La Regione scongiuri la chiusura del luogo simbolo delle glorie del ciclismo italiano e lombardo

Museo-del-Ciclismo-del-GhisalloIl Museo Madonna del Ghisallo, simbolo delle glorie del ciclismo italiano e lombardo, ha annunciato nei giorni scorsi la chiusura per mancanza di fondi. Una scelta che avrà pesanti ripercussioni innanzitutto sui dipendenti ed anche sull’indotto turistico regionale dal momento che il museo è punto di riferimento per tutti gli appassionati di questo sport. Il consigliere regionale del PD Luca Gaffuri condivide l’interrogazione presentata dal partito all’indirizzo dell’assessore regionale allo Sport Antonio Rossi, in discussione nella prossima seduta d’Aula, per conoscere se e in che modo la Giunta intenda fornire al Museo del Ciclismo tutto il supporto necessario alla riapertura.

“Nel 2005 Regione Lombardia ha promosso un accordo di programma in favore del Museo che la vede coinvolta come partner del progetto con un significativo contributo – spiega Luca Gaffuri – Ad oggi, però, venendo meno un finanziamento regionale le conseguenze non hanno tardato ad arrivare. Per la Lombardia è importante che questa realtà non si spenga – continua – ed è con questo spirito che abbiamo presentato un’interrogazione ad hoc per pungolare la Giunta ad investire sul museo sia in termini di carattere economico che di piano strategico di valorizzazione per incrementarne le visite e renderne sostenibile la gestione già dall’anno prossimo ed in vista dell’Expo, salvaguardo così tutti i soggetti che, a causa della chiusura, resteranno senza lavoro. E’ già arrivata la disponibilità di molte realtà lombarde – conclude –  la Regione faccia la sua parte”.

Articolo scritto in Territorio e con i tag , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>