Como: pressapochismo leghista sulla Cittadella sanitaria

sanna“Matteo Salvini viene a Como e sostiene che la giunta Lucini non ha fatto niente per la cittadella sanitaria a Camerlata. Il segretario della Lega si sbaglia e dimentica molte cose”. Così replica il consigliere  regionale del PD Luca Gaffuri. “Dopo una feroce contrarietà all’ipotesi di creare una cittadella sanitaria sull’area dell’ex Sant’Anna – spiega l’esponete del Pd -, solo con le elezioni regionali del 2010, Formigoni e la Lega Nord cambiano idea e nel 2011 la Regione firma un accordo di programma, con la Provincia di Como, il Comune, Azienda Ospedaliera e ASL, che prevede d’insediare a Camerlata l’azienda sanitaria. Da allora il Comune di Como ha fatto quello che doveva, cambiando le previsioni urbanistiche per la zona di via Napoleona. Da mesi poi sta sollecitando gli altri soggetti coinvolti nel progetto a rispettare gli impegni presi. Non risulta, infatti, che l’ASL abbia avviato il trasferimento né che Infrastrutture Lombarde abbia avviato le procedure per il passaggio di proprietà di spazi del monoblocco di via Napoleona dall’Azienda Ospedaliera all’ASL: e sono tutti enti che dipendono dalla Regione. Questa volta la Lega non può dire come al solito che è colpa d’altri; Salvini, sulla cittadella sanitaria, dovrebbe piuttosto chiedere spiegazioni ai suoi compagni di partito Luciano Bresciani, ex assessore regionale alla Sanità, al presidente Maroni ovviamente e al sottosegretario responsabile degli accordi di programma Ugo Parolo. Stiamo attendendo la risposta”.

Articolo scritto in Notizie da Como, Sanità e welfare e con i tag , , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>