dem, Idee e politica, Notizie da Como | Taggato , , , , | Lascia un commento

Infiltrazioni mafiose, Orsenigo: “Serve opera di prevenzione. E la politica denunci sempre i casi sospetti”

Cantù“La notizia di un’ennesima vicenda di infiltrazioni mafiose in Lombardia ci sconvolge, soprattutto sapendo che questa volta è avvenuta sulla porta di casa: proprio qui, nel cuore della provincia di Como, dove l’operosa comunità di Cantù veniva tenuta in scacco dalla criminalità organizzata. Una situazione inaccettabile per chiunque creda nella democrazia e nella legalità”, sono dure le parole di Angelo Orsenigo, segretario provinciale del Pd, a commento della notizia degli arresti e della rete mafiosa che si era sviluppata in Brianza e nel comasco in particolare.
“Il compito della politica è di denunciare sempre casi sospetti e di tenere le distanze da chiunque non dimostri assoluta e limpida chiarezza nelle sue azioni e intenzioni”, aggiunge Orsenigo, ricordando che a Cantù, durante un consiglio comunale, “gli esponenti del Partito democratico avevano già avuto modo di segnalare movimenti e personaggi sospetti, soprattutto nelle serate di maggiore affollamento della piazza centrale. Ma sono ovviamente rimasti inascoltati”.
Adesso non resta che attendere il lavoro della Magistratura “per capire fino a dove si era spinta l’ndrangheta sul nostro territorio. Ma nel frattempo noi non staremo a guardare e spingeremo per un’opera di prevenzione assoluta del fenomeno, cominciando dalle scuole, dai più giovani, dagli operatori economici. E invitando la politica e le istituzioni a chiamarsi fuori da fatti non chiari e sospetti prima e non dopo che accadano”, conclude il segretario Pd.

Pubblicato in Idee e politica, Notizie da Como, Territorio | Taggato , , , | Lascia un commento

Imprese, Gaffuri e Mosca: “Europa più vicina per aiutare le nostre aziende”

visita moscaUna giornata di visita sul territorio comasco, in particolare nel marianese-canturino, per l’europarlamentare Alessia Mosca, accompagnata da Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, e dai rappresentanti del Pd comasco.
Dopo l’inaugurazione della nuova scuola primaria ‘G. Del Curto’, a Mariano Comense, la delegazione ha proseguito gli incontri con alcune aziende del territorio. L’on. Mosca è, infatti, membro della Commissione per il Commercio internazionale del Parlamento europeo e non è la prima volta che incontra le attività produttive del comasco, proprio per conoscere le esigenze e informare sulle novità a livello di Ue.
“Abbiamo potuto vedere da vicino la capacità di innovazione e internazionalizzazione delle nostre aziende – ha detto al termine delle visite Gaffuri –. È importante il rapporto diretto con i rappresentanti europei, come Alessia Mosca, per l’importanza dei trattati commerciali in discussione, che ricadono anche sulle nostre aziende, e per la possibilità di cogliere l’opportunità di finanziamenti europei”.
L’europarlamentare ha, invece, spiegato il motivo delle sue visite che “è proprio quello di creare un collegamento, per raccontare quali sono le attività, a livello di europeo, per rendere più vicina questa istituzione alle aziende del territorio. Viceversa, queste sono occasioni da cui poi scaturiscono anche visite di imprenditori e amministratori in Parlamento. Perché è importante conoscere meglio chi fa che cosa e per rendere più produttivo il nostro lavoro”.
La Mosca ha sottolineato come uno dei primi punti dell’agenda politica europea sia proprio quello del commercio internazionale. “Abbiamo diverse trattative e negoziati a livello mondiale, in corso, e proprio in queste ore è entrato in vigore l’accordo con il Canada. Le aziende che abbiamo visitato ci hanno dimostrato quanto sia importante essere informati e aggiornati, tant’è che ci hanno chiesto regole certe altrimenti c’è il rischio del far west”.

Pubblicato in Economia e lavoro, Idee e politica, Notizie dall'Europa, Territorio | Taggato , , , , | Lascia un commento

Ambiente, Braga: “In Commissione auditi Protezione civile e Ilva, due impegni del Pd in questa legislatura”

Protezione_Civile“Sono stati auditi, in Commissione Ambiente di Montecitorio, il capo Dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli e i commissari straordinari del Gruppo Ilva di Taranto. Due questioni importanti di cui il Pd si è occupato lungamente in questa legislatura e che dimostrano tutto il nostro impegno per la cura del nostro territorio, la salute dei cittadini e lo sviluppo del Paese nel rispetto dell’ambiente”. Lo afferma l’on. Chiara Braga, deputata comasca del Pd e prima firmataria della legge delega al Governo per il riordino del Sistema nazionale di Protezione civile.“Personalmente, oltre ad aver seguito i vari provvedimenti sull’Ilva, ho proposto e seguito in Parlamento l’iter della legge delega sul riordino della Protezione civile approvata a febbraio di quest’anno. Oggi sono in fase di scrittura i decreti attuativi da parte del Governo: siamo di fronte a un passaggio decisivo per cogliere la sfida di rafforzare ulteriormente il sistema della Protezione civile che in questi anni ha dovuto gestire ripetute calamità, fornendo strumenti e modalità di organizzazione ancora più efficaci per rispondere alle aspettative di cittadini, istituzioni e imprese davanti a quella che è una priorità e un’opportunità nazionale: quella della cura dal dissesto idrogeologico”.

Pubblicato in Ambiente e agricoltura, Economia e lavoro, Idee e politica, Notizie dal Parlamento | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento