Si riveda al più presto il meccanismo di funzionamento della carta sconto benzina

“I dati che sono circolati in questi ultimi giorni sono preoccupanti. E’ necessario che al più presto venga rivisto il meccanismo per il funzionamento dello “sconto-benzina” nelle zone di confine con la Svizzera e che, per l’occasione, sia attivato anche uno sconto per i titolari di vetture che utilizzano il diesel e vengano riviste le fasce di applicazione delle riduzioni del prezzo nelle province di Como e Varese”.

Così i consiglieri regionali del Partito Democratico, Luca Gaffuri ed Alessandro Alfieri, intervengono nel dibattito in corso in questi ultimi giorni dopo l’entrata in vigore delle nuove accise sui carburanti che hanno avuto come ripercussione, nell’area comasca e varesina, il ritorno in grande stile del fenomeno del pendolarismo del pieno che si pensava fosse retaggio del passato.

“La situazione attuale è difficile – dice Gaffuri – e come è stato sottolineato da più parti è importante che prosegua la stretta collaborazione fra tutti i soggetti interessati. Credo sia ora di aggiornare completamente il sistema favorendo l’oscillazione dello sconto a seconda dei prezzi con cui vengono venduti i carburanti in Canton Ticino, situazione peraltro che sarebbe già prevista, allargando le fasce di applicazione delle riduzioni ed applicando lo sconto al gasolio quando la differenza di prezzo è superiore a 5 centesimi”.

“E’ interesse dello Stato italiano concedere queste agevolazioni agli automobilisti varesini e comaschi in quanto la situazione attuale, dovuta ai recenti aumenti, costa la perdita di un ingente gettito erariale quotidiano – rileva Alfieri -. La prossima settimana presenteremo, con i colleghi del Partito Democratico, un ordine del giorno nella discussione sul bilancio regionale per chiedere a Regione Lombardia d’intervenire presso il Governo per quanto riguarda le risorse economiche, per favorire l’introduzione dello sconto per il gasolio nonché sull’allargamento delle fasce di godimento di questi benefici”.

Articolo scritto in Economia e lavoro, Idee e politica, Territorio e con i tag , , , , , .



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>