Archivi tag: disabilità

Maroni non reintegra il Fondo Sociale, non taglia i Ticket sanitari, e rinvia al futuro le promesse

InaulasubilancioOggi, 9 luglio, durante la seduta della Commissione Sanità, ho espresso forte delusione e contrarietà alla proposta di assestamento di Bilancio della Giunta Maroni che la maggioranza ha presentato.

Dal documento si evince che il Fondo Sociale Regionale, che era già stato fortemente ribassato rispetto ai bilanci precedenti, non sarà soggetto ad alcuna integrazione, come invece si era lasciato intendere, né è prevista alcuna manovra di altro tipo a sostegno del sociale per il 2014: per anziani, minori e persone con disabilità i Comuni dovranno accontentarsi dei soli 55 milioni di euro già stanziati, a fronte dei 70 dell’anno scorso e degli oltre 100 degli anni passati.

Anche il Fondo per la Famiglia resta per il 2014 fermo a una ottantina di milioni, ben al di sotto dei 300 milioni di euro che la Giunta Maroni -e non noi del PD- aveva fissato come quota necessaria a garantire un sostegno adeguato. Anzi, quasi una beffa, nel Bilancio sono tolti 105 mila euro al sostegno alla disabilità.

Infine non troviamo alcuna traccia dei 40 milioni di euro che sarebbero ricavati dai costi standard e che dovevano, nelle intenzioni di Maroni e dell’Asessore alla Salute Mantovani, essere utilizzati per il taglio del ticket.

Il Bilancio della Giunta Maroni è ben al di sotto delle promesse che la Giunta stessa ha da tempo espresso. Il documento è anche ben al di sotto delle promesse di integrazione fatte a più riprese anche dalla maggioranza.

Come gruppo PD, presenteremo nostre proposte per emendare un Bilancio che non è in grado di dare una risposta né alle esigenze dei Comuni, oggi in grave difficoltà, né ai bisogni dei cittadini che, in ambito sociale e sanitario, sono sempre più lasciati soli nel momento del bisogno.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , , , , , , , , | Lascia un commento

È necessario e urgente fare di più per abbattere le barriere architettoniche. Anche in vista di Expo 2015

Borghetti disabilitàOggi, venerdì 27 Giugno, ho promosso e partecipato, con la collega Daniela Maroni, della Lista Maroni, e con gli altri consiglieri dell’Intergruppo “Vita, Famiglia ed Economia Sociale”, un’iniziativa  denominata “Nei panni delle persone con disabilità”.
Insieme anche ai Presidenti delle associazioni che rappresentano le disabilità fisiche -per la Ledha Franco Bomprezzi, e per Fand Nicola Stilla, al Presidente del Consiglio Regionale Raffaele Cattaneo e all’Assessore Mario Melazzini, nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa ho sottolineato la necessità che la politica affronti in maniera più incisiva e interdisciplinare la questione dell’abbattimento delle barriere architettoniche, anche e sopratutto in vista di Expo 2015.
L’Esposizione Internazionale è infatti un’ importante occasione per fare leva su temi come questi. E’ quindi necessario un cambio di mentalità: una nuova cultura per cui le opere devono già nascere totalmente accessibili ai disabili, e non essere adattate in seguito, tenendo conto anche delle disabilità sensoriali dei non vedenti e non udenti.
Sul tema della disabilità, nello scorso novembre sono stato presentatore della mozione “Expo accessibile a tutti”, approvata da tutti i gruppi in Consiglio regionale con la sola astensionedel Movimento 5 Stelle.
Il documento ha già portato alcuni frutti, tra cui il rinnovo da parte dell’Assessorato alla Famiglia della gestione dello Sportello Disabilità regionale e un nuovo stanziamento specifico di 200 mila euro per la creazione di reti informative per facilitare la fruizione ai disabili delle strutture e delle infrastrutture legate a Expo 2015, che rimarranno attive anche in seguito (azioni individuate anche dal Piano di Azione regionale decennale preparato nel 2010 da Melazzini).
Nonostante quanto già approvato, resta però ancora moltissimo da fare in tutta le regione, oltre che a Milano. No solo occorre attrezzare meglio il trasporto pubblico e le stazioni, ma occorre anche migliorare le apposite segnaletiche: in questo, le Amministrazioni coinvolte vanno da quelle comunali a quelle regionali a quelle -tutte- dei servizi pubblici.
La disabilità è una questione che riguarda il nostro mondo, cioè tutti noi,  che non va affrontata con provvedimenti sporadici, bensì con politiche coordinate, basate sul principio dell’interdisciplinarietà, su cui tutte le forze politiche devono collaborare senza distinzione di colore e orientamento.
L’evento sulla disabilità si è concluso con una simulazione da parte dei Consiglieri, che si sono spostati dal Pirellone alla Stazione Centrale su carrozzina o bendati e con bastoni.
È davvero diverso fare l’esperienza delle barriere dal semplice parlarne: tocca alla politica iniziare a fare davvero di più.
Pubblicato in Idee e politica, Mobilità, Sanità e welfare | Taggato , , , , , | Lascia un commento

