Tangenziale di Como si torna al primo progetto

pedemontana2--400x300A Villa del Grumello a Como si è tenuto il tavolo della competitività chiamato a discutere anche del futuro della tangenziale di Como. Tra i presenti anche l’architetto Regalia, ex amministratore di Pedemontana e consulente del comitato dell’autostrada Varese – Como – Lecco, il quale ha proposto il completamento della tangenziale utilizzando, per il secondo lotto, la soluzione della canna unica, come già successo per la superstrada Valcamonica – Edolo. In questo modo si dà senso alla tangenziale favorendone l’utilizzo anche attraverso la riduzione del costo del pedaggio. Altro aspetto sottolineato da Regalia è la riqualificazione della provinciale Novedratese. “Finalmente si ragiona tenendo conto della status quo del territorio – dichiara il consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri -, e si parte per il secondo lotto da un progetto già delineato abbandonando così alternative che si riducono a semplici linee tracciate sulla carta. È inoltre necessario riqualificare la provinciale Novedratese quale collegamento naturale tra Varese, Como, Lecco e Bergamo – aggiunge – che al momento rappresenta davvero l’unico collegamento reale e funzionante tra l’est e l’ovest della provincia di Como”.

Articolo scritto in Mobilità e con i tag , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>