Sanità per frontalieri, Gaffuri: “Ecco i numeri di chi ha pagato”

Pfrontalieri frecciaagamento del servizio sanitario nazionale da parte dei frontalieri: “Adesso sappiamo anche quanti sono stati coloro che hanno già dovuto pagare e quanto hanno sborsato – annunciano Luca Gaffuri e Alessandro Alfieri, consiglieri regionali del Pd –: nel 2015, all’Asl della provincia di Sondrio hanno pagato in 5 per un totale di 6.170,79 euro; nel 2016, alla data del 24 febbraio, in quella che è diventata, nel frattempo, dopo la riforma sanitaria, l’Ats della Montagna, hanno pagato altri 5 iscritti per un totale di 4.924.94 euro”. Per quanto riguarda, invece, l’Ats Insubria, alla data del 26 febbraio, “i frontalieri che avevano pagato ‘per il rinnovo dell’assistenza sanitaria’, così viene definitiva, sono stati 25, per un totale di 58.817,73 euro – aggiungono i consiglieri Pd –. E ancora oggi abbiamo notizie di qualche altra richiesta di pagamento che ci fa sospettare che il numero stia salendo e la cifra lieviterà ben oltre le 70mila euro già non dovute. Questo è il punto, secondo noi: nessuno avrebbe dovuto sborsare per avere un servizio di cui ha diritto, come ha chiarito il Governo in Aula alla Camera”.

Ora, “in attesa della risposta del Ministero della Salute, che si è preso ufficialmente un impegno, chiediamo ancora una volta al presidente Maroni di applicare una moratoria e fermare queste richieste di pagamento. E intanto restituisca i soldi a coloro dai quali sono stati ingiustamente pretesi”, concludono Gaffuri e Alfieri.

Articolo scritto in Sanità e welfare e con i tag , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>