Legnani commenta i risultati delle primarie del PDL

Stefano Legnani, segretario cittadino PD, commenta i risultati delle primarie del PDL che si si sono svolte la scorsa domenica: “Tutte le volte che i cittadini sono chiamati a votare è sempre un fatto positivo per la democrazia; non si può quindi che apprezzare che anche il PdL abbia deciso di affidare la scelta del proprio candidato sindaco alle elezioni primarie, seguendo la strada sulla quale il centrosinistra si è posto ormai da molti anni.
Diverso è però il clima in cui sono svolte rispetto a quelle che hanno individuato in Mario Lucini il candidato sindaco del centrosinistra. Allora una leale competizione tra persone che si indentificavano in un condivisa visione della città, ieri un vera e propria guerra senza esclusione di colpi tra le diverse anime del PdL che hanno cercato entrambe di presentarsi come il nuovo rispetto alla precedente amministrazione; tentativo maldestro perché i due candidati erano in diretta continuità con chi ha amministrato la città negli ultimi anni.
Laura Bordoli, stimata e competente professionista, vincitrice delle primarie, è infatti espressione di quella parte del partito della quale fanno parte l’attuale sindaco, la quasi totalità degli assessori e dei consiglieri comunali, nonché il coordinatore provinciale del PdL, cioè i principali responsabili della drammatica situazione in cui si trova l’amministrazione comunale e soprattutto la città; tutti impegnati nelle scorse settimane a sostenerne la candidatura.
Per Como è invece necessario un vero e proprio “cambio di passo” che segni una netta discontinuità con il passato e che solo una candidatura autorevole come quella di Mario Lucini può garantire”.

Articolo scritto in Idee e politica, Notizie da Como e con i tag , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>