Dalla Camera un riassunto di questi primi giorni di lavoro

In questi primi giorni di avvio di Legislatura sono stati giorni complicati e proprio in queste ore siamo in attesa di conoscere le decisioni del Presidente Napolitano, per capire quale sarà il percorso che ci attende da qui in avanti. Credo che sarà utile tornare a discuterne appena il quadro sarà meglio definito e per me, come sempre, sarà importante confrontarmi con voi su un passaggio così delicato per il ruolo istituzionale che sono attualmente chiamata a ricoprire, per il nostro Partito e soprattutto per il Paese.
Anche se l’attività legislativa della Camera non ha ancora preso a funzionare a regime, questa settimana ha visto l’elezione del nostro Presidente di Gruppo, il neo-deputato Roberto Speranza, un giovane capace e determinato, che pur non avendo grande esperienza parlamentare, per le sue qualità politiche e personali saprà guidare ed unire in un lavoro costruttivo un gruppo parlamentare numeroso, ricco di risorse e fortemente rinnovato.
Voglio spendere una parola su questo; il PD ha tra le file dei suoi parlamentari alla Camera 86 deputati under 40 su un totale di 297 deputati. Ieri, su iniziativa mia e degli altri “giovani-vecchi” deputati under 40 rieletti dalla precedente legislatura, ci siamo incontrati per confrontarci su questo complicato inizio di legislatura.
Per me è stata una vera emozione scoprire un insieme di giovani donne e uomini, un patrimonio impressionante di energia, competenza, capacità; molti amministratori, professionisti, persone che hanno alle loro spalle anni di impegno politico e nell’associazionismo e che sentono fortissimi l’onore e la responsabilità di essere parte di una delle maggiori Istituzioni del nostro Paese. Si tratta di una ricchezza importante, che non deve essere dispersa e che aspetta di poter iniziare a lavorare seriamente, per affrontare i tanti problemi di cui sentiamo forte la pressione e l’urgenza.
Ho voluto sottolineare questo aspetto perché credo che sia doveroso ricordare anche a noi stessi e a chi ci guarda che le competenze e le energie di cambiamento non stanno solo da una parte in Parlamento e che noi democratici, a differenza di altri, siamo pronti a metterle in gioco da subito, nell’interesse del nostro Paese.
Nella seduta di ieri abbiamo poi completato l’elezione dell’Ufficio di Presidenza della Camera. Per me è stato motivo di grande gioia vedere eletti nel ruolo di Vicepresidenti della Camera Marina Sereni e Roberto Giachetti; due ottimi parlamentari che ho imparato ad apprezzare per la loro competenza ed esperienza (caratteristiche fondamentali per svolgere al meglio un ruolo istituzionale in un quadro parlamentare così complicato) e che sapranno far valere anche le loro qualità umane, fondamentali per restituire credibilità al Parlamento. Lo stesso valga per i colleghi del PD che andranno a comporre l’Ufficio di Presidenza della Camera.
Ed infine ieri è stato anche il giorno in cui, insieme a molti colleghi, abbiamo raccolto l’allarme lanciato dai Sindaci e dagli amministratori locali, riuniti a Roma dall’Anci in una partecipata assemblea. Il gruppo del PD, grazie soprattutto all’impegno di colleghi deputati particolarmente attenti alle questioni degli enti locali (tra cui il collega comasco Mauro Guerra) ha già avanzato iniziative parlamentari per affrontare le tanti questioni aperte: dal patto di stabilità allo sblocco dei pagamenti alle imprese. Su questo punto, a fronte di una prima ‘iniziativa presa dal Governo uscente,come deputati PD abbiamo dichiarato di essere pronti immediatamente a lavorare in Parlamento per dare attuazione a quei provvedimenti, sollecitando i Presidenti delle Camere ad intervenire con tempestività.
La prossima settimana, già da lunedì, ci vedrà impegnati in aula per l’informativa del Governo Monti sul Consiglio europeo e la situazione di Cipro, oltre che sul caso dei Marò in India. E soprattutto saranno giorni cruciali per capire il destino di questa Legislatura e le possibilità di dare al Paese un Governo in grado di affrontare le tante urgenze e i tanti problemi che ogni giorno tocchiamo con mano.
Abbiamo poche certezze, ma una almeno mi sento di affermarla: il PD in Parlamento farà la sua parte, mettendo sempre al primo posto l’interesse del Paese che con serietà e responsabilità vogliamo rappresentare.
Chiara Braga
Articolo scritto in Idee e politica e con i tag , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>