Mario Lucini all’assemblea cittadina del PD

Mario_Lucini_corto-510x356Il partito Democratico della città di Como si è riunito la scorsa settimana in assemblea per fare il punto sulla situazione politica della città. Ospite della serata era il sindaco Mario Lucini che ha illustrato il percorso fin qui svolto e i prossimi temi che l’amministrazione comunale dovrà affrontare. La relazione del primo cittadino ha trovato ampio consenso nell’assemblea che ne ha approvato con soddisfazione l’operato e gli ha rinnovato senza eccezioni, a lui e alla sua giunta, il sostegno. Il Partito Democratico cittadino ha anche preso l’impegno, nei confronti del sindaco, di essere ancora più propositivo sui temi di carattere locale, offrendo tutta la propria competenza e disponibilità. In un confronto franco e rispettoso dei reciproci ruoli, il partito e il suo sindaco, hanno affrontato tutti i temi all’ordine del giorno, riproponendosi di dare a questa iniziativa una cadenza regolare.

Articolo scritto in Notizie da Como e con i tag , , , , , .

Una risposta a Mario Lucini all’assemblea cittadina del PD

  1. Renato Brenna scrive:

    Carissimi tutti, premesso che nella mia ormai lunga militanza di politico e amministratore comunale non ho mai condiviso il frequentissimo iper-criticismo di quegli amici e compagni a cui non va mai bene niente, leggendo i resoconti dell’ultima assemblea cittadina del PD di Como, non ho potuto evitare di riandare con la memoria a certi comunicati del PCI del “centralismo democratico” (del secolo scorso) di cui sono stato orgoglioso militante : “approvato con soddisfazione l’operato e (….) rinnovato senza eccezioni, a lui (Sindaco – ndr) e alla sua giunta, il sostegno (….) . (….) In un confronto franco e rispettoso dei reciproci ruoli, il partito e il suo sindaco, hanno affrontato tutti i temi all’ordine del giorno, riproponendosi di dare a questa iniziativa una cadenza regolare. (….). Nella mia esperienza diretta di rappresentante di un’associazione di categoria del ns. territorio, sono molto meno convinto della capacità della Giunta di confrontarsi con cittadini e forze sociali ed economiche locali, di informarli adeguatamente, della positività (finora) del suo operato in alcuni settori nevralgici quali quello delle politiche energetiche, della moblità e dei parcheggi, della riforma della “macchina comunale” e dei suoi servizi e personale …………. Di una vicenda, in particolare, ho adeguata contezza : il tormentato “Bando calore” di edifici comunali. In rappresentanza dell’associazione di imprese del settore in cui opero e assieme ad altri soggetti ed esperti (ANCI, Nomisma, ACSM ….), abbiamo inutilmente (finora) denunciato che non risponde affatto agli interessi della Comunità ed ai nuovi indirizzi in campo energetico, l’ostinata scelta del Sindaco e dell’assessore Magatti di confermare il bando della Giunta Bruni, fortemente sostenuto dal “potente” dirigente del Settore ing. Ferro e dal passato Segretario Comunale avv. Fabiano, improntato ai vecchi e superati criteri di gara “a consumo di calore” e non già “a risparmio energetico (efficientamento energetico degli edifici)”. In Giunta se nè è discusso qualche minuto. Peggio è andata nel Gruppo Consiliare, nel Partito e nei Gruppi di Maggioranza dove, per altro, prevale l’opinione di cambiare il bando. Altro che valorizzazione di “competenza e disponibilità” di società civile, cittadini, elettori, sostenitori…….. Una bruttissima vicenda, per di più segnata da inquietanti “opacità” nel ruolo e nei comportamenti di alcuni soggetti. Renato Brenna – Legacoop Como




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>