Frontalieri. Gaffuri: “Commissione Speciale sia vicina ai lavoratori in questo momento di passaggio”

frontalieri frecciaRegione Lombardia più vicina ai lavoratori frontalieri in questo difficile momento di passaggio. E per farlo non dovrà essere solo la Giunta a occuparsi della questione, ma anche l’apposita Commissione speciale istituita per regolare i rapporti tra Lombardia e Confederazione elvetica, in particolare, con il Canton Ticino. Lo dice Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, che di quella Commissione è il segretario, a proposito dell’accordo fiscale che porterà a una nuova tassazione dei lavoratori frontalieri.

“Sessantamila nostri lavoratori, soprattutto cittadini delle provincie di Como, Varese e Sondrio, sono preoccupatissimi per quello che accadrà e l’affollato incontro tenutosi a Malnate non ha dissipato tutti i dubbi, tanto meno le preoccupazioni – spiega Gaffuri –. Perciò, se la partita si gioca tra Stati e viene gestita direttamente dai Governi, è d’obbligo per noi, che rappresentiamo i cittadini a livello regionale, essere quanto meno a disposizione di coloro che vivono la condizione di frontaliere”. In che modo? È presto detto per Gaffuri: “La Commissione speciale continua a riunirsi abbastanza di rado, solo su sollecitazioni esterne e soprattutto non fa mai incontri bilaterali. È assurdo: è nata per regolare i rapporti tra due territori confinanti e con il Governo del Canton Ticino, che è il nostro omologo in questa partita assieme a quello dei Grigioni, ci siamo incontrati una volta sola all’inizio di questo mandato. Non è così che riusciremo a sbrogliare la matassa di una situazione che, ricordiamolo, è stata voluta prima di tutto dalla Svizzera e fomentata dalle forze politiche ticinesi”. Gaffuri fa, dunque, un appello al presidente della Commissione Formenti per “essere sempre a disposizione dei frontalieri, dei gruppi che li rappresentano, dei sindacati e degli amministratori del territorio, ma soprattutto per incontrare quanto prima i governanti ticinesi per affrontare le tante problematiche sul tavolo, cioè trasporti, parcheggi, dumping salariale, per fare qualche esempio, che vanno oltre alla questione della tassazione a questo punto tutta in mano italiana”.

Articolo scritto in Economia e lavoro e con i tag , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>