Amianto: in Regione approvata la nuova Legge ma mancano i fondi

E’ stata approvata martedì 23 luglio 2012 dal Consiglio regionale, la nuova legge sul risanamento dell’ambiente, la bonifica e lo smaltimento dell’amianto. Favorevole il Gruppo regionale del Partito democratico che ha seguito passo passo lo sviluppo del progetto di legge, che va a modificare le norme già esistenti. “Se ne discute da un anno con grande coinvolgimento non solo della VI Commissione Ambiente e del Consiglio regionale, ma anche dei Comuni, delle Province, dell’Arpa, delle Asl, dei movimenti sindacali, delle associazioni di cittadini e dei familiari delle vittime che hanno dato un grande contributo alla discussione” hanno commentato Luca Gaffuri, capogruppo, e Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd e capogruppo proprio in Commissione Ambiente, spiegando i contenuti della nuova normativa: “Con questa legge andiamo a integrare e modificare la precedente e riusciamo a tenere insieme quattro punti fondamentali, a partire da quello sanitario: sono già stati accertati in Lombardia 3mila malati di mesotelioma, ma il picco è atteso fra 15-20 anni. Ecco perché è così importante l’aspetto della ricerca e delle strutture adeguate. C’è poi la questione delle bonifiche: nella nostra regione sono decine e decine da fare, a partire dalla ex Fibronit di Broni, paragonabile al caso di Casale Monferrato. Subito dopo viene la necessità dello smantellamento: si tratta di 3 milioni di metri cubi di materiale, in Lombardia, e la stima è al ribasso. Infine, il quarto, importante punto è quello dello smaltimento: occorre puntare sulle piccole discariche, che devono essere autosufficienti e calibrate sul livello provinciale, in collaborazione con le aziende di servizi pubbliche del territorio, ma senza chiudere agli impianti innovativi, seppure certificati, e sempre con il consenso dei territori”. Le legge tuttavia presenta una carenza finanziaria: prevede solo 2 milioni di euro all’anno per tre anni. Fondi insufficienti tanto che il Consiglio ha approvato all’unanimità un Ordine del giorno promosso dal PD che impegna la Giunta a definire un piano finanziario pluriennale al fine di garantire ulteriori risorse. “Già dal prossimo bilancio chiederemo di aumentare gli stanziamenti, inoltre ci impegniamo fin da subito a intervenire sul Ministero dell’Ambiente per avere altri fondi, soprattutto destinati alle bonifiche”.

Articolo scritto in Ambiente e agricoltura e con i tag , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>