La Provincia, il nostro voto, il populismo

AppuntamentiHo letto con interesse e stupore la lettera inviata al giornale dal collega di Laglio. Ritengo opportuno chiarire la scelta che io e moltissimi altri ammini- stratori di piccoli comuni abbiamo fatto domenica 12: noi siamo andati a votare. Siamo andati a votare per diversi motivi: 1) Anzitutto credo sia utile rammentare che ogni cittadino, a maggior ragione un amministratore locale, deve adempiere al diritto/dovere di voto sancito dalla nostra Costituzione, un diritto/dovere cui è inopportuno appellarsi solo in fase di campagna elettorale per proprio tornaconto, bensì vi si deve adempiere sempre. 2) Pur nella speranza che il riordino dell’ente provincia giunga a compimento nell’arco dei prossimi anni, portando così alla ripartizione delle sue competenze a Comuni e Regio ne, per ridare valore e decoro alla provincia di Como, da due anni commissariata e bisognosa di un Presidente che sappia guidarla nell’affrontare gli enormi problemi che si presenteranno nei prossimi anni.  3) Trovo avvilente che si tenti di ridurre tutto a mera spartizione di poltrone dettata dal solo intento di costruire logiche amicali e clientelari per ottenere in futuro favori sotto forma di finanziamenti; lo trovo avvilente, poiché credo nella serietà dei moltissimi amministratori di grandi e piccoli Comuni e lo credo poiché confido nel loro
desiderio di rilanciare il ruolo della politica per ridarle dignità. Con il “populismo” si raccol- gono facili consensi, ma è con il voto e la partecipazione che tutti noi potremo ridare dignità alla politica e alle istituzioni.

FEDERICO BROGGI – Sindaco di Solbiate

Articolo scritto in Idee e politica e con i tag , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>