Presto cabina di regia per Expo accessibile alle persone con disabilità. Consiglio regionale approva mozione

È stata approvata oggi, 12 novembre, in Consiglio regionale, una mozione del Consigliere Pd Carlo Borghetti che invita la Giunta regionale, in preparazione di Expo 2015, ad attivarsi per migliorare la fruibilità e la promozione del territorio anche per la persone con disabilità. In particolare l’impulso della mozione va all’attivazione di una vera e propria cabina di regia, in collegamento con gli enti e le istituzioni che lavorano all’organizzazione dell’evento, che possa coordinare i vari interventi (da quelli sulla ricettività alberghiera a quelli sui mezzi di trasporto) nell’ottica delle specifiche esigenze delle persone con disabilità fisica, sensoriale e relazionale e alla progettazione di un sistema integrato capace di valorizzare le realtà accessibili. “L’idea è quella di creare un’offerta turistica, infrastrutturale e culturale strutturata in grado di rispondere alle richieste delle persone con disabilità. Per questo siamo soddisfatti dell’approvazione che l’Aula oggi ha dato a questa mozione. Ora si attivi presto la cabina di regia anche con la collaborazione delle associazioni del settore” ha dichiarato Carlo Borghetti.

Milano, 12 novembre 2013

Pubblicato in Idee e politica, Sanità e welfare | Taggato , , , | Lascia un commento

Disabilità: due enti litigano, e a pagare sono sempre i soliti

Martedì, 4 ottobre 2011- Due enti che si rimbalzano a vicenda la responsabilità, e a pagare sono sempre i più deboli. Non stupisce ma lascia comunque l’amaro in bocca la vicenda che ha visti coinvolti i Comuni rappresentati da Anci Lombardia e le Province riunite nella Upl sulla questione del finanziamento del servizio di assistenza educativa nelle scuole superiori. Ciascuno dei due enti sostiene che la competenza appartenga all’altro, col risultato che Anci ha invitato i Comuni lombardi a non fornire più il servizio, come già successo negli anni passati, in attesa che le province si organizzino. Così, i ragazzi con disabilità faranno sempre più fatica a frequentare le scuole superiori perché privi anche del più elementare appoggio a meno che ad intervenire non siano sempre le solite famiglie, che dovranno mettere le mani in tasca e pagare.  Molto attenta alla questione, insieme ad altre associazioni di categoria, è stata la Ledha (lega per i diritti delle persone con disabilità) che ha denunciato la mancanza di sensibilità di quegli enti che per primi dovrebbero farsi promotori della massima attenzione nei confronti dei cittadini più bisognosi. Dal canto nostro – e mio – come Pd Lombardia non resteremo certo a guardare

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato | Lascia un commento

Disabilità: la Regione dica no ai tagli del Governo e ci metta del suo

Centinaia di disabili hanno riempito oggi piazza Duca d’Aosta davanti alla stazione di Milano per chiedere di non vedere cancellati i loro diritti a causa dei tagli sul sociale avviati dall’ultima Finanziaria. “Il presidio, e l’incontro che ne è seguito in Commissione Sanità, hanno avuto il merito di mettere all’ordine del giorno il tema, con particolare riferimento al Fondo per la non autosufficienza azzerato dal Governo –hanno spiegato i consiglieri del Pd Carlo Borghetti e Sara Valmaggi– Come Commissione dobbiamo farci carico della questione affinché il Governo torni indietro sulle scelte appena fatte, che si tradurranno altrimenti in immediate ricadute negative sui servizi, e quindi sui diritti delle persone. Formigoni faccia per primo seguire alle sue parole di oggi in piazza dei fatti concreti, a partire dalla Conferenza Stato Regioni. Poi la Regione intervenga sulle variazioni di bilancio trovando i soldi che mancano”. Il consigliere Carlo Borghetti chiede alla Regione di trovare il modo di finanziare il Fondo Regionale per la non Autosufficienza, la cui istituzione si è rivelata per ora soltanto una scatola vuota. “Ho per questo depositato pochi giorni fa un progetto di legge come primo firmatario che chiede proprio l’implementazione e la disciplina del fondo”.

Pubblicato in Sanità e welfare | Taggato , | Lascia un commento