Guerra e Braga scrivono al Ministro Lorenzin

gravedona-ospedaleL’ospedale Moriggia Pelascini insieme al suo Dipartimento di Maternità hanno ragione di esistere perché rappresentano per l’area del centro e alto lago di Como un punto di riferimento sanitario importante volto a tutelare quei livelli di assistenza sanitaria indispensabili per consentire al territorio una qualità e sicurezza minima garantita anche nell’importante e fragile ambito della maternità”.  E’ questo il cuore della lettera inviata questa mattina dai deputati comaschi del Partito Democratico, Mauro Guerra e Chiara Braga al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

“Come rappresentanti del territorio comasco – chiariscono Guerra e Braga – abbiamo scritto alla ministra della Salute Lorenzin affinché possa valutare accuratamente, e speriamo positivamente, l’opportunità di concedere la deroga prevista, così come già richiesta da Regione Lombardia, per mantenere in attività il punto nascita dell’ospedale Moriggia-Pelascini di Gravedona ed Uniti”.

“L’eventuale decisione di chiusura del punto nascita del “Moriggia-Pelascini” – sostengono i parlamentari  democratici – comporterebbe, inevitabilmente, pesanti ricadute sia in termini di ridimensionamento dei servizi ospedalieri basilari in ambito ostetrico-ginecologico e pediatrico offerti alla popolazione in un territorio montano disagevole quale è, di fatto, il centro  e alto lago di Como occidentale con le sue vallate, che di creazione di forti disagi e rischi alle partorienti della zona, le quali per raggiungere i punti nascita più vicini impiegherebbero non meno di 45 minuti e fino anche alle due ore. Senza poi contare le conseguenti ripercussioni negative attinenti i livelli occupazionali dell’ospedale stesso”.

I deputati Guerra e Braga tengono a precisare che “Non c’è da parte nostra alcuna volontà di creare dualismi e contrapposizioni locali a favore o a discapito degli altri punti nascita lombardi messi a repentaglio. La nostra speranza è che il ministro della Salute compia una valutazione attenta delle maternità a rischio chiusura considerando il contesto geografico e sociale in cui questi specifici punti sono collocati e le eventuali importanti conseguenze, soprattutto per i cittadini, di una loro soppressione. Ciò che va evitato è il pericolo di marginalizzare dal punto di vista sanitario quei territori particolari come appunto il centro e alto lago di Como”.

Lettera Ministro Lorenzin – Punto nascita Ospedale Gravedona ed Uniti

Articolo scritto in Blog Dem, Notizie da Como, Sanità e welfare e con i tag , , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>