Approvato al Senato il DDL Delrio

Il Senato con voto di fiducia ha approvato con 160 sì e 133 no il maxiemendamento interamente sostitutivo del disegno di legge Delrio. Ora il provvedimento passa alla Camera in terza lettura per il voto finale la prossima settimana e comunque in tempo utile perché le norme trovino applicazione sin dalla tornata elettorale del 25 maggio”. Lo ha annunciato questa sera il deputato comasco del Partito Democratico, Mauro Guerra.

 

“Insieme alla riforma delle Province e all’istituzione delle Città Metropolitane – commenta Guerra – diverranno legge norme importanti di semplificazione e sostegno per le gestioni associate dei piccoli Comuni, le

loro Unioni e le fusioni volontarie”.

 

“Per i piccoli Comuni – prosegue l’esponente democratico – si cambia finalmente verso, anche ripristinando dimensioni minime dignitose dei consigli comunali e delle giunte, senza alcun nuovo onere per le finanze

pubbliche ma ricostruendo condizioni essenziali di partecipazione democratica e di volontariato civico.

Una battaglia storica di ANCI trova il suo riconoscimento normativo”.

 

“Così come viene accolta, – sottolinea Guerra – almeno sino ai 3000 abitanti, la richiesta da tempo avanzata dalla stessa ANCI, di consentire per i Sindaci nei piccoli Comuni un terzo mandato, che si motiva oggi anche in relazione agli obblighi di gestione associata delle funzioni fondamentali”.

 

“Diamo atto al Governo – conclude Guerra – di aver voluto condurre in fondo con determinazione, sino all’apposizione della questione di fiducia, una riforma importante che fa ora dei Comuni il motore di una grande riforma del sistema delle autonomie locali. Sono certo che gli amministratori dei Comuni italiani sapranno essere all’altezza della sfida, nell’interesse delle loro comunità e del Paese”.

 

 

Qui in allegato il link al testo del maxiemendamento del Ddl Delrio approvato al Senato

http://www.lastampa.it/2014/03/26/ddl-delrio-9T8U8gS3Ovbm9mhApeHLCN/pagina.html

Articolo scritto in Idee e politica e con i tag , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>