Scuole a Mariano: l’ex assessore e l’incapacità di accettare il dialogo

«Risposte sconcertanti e inaccettabili: l’ex assessore Giovanni Alberti sulle scuole ha  confermato l’atteggiamento di sempre e cioè l’incapacità di accettare punti di vista diversi  dai suoi». Non fa sconti Savina Marelli, capogruppo Pd: la polemica apertasi tra i  rappresentanti del consiglio di istituto IV Novembre e l’ex esponente dell’amministrazione Turati su alcuni problemi organizzativi messi in luce nel plesso delle medie di via dei Vivai,  ha lasciato il segno nel centrosinistra marianese. Tutto nasce dalle criticità fatte presenti dal dirigente scolastico Marinella Caglio e dai rappresentanti del consiglio d’istituto della IV Novembre al commissario prefettizio Corrado Conforto Galli nei giorni scorsi e già anticipate anticipate alcuni mesi fa in una lettera indirizzata all’ex sindaco Alessandro Turati. «Fare il punto della situazione sull’accorpamento delle scuole a distanza di un anno e mezzo dal suo avvio – attacca la Marelli – mi sembra logico perché cerca di migliorare quello che non va. Di fronte ai problemi, però, Alberti ha accusato i docenti di cattiva  organizzazione, confermando la sua mancanza di disponibilità all’ascolto». E insiste: «Aver messo nei plessi di via Trotti e di via dei Vivai classi delle elementari e delle medie, rischia di impoverire l’offerta formativa perché potrebbe venire a mancare la massima critica per proporre i diversi moduli di insegnamento ». Inoltre: «Nonostante tutto la scuola ha continuato a funzionare bene, ma non può continuare a mettere pezze». La Marelli rilancia: «La lettera della scuola è stata inviata in Comune il 23 ottobre con invito a consegnarla anche a tutti i capogruppo, ma non è mai arrivata». Infine: «Le dichiarazioni di Alberti confermano che l’accorpamento non è stato fatto per migliorare l’offerta formativa –  conclude la Marelli – ma per risparmiare sullo scuolabus e sulla mensa. Meno male che stiamo parlando di un ex assessore».

Articolo scritto in Notizie dalla Provincia e con i tag , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>