Variante Tremezzina. Guerra e Braga: “Paradossali le dichiarazioni e le lezioni di chi dopo anni di sole chiacchiere non ha fatto nulla rispetto alla soluzione di un problema o alla realizzazione di qualcosa”

Tremezzina“Leggiamo stupefatti le dichiarazioni apparse ieri sul quotidiano ‘La Provincia di Como’ in merito alla variante della Tremezzina. Risulta paradossale che il consigliere Pozzi si erga a fustigatore di presunti e inesistenti ritardi di un Governo, e di parlamentari che lo sostengono, che hanno avuto solo il merito, dopo anni di sole chiacchiere dei governi della parte politica cui Pozzi appartiene, di decidere che la variante vada fatta e conseguentemente di stanziare 210 milioni di euro per finanziarla, unico intervento in Lombardia nel decreto cosiddetto ‘Sblocca Italia’”. Lo dichiarano i deputati comaschi del Partito Democratico, Mauro Guerra e Chiara Braga che in merito alla polemica sulla variante innescata dal consigliere comunale di minoranza Pozzi precisano come “Ancor più paradossale è che si lanci un allarme proprio all’indomani di un nuovo atto di Governo e Parlamento che mette in sicurezza questo finanziamento, rispetto a possibili decadenze e revoche derivanti dal prolungarsi dei tempi dovuti alle criticità in cui è incorso, con il no della Soprintendenza, il percorso di approvazione del progetto definitivo”.

“La differenza – proseguono i deputati dem – è sempre tra chi apre bocca senza sapere bene di cosa parla, pensando comunque solo alla propaganda e alla critica strumentale, e chi lavora per risolvere i problemi e ottenere i risultati”. “È una delle peggiori tradizioni del nostro Paese, e non solo in politica, quella secondo la quale chi non ha fatto in realtà nulla rispetto alla risoluzione di un problema o alla realizzazione di qualcosa si elevi ad accusatore di presunti ritardi o altro, e impartisca lezioni sul come fare a chi le cose invece le sta facendo e i problemi li sta risolvendo”.

Articolo scritto in Notizie dalla Provincia e con i tag , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>