Archivi tag: expo

È necessario e urgente fare di più per abbattere le barriere architettoniche. Anche in vista di Expo 2015

Borghetti disabilitàOggi, venerdì 27 Giugno, ho promosso e partecipato, con la collega Daniela Maroni, della Lista Maroni, e con gli altri consiglieri dell’Intergruppo “Vita, Famiglia ed Economia Sociale”, un’iniziativa  denominata “Nei panni delle persone con disabilità”.
Insieme anche ai Presidenti delle associazioni che rappresentano le disabilità fisiche -per la Ledha Franco Bomprezzi, e per Fand Nicola Stilla, al Presidente del Consiglio Regionale Raffaele Cattaneo e all’Assessore Mario Melazzini, nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa ho sottolineato la necessità che la politica affronti in maniera più incisiva e interdisciplinare la questione dell’abbattimento delle barriere architettoniche, anche e sopratutto in vista di Expo 2015.
L’Esposizione Internazionale è infatti un’ importante occasione per fare leva su temi come questi. E’ quindi necessario un cambio di mentalità: una nuova cultura per cui le opere devono già nascere totalmente accessibili ai disabili, e non essere adattate in seguito, tenendo conto anche delle disabilità sensoriali dei non vedenti e non udenti.
Sul tema della disabilità, nello scorso novembre sono stato presentatore della mozione “Expo accessibile a tutti”, approvata da tutti i gruppi in Consiglio regionale con la sola astensionedel Movimento 5 Stelle.
Il documento ha già portato alcuni frutti, tra cui il rinnovo da parte dell’Assessorato alla Famiglia della gestione dello Sportello Disabilità regionale e un nuovo stanziamento specifico di 200 mila euro per la creazione di reti informative per facilitare la fruizione ai disabili delle strutture e delle infrastrutture legate a Expo 2015, che rimarranno attive anche in seguito (azioni individuate anche dal Piano di Azione regionale decennale preparato nel 2010 da Melazzini).
Nonostante quanto già approvato, resta però ancora moltissimo da fare in tutta le regione, oltre che a Milano. No solo occorre attrezzare meglio il trasporto pubblico e le stazioni, ma occorre anche migliorare le apposite segnaletiche: in questo, le Amministrazioni coinvolte vanno da quelle comunali a quelle regionali a quelle -tutte- dei servizi pubblici.
La disabilità è una questione che riguarda il nostro mondo, cioè tutti noi,  che non va affrontata con provvedimenti sporadici, bensì con politiche coordinate, basate sul principio dell’interdisciplinarietà, su cui tutte le forze politiche devono collaborare senza distinzione di colore e orientamento.
L’evento sulla disabilità si è concluso con una simulazione da parte dei Consiglieri, che si sono spostati dal Pirellone alla Stazione Centrale su carrozzina o bendati e con bastoni.
È davvero diverso fare l’esperienza delle barriere dal semplice parlarne: tocca alla politica iniziare a fare davvero di più.
Pubblicato in Idee e politica, Mobilità, Sanità e welfare | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Castellazzo di Bollate – il recupero è possibile grazie al sostegno di Regione, Europa e privati

Castellazzo di Bollate è un vero gioiello del nord-ovest Milano e di tutta la Lombardia che, tuttavia, si trova oggi a forte rischio di degrado per le condizioni in cui versa l’antica villa di delizia, e soprattutto il caseggiato rurale. Per capire come affrontare e prevenire il disfacimento del borgo agricolo, l’VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale ha effettuato una visita accompagnata dalla proprietà e dall’associazione “Amici di Castellazzo”.

Come ha dihciarato il mio collega Agostino Alloni, che ha partecipato al sopralluogo, l’Associazione ha principalmente chiesto aiuti economici per iniziare molti degli interventi in programma e per portare avanti quelli che sono già stati avviati. Personalmente, conosco Castellazzo da sempre e ho seguito l’evoluzione della sua vicenda, ma ora è venuto il momento che le istituzioni diano un sostegno efficace, al di là delle tante aspettative che l’Expo aveva sollevato.

E’ evidente che il progetto per il recupero del borgo rurale è imponente, ed è altrettanto evidente che non basta un singolo progetto o un unico contributo. Qui la visione deve essere ampia, quindi, serve un grande piano di recupero dell’esistente, che proceda per step, nel quale inserire singoli progetti, anche in visione di un futuro utilizzo.

Per quanto riguarda i fondi, come concorda anche Alloni, suggeriamo all’Associazione di avvalersi prima di tutto dei bandi europei, i cosiddetti Fesr, i Fondi europei di sviluppo regionale. Solo successivamente, tra giugno e luglio, quando sarà possibile accedervi, segnaleremo agli interessati la possibilità di partecipare al Psr, il Piano di sviluppo rurale della Lombardia.

Sicuramente, anche la Regione potrà mettere una parte, ma di questi tempi e per queste finalità non sarà tantissimo, comunque tutto aiuta. Sarà tuttavia fondamentale cercare anche il sostegno privato, attraverso ad esempio le fondazioni bancarie, che in altri casi e in altre Regioni – pensiamo solo alla Venaria Reale, in Piemonte –, hanno veramente fatto la differenza.

