Positivo il nuovo accordo interministeriale Italia-Svizzera

bandiera-svizzera-italia-free-300x199“Considero positiva la ripresa del confronto tra Italia e Svizzera, e in particolare la volontà emersa ieri da una nota congiunta del ministro Maurizio Lupi e dalla consigliera federale Leuthard, di stilare al più presto, entro la fine del 2013, un accordo interministeriale Italia-Svizzera sulle infrastrutture e il trasporto ferroviario con road-map, cronoprogramma e piano di finanziamento delle opere da proporre alla ratifica dei Parlamenti dei due Paesi”.  Lo dichiara la deputata comasca Chiara Braga dopo essere venuta a conoscenza della nota congiunta diffusa ieri dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti  italiano e dal Dipartimento federale svizzero dell’Ambiente e dei Trasporti, in occasione dell’incontro svoltosi ieri a Roma trai rispettivi ministri, l’italiano Maurizio Lupi e la consigliera federale Doris Leuthard.

“Un risultato importante che spero permetta all’Italia di recuperare il pesante ritardo accumulato in questi anni rispetto alla definizione degli assetti infrastrutturali strategici per il  trasferimento del traffico merci dalla gomma al ferro, e che allo stesso tempo, consenta al nostro Paese di non perdere la disponibilità finanziaria confermata dalla Confederazione elvetica”.

Nella nota congiunta diffusa nella serata di ieri   si è data particolare attenzione alla realizzazione del collegamento Mendrisio-Varese, strategico per l’Expo 2015, e al tratto ferroviario Busto Arsizio-Gallarate-Luino-San Gottardo considerato di interesse prioritario per il trasporto merci sull’asse Genova-Novara-Basilea.

“Sul collegamento Mendrisio-Varese, che comprende quindi la linea ferroviaria   Arcisate-Stabio attualmente in stallo, è fondamentale che si definisca al più presto una soluzione utile a sbloccare la situazione di stallo dei lavori sul territorio italiano, dando risposta al problema della gestione delle terre e delle rocce da scavo che da mesi ostacola la piena ripresa dei lavori. Su questo punto la Regione con l’assessore Del Tenno aveva assicurato una soluzione in tempi rapidi; sono trascorsi diversi mesi e su questo punto vorremmo avere a riguardo indicazioni più rassicuranti e certe”.

“Sul tratto ferroviario dell’Alptrasit ritengo che la questione fondamentale sia chiarire una volta per tutte le scelte di potenziamento e adeguamento delle tratte esistenti – sia sulla linea di Luino che quella Chiasso-Milano – per garantire un efficace collegamento verso sud della nuova trasversale ferroviaria alpina AlpTransi alla luce delle ricadute fondamentali che questa potrà avere sul tessuto economico e produttivo regionale e nazionale. In tal senso chiederemo nuovamente al ministro Lupi di dare risposta alla nostra interrogazione già presentato lo scorso aprile 2013”.

Articolo scritto in Mobilità, Territorio e con i tag , , , .

Una risposta a Positivo il nuovo accordo interministeriale Italia-Svizzera

  1. zva scrive:

    la terra è sabbia..ed è stata spostata per la maggior parte..o più di 3/4..mentre non bisogna confondere la realizzazione di un’opera ..con relativa urgente chiusura della ferita aperta …e lo smaltimento di quel che deriva da tale intervento..altrimenti peggiorando l’evento dannoso..sotto tutti i punti di vista…fa prima Obama a dichiarare guerra?




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>