Pedemontana, Gaffuri: “Con la tangenziale a pagamento introiti molto bassi, la società può farne a meno”

TangenzialeTogliere il pedaggio della tangenziale di Como si può, perché la società Pedemontana Spa rinuncerebbe in tutto, secondo un’ipotesi fatta sui numeri a nostra disposizione, a soli 230mila euro annui. A sostenerlo è il Consigliere regionale del Pd Luca Gaffuri, intervenuto oggi pomeriggio in commissione territorio e mobilità del Consiglio regionale durante l’ennesima audizione in merito. Oggi il tema era la petizione popolare per il pedaggio gratuito, illustrata da Alberto Gaffuri, sindaco di Albese con Cassano, e Alberto Monti, vicesindaco di Lomazzo. In Aula era presente anche la società Pedemontana Spa con il direttore amministrativo Ivano Tonelli e il direttore tecnico Enrico Arini.
“Ogni occasione come questa va colta per tentare di trovare una soluzione – dichiara Luca Gaffuri -. Da una decina di giorni ho chiesto i dati precisi di transito tratta per tratta e non li ho ancora ottenuti, ma il confronto generale con ottobre, ultimo mese di gratuità, è impietoso, perché se si escludono coloro i quali vengono dall’autostrada o vi sono diretti, il traffico locale che sceglie la tangenziale rispetto ai percorsi cittadini è ai minimi termini: possiamo fare l’ipotesi di mille auto al giorno a fronte delle 14mila di quando il transito era gratuito. I conti sono semplici, parliamo di 630 euro di incasso al giorno e di 230mila euro l’anno. Mi rifiuto di pensare che ci si possa incagliare, rischiando di far fallire un’opera così importante, per una cifra del genere. Ben venga dunque l’iniziativa del Governo che ha invitato la società a rifare i calcoli, perché l’approdo credo proprio che dovrà essere quello che tutti i cittadini si attendono.”
Articolo scritto in Mobilità e con i tag , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>