Milano, 10 aprile 2014

Pubblicato in Territorio | Taggato , , , , , , , | Lascia un commento

Presto cabina di regia per Expo accessibile alle persone con disabilità. Consiglio regionale approva mozione

È stata approvata oggi, 12 novembre, in Consiglio regionale, una mozione del Consigliere Pd Carlo Borghetti che invita la Giunta regionale, in preparazione di Expo 2015, ad attivarsi per migliorare la fruibilità e la promozione del territorio anche per la persone con disabilità. In particolare l’impulso della mozione va all’attivazione di una vera e propria cabina di regia, in collegamento con gli enti e le istituzioni che lavorano all’organizzazione dell’evento, che possa coordinare i vari interventi (da quelli sulla ricettività alberghiera a quelli sui mezzi di trasporto) nell’ottica delle specifiche esigenze delle persone con disabilità fisica, sensoriale e relazionale e alla progettazione di un sistema integrato capace di valorizzare le realtà accessibili. “L’idea è quella di creare un’offerta turistica, infrastrutturale e culturale strutturata in grado di rispondere alle richieste delle persone con disabilità. Per questo siamo soddisfatti dell’approvazione che l’Aula oggi ha dato a questa mozione. Ora si attivi presto la cabina di regia anche con la collaborazione delle associazioni del settore” ha dichiarato Carlo Borghetti.

Milano, 12 novembre 2013

Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

Basta con la speculazione alimentare. E anche questo può essere Expo.

 

 

Borghetti (PD): “Expo: per nutrire il Pianeta, in Lombardia diciamo basta alla speculazione alimentare”


Il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato oggi all’unanimità, nell’ambito dell’Assestamento al Bilancio per l’esercizio finanziario 2012 e al Bilancio pluriennale 2012/2014, l’Ordine del Giorno di adesione alla campagna “Sulla fame non si specula”, promossa da ACLI, Action Aid, Comitato Afro, Pime, Unimondo, settimanale Vita, con l’adesione di numerose altre sigle quali Coldiretti, Acra, Altis, Banca Etica, Casa della Carità, Cesvi, CoLomba, Intervita, Link 2007, Ipsia, Ctm Altromercato, Legambiente, Mani Tese, Slow Food, Terre di Mezzo, Volontari per lo sviluppo, WWF.

 

Soddisfatto il consigliere regionale Carlo Borghetti, che aveva proposto l’Ordine del Giorno: 

“Non dobbiamo dimenticare che il tema di Expo 2015 è “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, e Regione Lombardia, che promuove Expo, non può essere indifferente al tema della fame nel mondo: sono 925 milioni nel mondo le persone che quotidianamente ne soffrono o che sono malnutrite – afferma il consigliere Borghetti - Per questo ho chiesto e ottenuto non solo l’adesione di Regione Lombardia alla campagna “Sulla fame non si specula”, ma anche la garanzia alla trasparenza sui prodotti finanziari utilizzati dalla Regione, in modo che  nella gestione della propria liquidità l’ente non faccia ricorso a prodotti finanziari derivati, legati in qualsiasi modo a materie prime agricole (commodities)”.

 

Per informazioni sulla campagna consultare www.sullafamenonsispecula.org

Pubblicato in Blog Dem | Taggato , , , , , , | Lascia un commento

Nord chiama Sud contro la ‘ndrangheta

Il presidente della Commissiona antimafia calabrese Salvatore Magarò

Lunedì 6 novembre 2010

- Legami troppo stretti tra Lombardia e Calabria sul fronte delle organizzazioni criminose. Un cancro, quello della ‘ndrangheta, che al nord ha cominciato a diffondersi molti anni fa, ma che ora tocca il suo apice, anche in vista di importanti appalti per l’Expo. E ora è urgente correre ai ripari.
E’ in quest’ottica che la commissione Affari istituzionali del consiglio regionale ha incontrato il presidente della commissione Antimafia del consiglio regionale calabrese, Salvatore Magarò. “E’ stata un’ottima occasione – commenta Carlo Borghetti - per avviare importanti rapporti tra Lombardia e Calabria sul fronte della lotta alla criminalità organizzata: ha trovato assolutamente il nostro favore l’idea di portare avanti un lavoro assieme tra i due consigli regionali, valorizzando quello che stiamo facendo come Commissione sul progetto di legge per l’educazione alla legalità e di contrasto alle mafie. E’ importante, infatti, un’alleanza tra le istituzioni, ma anche tra la politica e la società civile”. 
Al presidente Magarò Borghetti ha illustrato, durante l’incontro, i capisaldi del progetto di legge “che come Pd abbiamo presentato tra i primi, studiandolo con la collaborazione dell’associazione Libera, e che si sta utilizzando come base per il progetto bipartisan. Insomma, è fondamentale l’unità di intenti tra i due consigli regionali, che ci vede favorevoli e che dovrebbe vederci uscire pubblicamente con voce unanime. Per questo stona ancora di più la mancanza di gran parte della maggioranza, in Commissione, dove noi componenti del Pd c’eravamo tutti, mentre il Pdl era rappresentato solo da tre consiglieri, di cui uno presidente di commissione, e della Lega addirittura non c’era nessuno, tranne il presidente Boni per il saluto iniziale. Voglio sperare che non sia un segnale di disimpegno”. 
E nel dettaglio, Borghetti ricorda le proposte emerse durante l’incontro: “Ci scambieremo le informazioni sulle iniziative che i due consigli metteranno in campo, ma c’è anche l’idea di fare un documento unico, probabilmente un ordine del giorno, magari da approvare nella stessa giornata, anche per dargli maggiore visibilità. E di fronte all’evidenza che la Lombardia è diventata un ganglio della ‘ndrangheta calabrese, questa è la palese dimostrazione che la politica sa reagire, al di là delle polemiche”. 
Polemico sull’assenza della Lega all’incontro con Magarò anche Filippo Penati, vicepresidente del consiglio regionale, che sottolinea come sia “tempo di fare una commissione Antimafia anche in Lombardia. E’ sbagliato e irresponsabile sottovalutare il rischio di infiltrazione nell’economia lombarda e in quella milanese”. Tra le proposte concrete del Pd Penati ricorda “quella del conto corrente unico per la trasparenza degli appalti”.

Pubblicato in Idee e politica, Territorio | Taggato , , | Lascia un commento