Regolamento di polizia, ok al rinvio, ma più rispetto per l’Aula: per 120 emendamenti serve tempo

polizialocale“Nessun problema a rinviare le due sedute previste di consiglio comunale sul nuovo regolamento di polizia urbana, ma la Giunta doveva prevederlo che ci sarebbe voluto più tempo per esaminare 120 emendamenti”, ne fanno una questione di metodo e di rispetto dell’Aula, Stefano Fanetti, Patrizia Lissi e Gabriele Guarisco, consiglieri comunali del Pd, ma l’annullamento delle due sedute di consiglio non passano inosservate.
“Alle 11.56 è arrivata la email con l’ordine del giorno per la sera, alle 13.56 è arrivata l’email con l’annullamento delle sedute – rivela Lissi –. Complimenti per l’organizzazione e per il rispetto verso i consiglieri”.
E Fanetti aggiunge: “Era ovvio che ci voleva tempo ad analizzare gli emendamenti. Tant’è che già il giorno prima si poteva procedere con l’annullamento delle sedute, se non altro per il fatto che anche in maggioranza si erano levate voci in questo senso”.
Quindi, “ben venga il rinvio, ma ancora una volta qualcosa ci dice che l’intenzione era di ignorare completamente la presenza di forze politiche nella loro casa, cioè il consiglio comunale. Apprezziamo, perciò, il gesto, e vorremmo che diventasse la normalità”, conclude Guarisco.

Articolo scritto in Idee e politica, Istituzioni, Notizie da Como, Sicurezza, Territorio e con i tag , , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>