Benzina, anomalia nei prezzi alla pompa. Gaffuri chiede la convocazione delle organizzazioni dei distributori

benzinaIl prezzo medio di vendita dei carburanti per autotrazione praticato alla pompa è significativamente più elevato nel territorio comasco che nelle altre province vicine (sino a 11 centesimi di euro per litro). Tale differenza, confermata anche dai dati rilevati dal Ministero dello Sviluppo Economico, non avrebbe motivazioni definite ma potrebbe addirittura nascere dalla volontà di sfruttare strumentalmente il beneficio recato dalla misura regionale del cosiddetto “sconto benzina” riservato ai territori di confine.

L’anomalia dei prezzi di benzina e gasolio più elevati in territorio comasco che altrove comporta una penalizzazione per gli utenti locali: innanzitutto per le imprese e i professionisti che per la loro attività debbono utilizzare ingenti quantità di carburante (ad esempio i tassisti) e non godono dello sconto regionale, destinato esclusivamente alle persone fisiche per uso privato; tuttavia il danno è patito anche da tutti gli altri consumatori quando devono rifornirsi di carburante in orari notturni o festivi con la modalità del self service (che non consente di fruire dello sconto regionale). “Poiché lo sconto carburante si basa, per la sua sostenibilità, su un equilibrio delicato tra i prezzi praticati sui due lati del confine italo-svizzero e sulla tutela delle risorse derivanti dall’imposizione sulla rivendita di carburanti - fa notare il consigliere Pd Luca Gaffuri che ha appena chiesto la convocazione di un’audizione congiunta in Consiglio regionale – ritengo opportuno  che le commissioni Bilancio e Attività produttive svolgano un approfondimento sui diversi aspetti connessi alla situazione evidenziata, attraverso la convocazione di un’audizione con i rappresentanti delle organizzazioni dei gestori dei punti di rifornimento FIGISC-Confcommercio e FAIB-Confesercenti della provincia di Como, delle imprese produttrici di carburante, Confindustria-Unione Petrolifera, le associazioni dei consumatori nonché il dirigente dell’Unità Operativa della D.G. regionale Presidenza responsabile della gestione della carta sconto benzina”.

Articolo scritto in Economia e lavoro e con i tag , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>