Treni, Orsenigo : “Maggiore attenzione da Trenord e controllo da parte della Regione”

trenord“Tre ore per fare i 40 chilometri che separano Cantù da Milano rappresentano una situazione non accettabile”, lo dice Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd, riferendosi ai disagi che stanno vivendo i pendolari comaschi che fruiscono della linea ferroviaria S-11 Chiasso-Como-Milano-Rho. A causa di lavori sulla linea a opera di Rfi, il servizio sostitutivo tra Carimate e Como organizzato da Trenord “è così raffazzonato che i viaggiatori stanno ore per strada e perdono regolarmente tutte le coincidenze”, aggiunge Orsenigo.
“Ancora una volta, chi paga le conseguenze di questi interventi sono i pendolari – incalza il consigliere Pd –. Intendiamoci: questi lavori vanno assolutamente fatti, ma tenendo conto degli eventuali disagi che devono essere superati da soluzioni alternative e dei quali chi usa i mezzi deve essere ampiamente informato. Perciò, a Trenord chiediamo che metta a disposizione i bus necessari e a Regione Lombardia di pretendere dalla sua controllata di garantire la puntualità”.
Non è l’unica ‘falla’ nel sistema dei trasporti su rotaia della provincia di Como: “Come Pd, stiamo raccogliendo le firme affinché non vengano chiuse le biglietterie di Lomazzo e di Mariano Comense, decisione presa sempre da Trenord dentro una sorta di piano di razionalizzazione. Ma sarebbe un danno perché rappresentano non solo un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono viaggiare e per i quali non è sufficiente fare il biglietto alla macchinetta, ma anche un presidio di sicurezza per la linea e per il territorio”, conclude Orsenigo.

Articolo scritto in Blog Dem, Economia e lavoro, Mobilità, Notizie dalla Provincia, Territorio e con i tag , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>